Vampiretto

Di

Editore: Salani

4.3
(444)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Catalano , Tedesco , Finlandese

Isbn-10: 8877820268 | Isbn-13: 9788877820266 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Donatella Mazza ; Illustratore o Matitista: Amelie Glienke

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Vampiretto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    E insomma, vampiretto, io lo so che la mia "ossessione" per i vampiri è colpa tua!
    Premessa: su questa saga ci ho trascorso l'infanzia, ogni volta era una corsa per andare in biblioteca a prendere i v ...continua

    E insomma, vampiretto, io lo so che la mia "ossessione" per i vampiri è colpa tua!
    Premessa: su questa saga ci ho trascorso l'infanzia, ogni volta era una corsa per andare in biblioteca a prendere i volumetti che non avevo letto! L'ho amata tantissimo, probabilmente la mia preferita di quando ero piccola.
    Aneddoto: un paio di anni fa sono entrata in libreria e ho trovato il primo volume della saga, ristampato da Salani. Non ho potuto non comprarlo!
    Questo perché vampiretto è un personaggio irresistibile, come irresistibili sono sua sorella Anna (geniale l'idea di una vampira sdentata che beve latte!) e i loro bizzarri quanto temibili parenti.
    La storia è semplice: un bambino un po' solo si rifugia nelle storie dell'orrore, finché non incontra un vampiro vero. Il vampiretto è Rudiger, morto quand'era bambino e vampirizzato come tutto il resto della sua famiglia. Vive nelle cripte del cimitero, odia King Kong, ha paura del buio e non crescerà mai.
    I due, il vampiretto e il bambino, diventano amici inseparabili nonostante le loro differenze.
    Ciò che è apprezzabile di questa saga, oltre alla forte ironia, è il fatto che i vampiri non siano eccessivamente umanizzati. Sono cadaverici, ossuti, con gli occhi iniettati di sangue e le labbra rosse. Non si pettinano i capelli e puzzano di muffa e stantio, perché vivono nelle cripte e indossano vecchi mantelli tarlati e macchiati di sangue. Bevono sangue e si trasformano in pipistrelli (o ci provano). Ricordano molto Dracula in certi loro aspetti. E non manca neppure il vecchio custode del cimitero che vuole piantar loro un paletto nel cuore.
    Detto questo, la Sommer-Bodenburg ha la gran dote di saper prendere i vari cliché sui vampiri e di "rinfrescarli" senza snaturarli o ridicolizzarli. Trasporta vampiri non modernizzati nell'epoca moderna, e il risultato è adorabile. Sono bambini vampiro che davvero ragionano come bambini, e la mano dell'adulto che scrive quasi non traspare (o lo fa solo nella figura della madre). C'è qualche inverosimiglianza di troppo (chi non si farebbe due domande trovando un amico del figlio chiuso in un armadio a tarda notte, per giunta con addosso un mantello puzzolente?), ma ci si passa assolutamente sopra.
    Una saga che ormai è un classico della letteratura per l'infanzia.
    Buona notizia: è di prossima pubblicazione una ristampa per Giunti Ragazzi.

    ha scritto il 

  • 4

    I vampiri di una volta :-)

    biblioteca; DER KLEINE VAMPIR, 1979

    «Tutti?» Anna si guardò intorno allibita. «Io pensavo che avessero paura di noi!» «Macché. Per niente! Sai una cosa?» aggiunse a voce bassa. «La settimana scorsa do ...continua

    biblioteca; DER KLEINE VAMPIR, 1979

    «Tutti?» Anna si guardò intorno allibita. «Io pensavo che avessero paura di noi!» «Macché. Per niente! Sai una cosa?» aggiunse a voce bassa. «La settimana scorsa dovevo scrivere un tema. Il titolo era: Una brutta avventura. Sono andato dalla maestra e le ho chiesto se si poteva parlare anche di vampiri. 'Vuoi fare un tema sui vampiri?' ha detto con una risata. 'I vampiri esistono solo nelle fiabe! No, Anton, sei in quarta e devi scrivere di cose che accadono veramente'»

    ha scritto il 

  • 5

    Rileggendo Vampiretto

    Primo libro di questa saga che ormai ha assunto i contorni del mito, vista la difficoltà nel reperirne i volumetti!
    In questa prima avventura, vengono presentati i personaggi e si delineano i luoghi e ...continua

