Zazie Dans Le Metro

(Foliotheque)

By

Editeur: Gallimard-Jeunesse

3.9
(2324)

Language: Français | Number of pages: 234 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , Finnish , Spanish , German , Chi traditional , Dutch , Turkish

Isbn-10: 2070386368 | Isbn-13: 9782070386369 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Humor , Teens

Aimez-vous Zazie Dans Le Metro ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Come spiega l’iper-accademico, ma assai interessante, saggio di Roland Barthes accluso in calce a quest’edizione, la critica nei confronti di quest’opera si è divisa: a chi sostiene che si tratti di u ...continuer

    Come spiega l’iper-accademico, ma assai interessante, saggio di Roland Barthes accluso in calce a quest’edizione, la critica nei confronti di quest’opera si è divisa: a chi sostiene che si tratti di un romanzo in codice, in cui agli elementi del racconto vanno sostituiti altri referenti in un alfabeto semiologico noto solo all’Autore (qualcosa di simile, anche se non proprio esattamente così, avviene in "I fiori blu"), si oppone chi sostiene che il romanzo non parli di nulla, che nient’altro sia se non la storia di sconcertante semplicità che vi è narrata. Convincentemente, Barthes ritiene che la via giusta stia nel mezzo, la letteratura di Queneau insomma è “il modo stesso dell’impossibile, perché essa sola può dire il proprio vuoto, e dicendolo fonda di nuovo una pienezza”. Il “segreto” di Zazie, allora, sta forse qua, ed è quasi alchemico, situandosi nella sfida tra il pieno e il vuoto, tra racconto e non racconto, una tensione in definitiva strenua ma giocosa che innerva le pagine di questo romanzo stravagante e divertente ma anche disorientante. Ho usato l’aggettivo “giocoso”: Zazie è una bambina, piccola ma sboccata come un adulto, che in una visita di un paio di giorni a Parigi vive un caleidoscopio di avventure rocambolesche incontrando una galleria variopinta di personaggi improbabile, in una vicenda che si fa e si rifà, che sfugge e si rinnova, che cambia continuamente di baricentro. Ed il tutto è temprato ovviamente dalla maestria stilistica di Queneau, uno degli autori di più difficile traduzione proprio a causa dell’esplosiva inventiva, della straordinaria capacità di giocare con la lingua, di assemblare un linguaggio nuovo tanto dal punto di vista lessicale quanto da quello narratologico, con una lunga serie di incursioni parodistiche, facete ma inappuntabili, e comunque mai sbrindellate, nei generi più disparati. Una giostra di colori come quelle di Montmartre, una Parigi rutilante, in un romanzo paradossale, divertente e serio, che forse vuol dire tutto, forse non vuol dire proprio nulla...

    dit le 

  • 2

    È assurdo in entrambi i sensi del termine: all'inizio assurdo nel senso di spassosamente delirante; da un certo punto in poi, però, diventa assurdo come solo un'accozzaglia di dialoghi botta e rispost ...continuer

    È assurdo in entrambi i sensi del termine: all'inizio assurdo nel senso di spassosamente delirante; da un certo punto in poi, però, diventa assurdo come solo un'accozzaglia di dialoghi botta e risposta senza senso possono essere.
    Di Zazie nel metrò mi rimarranno soltanto i toscanismi della traduzione e le ultime quattro righe.

    dit le 

  • 4

    È la prima volta che leggo un testo di Queneau, o per meglio dire: la prima volta che leggo un testo di questo genere. L'ho trovato piacevole nella sua assurdità e molto efficace nell'intento parodist ...continuer

    È la prima volta che leggo un testo di Queneau, o per meglio dire: la prima volta che leggo un testo di questo genere. L'ho trovato piacevole nella sua assurdità e molto efficace nell'intento parodistico.

    dit le 

  • 4

    Insolente e divertente

    Mi è piaciuto molto.Sono affascinata dalla capacità di Queneau di stravolgere la lingua francese e renderla meno snob ma sicuramente più godibile e divertente.e che dire di Zazie?matura come un adulto ...continuer

    Mi è piaciuto molto.Sono affascinata dalla capacità di Queneau di stravolgere la lingua francese e renderla meno snob ma sicuramente più godibile e divertente.e che dire di Zazie?matura come un adulto e sincera come solo i bambini sanno essere si destreggia sempre impeccabile in un'accozzaglia di personaggi che solo Parigi può creare.da leggere tutto d'un fiato.

    dit le 

  • 5

    Queneau é incredibile (come sempre)

    Bello. Letto tutto d´un fiato durante le vacanze di Natale. Zazie è quanto di più irritante ci possa essere in una ragazzina, ma al tempo stesso ci innamora il suo modo disincantato e coraggioso di di ...continuer

    Bello. Letto tutto d´un fiato durante le vacanze di Natale. Zazie è quanto di più irritante ci possa essere in una ragazzina, ma al tempo stesso ci innamora il suo modo disincantato e coraggioso di dire le cose come stanno. Che in un mondo come questo, non è una virtù da poco.

    dit le 

  • 5

    Ma Zazie non prende il metró

    Recensendo I fiori blu ho espresso l'opinione che il linguaggio di Queneau, così peculiare da determinare il significato che esprime, fosse una sorta di sovrastruttura volta comunque ad indirizzare il ...continuer

