Vita da niente

Di

Editore: Fanucci

3.7
(106)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 214 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8834714644 | Isbn-13: 9788834714645 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Carlo Oliva

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Mistero & Gialli

Ti piace Vita da niente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In una cittadina balneare sta arrivando la primavera e i pochi residenti cercano di far trascorrere il tempo in questo periodo fuori stagione. Le loro esistenze sono influenzate e controllate da Luane Devore, un'invalida costretta a letto. La donna, che passa tutto il suo tempo a spettegolare al telefono, tesse una sorta di intricata ragnatela fra le vite degli abitanti. Pete sta per perdere il suo fatiscente nightclub, e il denaro necessario per evitare la bancarotta può darglielo solo Luane. Rete assume Danny Lee, una spogliarellista, per risollevare le sorti del locale. Ralph, il giovane e sempliciotto marito di Luane, si innamora della spogliarellista. Myra, figlia di Rete, è attratta da Bobby, figlio drogato del medico condotto. Ed è proprio Bobby, per primo, che decide di sfidare l'autorità di Luane. Ma anche Rete, Ralph e Danny Lee progettano nel loro intimo di eliminare la scomoda Luane.
Ordina per
  • 3

    12 motivazioni personali

    12 personaggi di provincia in cerca di motivazioni, o di alibi, o di riscatto, o di, be', fate voi. Tutti sapientemente tratteggiati nelle loro virtù di piccoli perdenti, chi più chi meno, a barcamena ...continua

    12 personaggi di provincia in cerca di motivazioni, o di alibi, o di riscatto, o di, be', fate voi. Tutti sapientemente tratteggiati nelle loro virtù di piccoli perdenti, chi più chi meno, a barcamenarsi tra slanci di follia e consolatorie illusioni, e un occhio rivolto all'omicidio.
    Solo uno di essi sarà colpevole... forse tutti, forse nessuno.

    ha scritto il 

  • 4

    Ensemble jazz-noir a dodici voci: due soprani, un mezzo soprano, un contralto, quattro tenori, tre baritoni, un basso; accompagnati da piano, contrabbasso e batteria. Tema della jam session: il più pu ...continua

    Ensemble jazz-noir a dodici voci: due soprani, un mezzo soprano, un contralto, quattro tenori, tre baritoni, un basso; accompagnati da piano, contrabbasso e batteria. Tema della jam session: il più pulito c'ha la rogna. Dirige Jim Thompson. Buon ascolto.

    ha scritto il 

  • 3

    Il difetto è che non ti "acchiappa" fino in fondo.
    Il pregio è lo stile di Thompson ed insieme la sua scrittura.
    Bella l'idea delle tante strade che convergono, tutte uguali e diverse sullo sfondo di ...continua

    Il difetto è che non ti "acchiappa" fino in fondo.
    Il pregio è lo stile di Thompson ed insieme la sua scrittura.
    Bella l'idea delle tante strade che convergono, tutte uguali e diverse sullo sfondo di un piccolo(?) pezzo di America marcio e malato. Il finale già lo li conosce, manca soltanto di completarlo, ma è il cammino di avvicinamento che conta ed è la sostanza del libro: ed un pò manca. Che Thompson sia un grande non lo discuto, ma che non sia Matheson nemmeno!

    ha scritto il 

  • 5

    Non è più disponibile, purtroppo, questo vecchio "Omnibus" Mondadori (ma forse chissà, cercando bene...), con vari capolavori di questo grande maestro, quasi sempre e ovunque sottovalutato.
    Forse perc ...continua

    Non è più disponibile, purtroppo, questo vecchio "Omnibus" Mondadori (ma forse chissà, cercando bene...), con vari capolavori di questo grande maestro, quasi sempre e ovunque sottovalutato.
    Forse perché un'esistenza grama lo costrinse a produrre anche decine e centinaia di cosette usa-e-getta, per sopravvivere. (Certa critica non perdona chi deve anche sopravvivere, scrivendo.)
    E anche per le antiche, assurde riserve verso certi generi.
    Nessuno poi venga a dire che almeno ha visto Getaway di Peckinpah (altro maestro) :-) perché la sostituzione della fondamentale parte finale della storia, intrisa di umorismo macabro e presagi di tragedia, con un mieloso budino vecchio stile hollywood (sicuramente imposto da qualche produttore di larghe vedute), distorce completamente la grandiosa visionarietà di Thompson.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo noir molto interessante, ambientato in una cittadina della provincia americana di cui Jim Thompson descrive vizi (tanti) e virtù (poche). Il ritmo, sempre molto lento, talvolta guasta un po ...continua

    Un romanzo noir molto interessante, ambientato in una cittadina della provincia americana di cui Jim Thompson descrive vizi (tanti) e virtù (poche). Il ritmo, sempre molto lento, talvolta guasta un po' la lettura, ma in nessun punto il libro può essere definito noioso. Il finale, aperto all'interpretazione del lettore, forse poteva essere migliore.

    ha scritto il