Viento del este, viento del oeste

By

4.0
(590)

Language: Español | Number of Pages: 250 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , French , Polish , German , Catalan

Isbn-10: 8484505839 | Isbn-13: 9788484505839 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Paperback , Softcover and Stapled

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Viento del este, viento del oeste ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Un vero premio Nobel.

    "Vento dell' Est, vento dell'Ovest" oltre che un'ottima lettura è stata per me la conferma di due considerazioni molto personali, che peraltro avevo già fatto.

    La seconda, che un buon lettore deve ogn ...continue

    "Vento dell' Est, vento dell'Ovest" oltre che un'ottima lettura è stata per me la conferma di due considerazioni molto personali, che peraltro avevo già fatto.

    La seconda, che un buon lettore deve ogni tanto concedersi il piacere di buttarsi, di scegliere lo scrittore sconosciuto, di innamorarsi del polveroso libro nascosto all'ultimo piano della bancarella del mercato delle pulci: se spesso sono delusioni (Byatt) a volte si possono trovare perle brillantissime.

    La prima è che lo scrittore deve comunque saper scrivere, anche se alcune tendenze moderne cominciano a sostenere il contrario. Pearl S. Buck ha vinto il premio Nobel nel 1938, in un'epoca che è stata avara di scrittori che riescano ad essere moderni: mi sento di dire con sicurezza che è meritato, perché questo libro è un indimenticabile evergreen: sia per il tema (il dramma dello scontro tra culture, in particolare la fine della millenaria storia dell'oriente schiacciato dalla tecnologia) che per il modo su cui è scritto. Già, la scrittura. E' uno di quei pochi libri l'anno che incontro che riesce a farmi venire sete. Sete di parole. Perché la prosa è così fluente, precisa e leggera da somigliare ad un sorso di acqua fresca. Perché l'immaginario è insieme così vivido così delicato che a tratti mi sono sorpreso indeciso a scegliere se godere di più della scrittura o dell'intreccio.

    Ripensandoci, visto che siamo nell' Ottobre 2016, un vero premio Nobel dovrebbe avere questo come presupposto, una scrittura insieme ricca, fluente, godibile ed efficace, prescindendo da posizioni politiche e morali ( cosa che invece, considerata la sua storia e le sue ultime scelte, sembra non si possa chiedere all'accademia di Svezia).

    Libro scritto benissimo, peraltro con la difficoltà di affrontare un tema durissimo, il dramma silenzioso e terribile della fine della millenaria e tradizionalista società cinese di fronte al rullo compressore liberale. Ed a pagare il prezzo più alto, naturalmente, sono i più deboli: le donne e gli anziani.

    Le donne che da epoche intere in Cina si sono trovate a sostenere una situazione quasi di schiavitù, al punto che le famiglie arrivavano ad uccidere alla nascita le loro figlie femmine: per sopravvivere sono state costrette a costruirsi un sistema di valori, un immaginario e dun tipo di felicità che non reggono ai tempi nuovi, che spazzano via tutto senza però poter restituire in cambio alla donna cinese una libertà che non capisce. Il risultato sarà la morte morale che spesso prelude alla morte fisica, il suicidio.

    Gli anziani? Dopo aver passato una vita intera dedicata alla famiglia, gli anziani nelle società patriarcali erano tutelati dal dovere, dalle tradizioni. "Dovere" e "gratitudine" sono parole che il mondo liberale non capisce, e gli anziani che per il forsennato progresso positivista non servono più, saranno anch'essi condannati ad una terribile fine. Terribile ma dignitosa ed in silenzio: perché questo non è l'Ovest, qui non abbiamo la rivoluzione francese, il materialismo marxista, il rumore del futurismo. Il karma dell'uomo dell' Est accetta e comprende, la morte, anzi la affronta più volentieri che il nulla (al quale il mondo occidentale si è arreso senza condizioni).

