Vajont: quelli del dopo

Di

Editore: Mondadori

3.6
(284)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 73 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804558172 | Isbn-13: 9788804558170 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Vajont: quelli del dopo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Fu come un colpo di falce. Il 9 ottobre 1963, alle 22.45, duemila persone e unintero paese furono cancellati per sempre. Più di quanrant'anni sono passati eil ricordo dei morti è ancora sospeso sulla valle. Anche se i fatti di quellaterribile notte diventano sempre più lontani, quel passato resta inciso sullapelle di chi l'ha vissuto. Come Mauro Corona, lo scrittore-alpinista di Erto;e come i personaggi di questo testo inedito. All'osteria del Gallo Cedrone seiuomini si ritrovano a discutere fuori dai denti, tra un bicchiere di vino el'altro, sulle responsabilità della tragedia; sul dopo Vajont, su chi ci haguadagnato e chi ci ha perso. Dalle loro parole ruvide e coinvolte emergonoaccuse, notizie, fatti.
Ordina per
  • 4

    Breve ma intenso

    Una breve sosta per un bicchiere di vino che si trasforma in un dialogo che racchiude in se la critica verso coloro che sono andati via da Erto,un autocritica verso quelli che sono rimasti e un giudiz ...continua

    Una breve sosta per un bicchiere di vino che si trasforma in un dialogo che racchiude in se la critica verso coloro che sono andati via da Erto,un autocritica verso quelli che sono rimasti e un giudizio verso coloro che all'epoca del disastro non erano ancora nati.Corona riesce in qualche modo a raccontare da fuori i diversi personaggi che intervengono nel libro facendo,probabilmente,anche un autocritica visto che uno dei personaggi esprime anche il pensiero dello scrittore stesso(questa è una mia opinione e non vi è riscontro nel libro).La lettura scorre veloce e sembra proprio di ritrovarsi lì, seduto al tavolo ad ascoltare i loro pensieri.

    ha scritto il 

  • 4

    duemila morti

    Il libro in sè non entrerà sicuramente nella storia, però serve a ricordare la storia del Vajont al fine di non dimenticare quell'immane tragedia.
    Tragedia causata da uomini, che si è portata la vita ...continua

    Il libro in sè non entrerà sicuramente nella storia, però serve a ricordare la storia del Vajont al fine di non dimenticare quell'immane tragedia.
    Tragedia causata da uomini, che si è portata la vita di oltre duemila persone.
    In questo libro è riportata una discussione tra quattro persone che si ritrovano nella vecchia osteria riportata alla luce.
    Riflessioni e pentimenti da parte di chi c'era e di chi non era ancora nato il 9 ottobre del 1963.
    Col senno di poi gli avventori dell'osteria si dimostrano diretti e decisi, o forse no?

    ha scritto il 

  • 2

    Una tragedia ambientale che non va dimenticata

    Chiacchiere al bar, in attesa di una partita in TV, su una tragedia che ha segnato la storia dei disastri ambientali italiani.
    Ricco di spunti in nuce che meriterebbero approfondimento rimane, in fond ...continua

    Chiacchiere al bar, in attesa di una partita in TV, su una tragedia che ha segnato la storia dei disastri ambientali italiani.
    Ricco di spunti in nuce che meriterebbero approfondimento rimane, in fondo, un triste puzzle verbale di luoghi comuni, dove l'unica voce che si esprime in modo più oggettivo e fattivo e' quella di chi, pur appartenendo alla generazione successiva, guarda la storia studiandola ed interpretandola con metodo: l'oste.

    In tempi in cui l'Italia frana sotto i nostri piedi, in cui i disastri ambientali sono quotidianità', una visita scolastica a Longarone andrebbe organizzata, per sensibilizzare le più giovani leve sull'importanza dell'operare a regola d'arte e secondo coscienza. E' un luogo che va visitato da ragazzini, affinché l'immagine della montagna scivolata della diga e i nomi degli scomparsi rimangano scolpiti nella loro memoria e indirizzino future scelte ed azioni.

    ha scritto il 

  • 2

    Un passato scomparso e idealizzato

    Quattro superstiti della tragedia del Vajont si ritrovano in un’osteria a discutere di quella terribile sera del 9 ottobre 1963, in cui uno tsunami artificiale, causato da una frana precipitata dal Mo ...continua

