Uomini, boschi e api

Di

Editore: Einaudi

4.0
(238)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8806511440 | Isbn-13: 9788806511449 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Non rilegato , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Scienza & Natura

Ti piace Uomini, boschi e api?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Assaporare i luoghi, la storia delle genti e di passati che difficilmente potranno rivivere e riproporsi. Vivere nella e con la natura in una simbiosi perfetta. Il rispetto delle cose come rispetto de ...continua

    Assaporare i luoghi, la storia delle genti e di passati che difficilmente potranno rivivere e riproporsi. Vivere nella e con la natura in una simbiosi perfetta. Il rispetto delle cose come rispetto dell'Essere per poter vivere la vita amalgamandola con ciò che ci circonda. Il rispetto per dei luoghi sacri, dove si consumarono immani tragedie. Difficile non sognare di poter toccare con mano questi luoghi così amorevolmente vissuti e qui descritti

    ha scritto il 

  • 2

    Storie minime di vita agreste

    Mario Rigoni Stern raccoglie in questo piccolo libro racconti minimi di vita agreste: le battute di caccia, antichi mestieri che vanno scomparendo, gli animali del bosco, le arnie e le api. Ricorda i ...continua

    Mario Rigoni Stern raccoglie in questo piccolo libro racconti minimi di vita agreste: le battute di caccia, antichi mestieri che vanno scomparendo, gli animali del bosco, le arnie e le api. Ricorda i compagni di prigionia russi del piccolo Lager tedesco in cui fu prigioniero di guerra; un prete e un operaio cacciatori; un anziano che pensa nostalgico ai suoi cani, compagni di battute; una squadra di boscaioli che salva un capriolo dalla grandine; e poi volpi, pernici, urogalli, ghiri, lepri. Un capitolo è dedicato alla sorprendente vita delle api, che Rigoni stesso alleva. Sono storie semplici e rasserenanti in cui la caccia, nel rispetto delle regole e della natura, è sentita come una cultura antica degli uomini di montagna, una tradizione tramandata attraverso le generazioni e appresa fin dall’infanzia. I mestieri, le usanze, i luoghi descritti da Corona e da Rigoni sono gli stessi, ma diverso è il modo di sentire: le storie di Corona sono cupe, sanguinose, deprimenti e senza speranza. Rigoni invece racconta di una povertà dignitosa allietata da piccole cose: una caccia fortunata, la polenta divisa con gli amici, una passeggiata nei boschi x osservare gli animali nel loro ambiente. Per quanto io condivida il pessimismo di Corona, ritengo che le sue storie siano esasperate, perché la vita non può essere solo violenza; Rigoni racconta anche la morte, ma senza odio. Entrambi sono poeti della natura, da leggere, l’uno o l’altro, secondo il proprio stato d’animo. In questo libro, però, forse Rigoni è un po’ troppo minimalista.

    ha scritto il 

  • 5

    Il gigante

    Stern è un gigante nell'amore per la natura e per l'essere umano.
    Tanti anni fa lessi il suo "Sergente nella neve". Un capolavoro. Anche questo lo è. Ogni argomento da lui toccato diventa qualcosa di ...continua

    Stern è un gigante nell'amore per la natura e per l'essere umano.
    Tanti anni fa lessi il suo "Sergente nella neve". Un capolavoro. Anche questo lo è. Ogni argomento da lui toccato diventa qualcosa di molto alto.
    Tra i più grandi scrittori italiani di tutti i tempi.

    ha scritto il 

  • 3

    Sarà un mio limite, ma quando Rigoni Stern non parla di uomini e/o di guerra, mi piace meno. Questo libro è una raccolta di racconti dedicati alla natura dell'altipiano di Asiago, troppo distante dal ...continua

    Sarà un mio limite, ma quando Rigoni Stern non parla di uomini e/o di guerra, mi piace meno. Questo libro è una raccolta di racconti dedicati alla natura dell'altipiano di Asiago, troppo distante dal mio mondo perché io possa capirlo. Ho posto la lettura in stand-by, ritornerò.

    ha scritto il 

  • 5

    Primo libro di Mario Rigoni Stern che leggo in vita mi... mi sono ritrovato a pensare che quest'uomo ha un dono. Io effettivamente vivo vicino ai monti, o meglio vivo in un paese in mezzo ai monti. Ma ...continua

    Primo libro di Mario Rigoni Stern che leggo in vita mi... mi sono ritrovato a pensare che quest'uomo ha un dono. Io effettivamente vivo vicino ai monti, o meglio vivo in un paese in mezzo ai monti. Ma Mario mi fa pensare che forse dovrei viverli un po' di più quei monti e non solo viverci in mezzo. Fa venire voglia di trasferirsi in qualche paesino in quota e restarsene lì a respirare la vita e il mondo che lui racconta.

    P.S: mi sono reso conto che lo ho chiamato per nome, di getto. Il fatto è che quando lo ho letto mi è sembrato di avere davanti uno di quei personaggi che ogni tanto i visitatori più fortunati trovano nei vari paesi, quelli che quando ti raccontano le storie del loro paese ti fanno pensare di avere davanti una sorta di genius loci, quasi l'anima stessa del luogo dove ti trovi...

    ha scritto il 

  • 2

    "Uomini, boschi e api" è una lettura che consiglio solo a chi è un vero amante della nataura. La dovizia di dettagli di Rigoni Stern è soporifera. Tra Urogalli e insetti sconosciuti, è difficile arriv ...continua

    "Uomini, boschi e api" è una lettura che consiglio solo a chi è un vero amante della nataura. La dovizia di dettagli di Rigoni Stern è soporifera. Tra Urogalli e insetti sconosciuti, è difficile arrivare alla fine del libro.

    ha scritto il 

  • 5

    Racconti vari, storie di uomini ai tempi della guerra e spiegazioni "documentaristiche" molto accurate (e affascinanti) di animali, insetti e lavori nei boschi.

    Interessante quanto commovente. ...continua

    Racconti vari, storie di uomini ai tempi della guerra e spiegazioni "documentaristiche" molto accurate (e affascinanti) di animali, insetti e lavori nei boschi.

    Interessante quanto commovente.

    ha scritto il