    Ed aver consegnato alla letteratura mondiale un dramma dignitoso, una silenziosa catastrofe, una storia mai raccontata, è un merito che pone Pearl S. Buck tra gli scrittori da leggere, sempre.

    said on 

  • 4

    agghiacciante

    il cambiamento culturale che dall'ovest arriva alla cina tradizionalista dell'inizio del 900 è un ciclone che travolge la vita delle donne. Agghiacciante la seconda storia. Ma tutte le storie riportan ...continue

    il cambiamento culturale che dall'ovest arriva alla cina tradizionalista dell'inizio del 900 è un ciclone che travolge la vita delle donne. Agghiacciante la seconda storia. Ma tutte le storie riportano verità che fanno male al cuore e chissà quante ragazze ne hanno subito le conseguenze.

    said on 

  • 4

    Amaro

    3 racconti in cui le tradizioni stridono con la modernità, e a farne le spese sono una giovane moglie, un'anziana madre, e una "straniera".
    Come i cambiamenti epocali portano sofferenza nelle vite dei ...continue

    3 racconti in cui le tradizioni stridono con la modernità, e a farne le spese sono una giovane moglie, un'anziana madre, e una "straniera".
    Come i cambiamenti epocali portano sofferenza nelle vite dei singoli. La grande Storia vista nella quotidianità.
    Adoro la Buck.

    said on 

  • 4

    Ho sentito parlare per la prima volta di questo libro durante il corso di Storia della Cina all'università, nell'ormai lontano 2009, ma solo adesso mi sono decisa a leggerlo...il fatto che a scrivere ...continue

    Ho sentito parlare per la prima volta di questo libro durante il corso di Storia della Cina all'università, nell'ormai lontano 2009, ma solo adesso mi sono decisa a leggerlo...il fatto che a scrivere della Cina fosse una straniera cresciuta lì mi incuriosiva, ma causa letture cinesi fatte per dovere di studio non mi veniva mai voglia di avvicinarmici. Ebbene devo dire che mi è piaciuto molto!Credevo si trattasse di un romanzo, invece si tratta di 3 racconti: uno così lungo da esser quasi un romanzo a sé, uno breve e uno brevissimo. Tutti e tre hanno per protagonisti cinesi di inizio '900, in particolare donne, che si trovano a fare i conti con l'irruzione dell'Occidente e della modernità nella loro vita, che scorreva tranquilla e quasi immutata da millenni e ora si trova del tutto stravolta in ogni suo aspetto. Ad esempio i piedi fasciati delle donne, nonché la loro personalità appiattita dalla necessità di compiacere il futuro marito ormai non attraggono più i giovani cinesi che hanno studiato in Occidente, e hanno conosciuto le effervescenti donne americane...
    Conoscendo e avendo anche vissuto la Cina contemporanea so che certi cambiamenti ancora oggi, circa un secolo dopo l'uscita di questo libro, sono duri ad accettarsi in Cina (i matrimoni misti tra cinesi e occidentali sono ancora osteggiati dalla maggioranza delle famiglie cinesi tradizionali) e credo che Pearl Buck pur non essendo cinese abbia davvero colto lo spirito di questo popolo! Consigliato a chi conosce la Cina ma anche a chi vuole iniziare a conoscerla ^^

    said on 

  • 5

    Uno de los mejores libros que he leído en mi vida. Como mucha gente, lo leí siendo muy jovencita y me impactó mucho. Es una preciosa historia de amor, pero no con tintes sensibleros o repetitivos como ...continue

    Uno de los mejores libros que he leído en mi vida. Como mucha gente, lo leí siendo muy jovencita y me impactó mucho. Es una preciosa historia de amor, pero no con tintes sensibleros o repetitivos como otras. Además, la autora también desglosa muchas de las costumbres chinas de la época. En resumen un libro muy ameno y muy bonito. Sin duda, una lectura muy recomendable.

    said on 

  • 3

    La Cina tradizionale, il "contagio" occidentale: uno scontro drammatico e intimo. La tematica è molto interessante, la scrittura forse un po' meno.
    A tratti toccante quando si parla dell'amore doloros ...continue

    La Cina tradizionale, il "contagio" occidentale: uno scontro drammatico e intimo. La tematica è molto interessante, la scrittura forse un po' meno.
    A tratti toccante quando si parla dell'amore doloroso di Kwei-lan, la protagonista, per il marito, così diverso da lei. Tutto sommato piacevole.

    said on 

  • 4

    Scontro generazionale

    Il tema è quello di sempre, scontro generazionale fra vecchio e nuovo, è particolare perché è uno scontro che avviene in Cina negli anni '30 anche se potrebbe essere tranquillamente senza tempo, in pi ...continue

    Il tema è quello di sempre, scontro generazionale fra vecchio e nuovo, è particolare perché è uno scontro che avviene in Cina negli anni '30 anche se potrebbe essere tranquillamente senza tempo, in più abbiamo lo scontro fra oriente e occidente chi è il più barbaro dei due?

    7.5/10

    said on 

Sorting by