    Quattro superstiti della tragedia del Vajont si ritrovano in un’osteria a discutere di quella terribile sera del 9 ottobre 1963, in cui uno tsunami artificiale, causato da una frana precipitata dal Monte Toc nell’invaso sottostante, cancellò in pochi secondi oltre duemila vite e antichi villaggi contadini. Non parlano della tragedia, troppo presente nella loro memoria, gli ertani, ma del dopo: dei sussidi statali, delle speculazioni, delle responsabilità dell’Enel e del governo, del nuovo paese di cemento e del vecchio lasciato in abbandono, in cui le case fatiscenti crollano le une sulle altre come tessere del domino. Sono trascorsi oltre quarant’anni, gli avventori al tempo del disastro erano bambini o adolescenti, ma non possono dimenticare, carichi di rancore e rimpianti, una vita intera trascorsa nel passato. Solo l’oste, nato dopo il ’63, dice che bisogna andare avanti, magari recuperando le antiche case, aprirsi al turismo e accettare i forestieri. Sono banali discorsi da bar, e non solo di Erto ma comuni in tutto il mondo, la contrapposizione fra un passato scomparso e idealizzato, e un presente disilluso e inaccettato. Perché oggi anche i contadini vogliono strade asfaltate, case confortevoli e riscaldate, una vita fatta non solo di fatica. La conclusione è ironica e amara: anche i quattro avventori, infatti, quando un foresto entra e chiede all’oste di accendere la TV, tacciono e spostano le sedie x guardare la partita. E’ questo un racconto, più che un libro, di cinquanta pagine a grandi caratteri, pieno di luoghi comuni, sia pure sullo sfondo di un’immane tragedia. Non ho trovato qui né la storia di come la sorte, quella sera, volle graziare i sopravvissuti, né la descrizione della lotta del dopo, x ricostruire un’esistenza dalle macerie di quella precedente. E’ una delusione, forse voluta da Corona x non dividere con altri una memoria x lui sacra.

    ha scritto il 

  • 3

    Una testimonianza tanto dolorosa quanto necessaria sulla tragedia del Vajont e i difficili decenni seguenti.
    Perchè nessuno dimentichi mai quali terribili conseguenze possano avere l'avidità umana, l' ...continua

    Una testimonianza tanto dolorosa quanto necessaria sulla tragedia del Vajont e i difficili decenni seguenti.
    Perchè nessuno dimentichi mai quali terribili conseguenze possano avere l'avidità umana, l'incompetenza ed il menefreghismo, celati dietro l'innovazione o il consumismo...
    Nessuno meglio del nativo nonchè sopravvissuto Corona poteva ricordarcelo.

    ha scritto il 

  • 3

    Sono passati ormai più di 20 anni, forse 25, quando, con l'università, ci portarono a "vedere" quello che "può succedere quando si sbaglia a fare il proprio lavoro". Queste furono le parole del profes ...continua

    Sono passati ormai più di 20 anni, forse 25, quando, con l'università, ci portarono a "vedere" quello che "può succedere quando si sbaglia a fare il proprio lavoro". Queste furono le parole del professore, non ne aggiunse altre davanti alla diga del Vajont. Bastarono per segnare in modo indelebile la mia vita di studente e di professionista poi. Corona scrive di ciò che conosce profondamente e permette al lettore di farne parte.

    ha scritto il 

  • 0

    http://libreriadinelly.blogspot.it/2014/11/recensione-vajont-quelli-del-dopo-di-m.html

    Non è una storia lunga (come potete vedere anche nel tag.) Però è molto utile, si legge cosa pensano dopo 40 anni 4 anziani che erano giovani e hanno perso qualcuno nella strage del Vajont, e l'Oste c ...continua

    Non è una storia lunga (come potete vedere anche nel tag.) Però è molto utile, si legge cosa pensano dopo 40 anni 4 anziani che erano giovani e hanno perso qualcuno nella strage del Vajont, e l'Oste che è nato dopo, ma che sa cose che perfino gli Ertani anziani non sanno. Ci sono scambi di battute avvolte rabbiose, avvolte calme. Di persone che finché vivranno porteranno con se un dolore disumano che lascia un vuoto incolmabile dentro di se... (CONTINUA SUL BLOG)

    ha scritto il 

  • 4

    Un raccontino che è più una sorta di testo teatrale. Si sente che l'argomento Vajont per Corona racchiude rabbia e sconforto. Fa un'analisi sincera di quello che è stato e di come sono cambiate le cos ...continua

    Un raccontino che è più una sorta di testo teatrale. Si sente che l'argomento Vajont per Corona racchiude rabbia e sconforto. Fa un'analisi sincera di quello che è stato e di come sono cambiate le cose negli anni successivi.

    ha scritto il 

  • 5

    Sembra di leggere un canovaccio, la sceneggiatura di un testo teatrale (e si presta bene ad essere tale). È interessante e commovente leggere e scoprire il dopo Vajont da chi l'ha vissuto in prima per ...continua

    Sembra di leggere un canovaccio, la sceneggiatura di un testo teatrale (e si presta bene ad essere tale). È interessante e commovente leggere e scoprire il dopo Vajont da chi l'ha vissuto in prima persona. Questo dialogo tra supersti ed eredi della tragedia è sapientemente orchestrato da Corona e mostra i diversi punti di vista, perché ognuno l'ha vissuto (e lo vive) in modo diverso. È una lettura dal gusto amaro, ma è bene farla per non dimenticare.

    ha scritto il