    Primo libro di questa saga che ormai ha assunto i contorni del mito, vista la difficoltà nel reperirne i volumetti!
    In questa prima avventura, vengono presentati i personaggi e si delineano i luoghi e le dinamiche che faranno da sfondo e da contorno al resto della saga (formata comunque da piccole storie autoconclusive). Si potrebbe definire una storia pulita e leale di amicizia ed incontro fra un piccolo vampiro pauroso e il suo amichetto umano.
    Dire "gradevole e simpatico" sarebbe limitativo: in realtà le avventure di Anton e Vampiretto mi sono sempre piaciute un sacco e continuo a trovarle divertenti e accattivanti. Ora mi rendo conto che Anton era un bambino piuttosto solo, e che Vampiretto era tenero e un po' sfigatello, e la mamma di Anton una spina nel fianco...
    Il tema del vampirismo è trattato in modo molto semplice- non semplicistico- ed immediato, senza alcuna pretesa di originalità: lo dico pensando a tutte quelle saghe che cercano di rivisitare, snaturare e svecchiare il mito del vampiro!

    ha scritto il 

  • 4

    Ci sono periodi in cui hai il morale talmente sotto le suole che non hai nemmeno voglia di leggere. Poi un'amica, dalla cript.. ehm, cantina, ti porta in casa la saga intera di Vampiretto. Ma perchè n ...continua

    Ci sono periodi in cui hai il morale talmente sotto le suole che non hai nemmeno voglia di leggere. Poi un'amica, dalla cript.. ehm, cantina, ti porta in casa la saga intera di Vampiretto. Ma perchè no? Alla fine, mi sono detta, se è un libro per ragazzini, sicuramente sarà scritto in modo simpatico e scanzonato, leggero e non invadente. Quello che mi ci vuole per cercare di non pensare troppo.
    Detto fatto, in pochi giorni mi sono letta tutta la saga, comprendente otto libri, di Anton e del suo amico vampiro Rudiger. Ne avevo bisogno, decisamente! La scrittura è veloce, leggera, i personaggi simpaticissimi (a parte l'insopportabilissima mamma di Anton: una piattola dal primo all'ottavo volume!) e poi, diamine, si parla pur sempre di vampiri, una delle mie tematiche preferite.
    Quando siete un po' abbacchiati date una chance ad uno di questi libri o alla letteratura per ragazzi in generale... Prendetela per quello che è, senza leggerla con gli occhi di un adulto: potreste avere delle enormi sorprese.

    ha scritto il 

  • 2

    Mi ricordo che lessi questa serie da piccolo e mi piacque molto. Rileggerla dopo molti anni direi che non è stata una grande idea. A volte è meglio lasciarsi dietro un bel ricordo di un libro piuttost ...continua

    Mi ricordo che lessi questa serie da piccolo e mi piacque molto. Rileggerla dopo molti anni direi che non è stata una grande idea. A volte è meglio lasciarsi dietro un bel ricordo di un libro piuttosto che provare a ricercare quelle sensazioni.

    ha scritto il 

  • 5

    Compagno d'infanzia!

    Ma quanto sono contenta di essermi ricordata di questo adorabile personaggio!
    Da bambina leggevo tutto d'un fiato questi libri; ho aggiunto alla libreria le copertine che ricordo di aver arraffato dal ...continua

    Ma quanto sono contenta di essermi ricordata di questo adorabile personaggio!
    Da bambina leggevo tutto d'un fiato questi libri; ho aggiunto alla libreria le copertine che ricordo di aver arraffato dalla biblioteca ai tempi, ma non sono sicurissima che avessero tutta la serie...

    Ricordo che mi colpì il fatto che pure mia sorella si mise a leggerli e ne era entusiasta: mi colpì perchè lei a differenza mia non era certo una lettrice appassionata. Mi sa che rapisce un po' tutti.

    Rischio che se li trovo in giro, me li compro :)

    ha scritto il 

  • 5

    STREPITOSO!!!

    Il mio primissimo libro sui vampiri.... meraviglioso!!! Il solo ricordo mi dona il sorriso... ho letto tutta la serie dedicata alle sue avventure, e lo consiglio vivamente a tutti i bambini che amano ...continua

    Il mio primissimo libro sui vampiri.... meraviglioso!!! Il solo ricordo mi dona il sorriso... ho letto tutta la serie dedicata alle sue avventure, e lo consiglio vivamente a tutti i bambini che amano sin dalla tenera età le storie fantasy!!!

    ha scritto il