Verikoirat

By

4.0
(1414)

Language: Suomi | Number of Pages: 310 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , French , Portuguese , Spanish

Isbn-10: 9524714736 | Isbn-13: 9789524714730 | Publish date: 

Category: Biography , Crime , Fiction & Literature

Do you like Verikoirat ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    .

    Parte bene, ma devo dire che verso metà libro è subentrata la noia. I personaggi sono senz'altro il mio genere (del resto, probabilmente GTA avrà attinto a piene mani da libri come questo per il chara ...continue

    Parte bene, ma devo dire che verso metà libro è subentrata la noia. I personaggi sono senz'altro il mio genere (del resto, probabilmente GTA avrà attinto a piene mani da libri come questo per il character design), però... le situazioni sono troppo dilatate e l'azione (nel senso anche di avanzamento nella storia) è assente per molte pagine. Si parla molto, si descrive molto, e ciò mi ha fatto perdere un po' di voglia di leggerlo. Infatti, l'ho abbandonato, anche se un po' a malincuore.
    Mi riservo di rileggerlo (o riprenderlo) più avanti, comunque.

    said on 

  • 4

    Edward Bunker - Cane mangia cane

    Un gradino sotto Come una bestia feroce, questo Cane mangia cane parte subito fortissimo con un doppio omicidio (una vittima è una bambina) che lascia agghiacciati per la cruda spietatezza e freddezza ...continue

    Un gradino sotto Come una bestia feroce, questo Cane mangia cane parte subito fortissimo con un doppio omicidio (una vittima è una bambina) che lascia agghiacciati per la cruda spietatezza e freddezza con cui viene descritto. Bunker è uno scrittore che narra per esperienza avendo vissuto certe situazioni e quindi la sua prosa trasuda un lucido e cinico realismo da ogni sua frase. Tuttavia Cane mangia cane non è un semplice romanzo sul crimine ma spesso si addentra invece nei meandri della mente criminale in una sorta di novello Delitto e Castigo (fatte le debite proporzioni ovviamente) che assume risvolti anche sociali (la difficoltà di un criminale nel reinserimento in società). Un noir con ambientazione losangeliana in cui l'autore presta molta attenzione a descrivere una città che subisce i cambiamenti del tempo e delle razze che la popolano, plasmata da una razza multietnica che si spartisce quartieri come in una partita a monopoli. Un piccolo difetto di questo romanzo è che la narrazione prosegue un pò a strappi, nel senso che vive di picchi legati ovviamente a particolari situazioni, con conseguenti fasi di stallo e/o scarico. Indubbiamente questo è lo scotto da pagare in un libro dove non si può andare sempre a mille all'ora. Il finale poi mi è sembrato un pò sbrigativo e mi ha dato l'impressione di essere un pò tagliato.

    Una buona prova comunque per un romanzo che descrive in maniera lucida l'ambiente criminale senza troppi fronzoli o situazioni stereotipate. Si vede che Bunker ha vissuto un certo tipo di mondo e la sua penna, oltre a rendere in pieno tutte le sfumature del caso, riesce anche a darci piena coscienza delle sofferenze morali con cui un criminale è costretto a convivere nella propria vita. Pesi che valgono quanto delle vere e proprie condanne.

    said on 

  • 0

    Vita criminale.

    Immaginatevi un romanzo, un noir, Los Angeles, 3 personaggi principali. La prima risposta che vi potrebbe venire in mente è senza dubbio LA Confidential, e invece no. Qui i protagonisti non sono poliz ...continue

    Immaginatevi un romanzo, un noir, Los Angeles, 3 personaggi principali. La prima risposta che vi potrebbe venire in mente è senza dubbio LA Confidential, e invece no. Qui i protagonisti non sono poliziotti, anzi, siamo proprio sull'altro fronte, i protagonisti sono infatti tre criminali e il loro intento è quello di arricchirsi (questa forse l'unica analogia con il capolavoro di Ellroy). Bunker da forse il meglio di sè in questo noir ad alta tensione in cui tre delinquenti, uno dei quali appena uscito di prigione, decidono di mettersi insieme per continuare l'attività criminale ai danni...di altri criminali.
    A differenza di altri romanzi di Bunker infatti qui il fattore redenzione non c'è proprio, Troy uscito dal carcere non prova a reinserirsi nella società e ad abbandonare la vita criminale, anzi, contatta subito due suoi vecchi compari (Mad Dog e Diesel Carson) e cercano subito di rimettersi "al lavoro". I personaggi sono senza dubbio originali, il vero protagonista è Troy, la mente del gruppo, determinato, intelligente, furbo, un vero leader. Poi c'è Diesel, grande e grosso ma dal cuore d'oro (anche se non troppo intelligente), non ha mai ucciso sebbene ne abbia avuto l'opportunità, il suo unico scopo è mettere su un gruzzolo decente per assicurare un futuro roseo a moglie e figlio. Infine c'è Mad Dog, un vero squilibrato, uccide senza farsi scrupoli, è una scheggia impazzita e gli altri due lo sanno, non si fidano infatti. I tre compiono un paio di rapine ai danni di altri delinquenti (aiutati dal fatto che questi ultimi non possono denunciarli), ma poi proprio durante l'ultimo colpo qualcosa va storto, e le cose si complicano. Iniziano quindi varie ritorsioni, fughe ed evasioni che sembrano quasi troppe cose per un libro di 300 pagine, ed invece no, in questo ibrido tra un hard boiled ed un noir, Bunker riesce a romanzare alla perfezione i vari episodi che si susseguono rendendo la storia piena di colpi di scena ma allo stesso tempo mai superficiale.
    D'altra parte la sua storia parla chiaro, e se non la conoscete vi invito vivamente perché è un ulteriore romanzo, Bunker sa di cosa sta parlando e non è un caso se la vita in prigione nei suoi libri è così dettagliata e veritiera, e lo stesso discorso vale per le rapine. Perfetta anche la scrittura, i periodi non sono corti come un hard boiled ma come detto sono ricchi di particolari ed ampiamente descrittivi, anche i personaggi sono perfettamente particolareggiati e la storia è semplicemente imprevedibile (le ultime 10 pagine sono un vero capolavoro).
    Concluderò come ho iniziato e cioè con James Ellroy, che di questo romanzo dice "Semplicemente il miglior romanzo di rapina a mano armata che sia mai stato scritto."

    said on 

  • 5

    Autentico, disperato e crudele. Entra di diritto tra i miei noir preferiti, e un po' me lo immagino, Bunker, a raccontare la storia di Troy, Mad Dog e Diesel, durante un'ora d'aria a San Quintino, sed ...continue

    Autentico, disperato e crudele. Entra di diritto tra i miei noir preferiti, e un po' me lo immagino, Bunker, a raccontare la storia di Troy, Mad Dog e Diesel, durante un'ora d'aria a San Quintino, seduto su una panca di metallo mentre assapora una sigaretta, aspirandola lentamente.

    said on 

  • 4

    Forse il primo vero noir che leggo, finora ho visto solo film del genere, ed è stato davvero interessante. Romanzo molto lucido che si limita a descrivere le avventure dei tre criminali Troy, Diesel e ...continue

    Forse il primo vero noir che leggo, finora ho visto solo film del genere, ed è stato davvero interessante. Romanzo molto lucido che si limita a descrivere le avventure dei tre criminali Troy, Diesel e Mad Dog, senza aggiungere esagerazioni, senza colpi di scena assurdi e inverosimili. La storia di tre uomini che sin da giovanissimi cominciano ad entrare e uscire di prigione, un'analisi del sistema carcerario americano, la dimostrazione dell'impossibilità di rientrare nel giro della vita normale una volta usciti di prigione.
    Romanzo meritevole, con un titolo molto adatto che trovo splendido: la negazione della locuzione latina Canis canem non est (il nostro Cane non mangia cane), che riesce a riassumere l'intera vicenda con sole tre parole.
    Leggerò sicuramente altro di Bunker.

    said on 

  • 4

    Un libro freddo, pieno di personaggi infami e inquietanti.
    La vera crime-novel.

    Consigliato a chiunque abbia il desiderio di sporcarsi - catabasi necessaria, una sbirciata dal buco della serratura de ...continue

    Un libro freddo, pieno di personaggi infami e inquietanti.
    La vera crime-novel.

    Consigliato a chiunque abbia il desiderio di sporcarsi - catabasi necessaria, una sbirciata dal buco della serratura dell'esistenza criminale.

    said on 

  • 4

    M'è piaciuto molto, peccato per alcuni episodi che sono troppo fictional e quindi poco realistici. Ottimo romanzo comunque.
    Consigliato.

    said on 

  • 4

    una crime story violenta e disperata, dove non c'è speranza o redenzione, che tiene il lettore incollato alla pagina senza fa cadere mai la tensione.
    e -tra le righe- una forte critica al sistema carc ...continue

    una crime story violenta e disperata, dove non c'è speranza o redenzione, che tiene il lettore incollato alla pagina senza fa cadere mai la tensione.
    e -tra le righe- una forte critica al sistema carcerario, che sembra fatto apposta per creare mostri, da far leggere ai tanti giustizialisti da bar.

    bunker è uno che sa di cosa parla per aver vissuto molte esperienze sulla sua pelle, ma è anche uno che sa come renderle sulla pagina.
    e alla fine del libro resta un'amarezza difficile da togliere...

    said on 

Sorting by