    Recensendo I fiori blu ho espresso l'opinione che il linguaggio di Queneau, così peculiare da determinare il significato che esprime, fosse una sorta di sovrastruttura volta comunque ad indirizzare il lettore verso il significato del libro. In effetti, leggendo questo autore si corre il rischio di essere eccessivamente affascinati da come Queneau scrive, piuttosto che da ciò che scrive . Nel caso de I fiori blu, tuttavia, il respiro storico delle vicende, il continuo alternarsi di episodi della storia di Francia con la descrizione di un'attualità (il 1964) ed il loro confronto serrato rende in qualche modo agevole al lettore avvertito individuare ciò che Queneau vuole esprimere con il suo pirotecnico linguaggio.
    Leggendo Zazie nel metró, opera scritta qualche anno prima (1959), il rischio di fermarsi alla sovrastruttura linguistica, di cadere nella trappola, peraltro sapientemente ordita da Queneau stesso, di considerare il testo un divertentissimo esercizio di stile applicato ad un nulla narrativo, ad una serie di assurde e strampalate situazioni prive di alcun elemento che vada appunto oltre la loro assurdità, è altissimo. Ad una prima lettura potrebbe infatti sembrare che la due giorni parigina di Zazie, le situazioni in cui si trova coinvolta e le persone che incontra siano semplicemente dei pretesti che danno modo a Queneau di scatenare la sua furia demolitrice verso la lingua francese, e la sua conseguente ricostruzione traslata.
    Come dicevo è Queneau stesso che si diverte a depistarci, quando in una delle rare pagine del libro non dominata dai serratissimi linguaggi, fa pensare a Gabriel, lo zio di Zazie, questa sorta di confessione dell'autore: ”Parigi è solo un sogno, Gabriel è solo un'ombra, Zazie il sogno di un’ombra (o di un incubo) e tutta questa storia il sogno di un sogno, l'ombra di un’ombra, poco più di un delirio scritto a macchina da un romanziere idiota (oh! mi scusi).” Non vi è dubbio infatti che l'apparente assurdità di molte delle situazioni narrate può far pensare ad una sorta di farsa un po' fine a sé stessa, nella quale appunto è solo il linguaggio, la struttura del testo a sorreggere un'impalcatura che ad un primo esame potrebbe essere definita fragile.
    Il linguaggio è quindi anche in questo caso, direi soprattutto in questo caso, il mezzo con cui Queneau crea la storia di Zazie: sul ruolo del linguaggio in Queneau ed in particolare in Zazie l'edizione da me letta riporta un breve saggio di Roland Barthes, e di fronte a cotanto critico non posso che rinviare alla lettura. Tra l'altro, come nel caso de I fiori blu, anche qui ci troviamo di fronte alla disperata impresa di tradurre un testo che reinventa la lingua francese, ed anche in questo caso si può dire che l'impresa è riuscita grazie alle capacità di un grande intellettuale del dopoguerra, Franco Fortini.
    Ma ci si può rendere conto che anche in questo caso il linguaggio, che crea la storia, non la esaurisce in sé stesso, anzi permette che la storia ci si presenti in tutta la sua forza corrosiva.
    Partiamo dal personaggio di Zazie. E' una ragazzina (9-10 anni?) di provincia che viene a passare due giorni a Parigi, affidata dalla madre (che passa due giorni d'amore con l'amante) allo zio Gabriel. Vuole assolutamente andare in metró, ma non ci riuscirà perché è in corso uno sciopero. La sua reazione alla notizia (Ah, porci,... ah, cialtroni, …. io che ero tanto felice, beata e tutto, di scarrozzarmi in metró. Eh, c...”) ci fa capire subito che non è una ragazzina compìta ma, si direbbe oggi, è un personaggio politicamente scorretto. Non solo usa spesso un linguaggio scurrile, ma questo linguaggio le serve in genere per chiosare le frasi degli adulti che le si rivolgono come si dovrebbe fare con una ragazzina della sua età: esemplare a questo proposito il dialogo tra lei e l'autista Charles che le accenna alla chiesa des Invalides: ”...se vuoi vedere davvero gli Invalidi e la tomba vera del vero Napoleone, ti ci accompagnerò. - Napoleone un c…, - replica Zazie” (nell'originale il più efficace Napoleon mon cul). Si verrà a sapere che Zazie ha subito un tentativo di violenza da parte del padre, ed in quel frangente la madre lo ha ucciso spaccandogli la testa con un'ascia. Questo antefatto potenzialmente devastante per la psiche di Zazie è però narrato dalla ragazzina con leggerezza, quasi con orgoglio per il suo ruolo e per le conseguenze giudiziarie di cui è stata protagonista, tanto da insinuare nel lettore il sospetto che sia una storia inventata per attirare l'attenzione. Questa incertezza, questa ambiguità delle situazioni narrate è, come vedremo, secondo me una delle chiavi di interpretazione del libro. Ancora, durante la sua fuga mattutina per le vie di Parigi Zazie non esita ad additare alla folla come pedofilo il buon Turandot che voleva riportarla a casa. Zazie è l'elemento disturbante, che con il suo modo di fare, con il suo porre domande dirette e chiedere sempre di vedere ciò che dicono gli adulti, con il suo servirsi dell'arma di una innocente spudoratezza smaschera le convenzioni del linguaggio e dei rapporti sociali, ridicolizza il mondo artefatto degli adulti, mettendoli a nudo per ciò che sono.
    I principali personaggi adulti che appaiono nel romanzo sono infatti tutti caratterizzati da una qualche forma di ambiguità o di insufficienza rispetto al loro ruolo sociale. Lo zio Gabriel, che fa il danzatore in un locale per gay, è forse omosessuale, ma lo nega recisamente; Charles, il suo amico tassista, non conosce i principali monumenti di Parigi; Pedro / Trouscaillon (che si presenta nella storia anche con altri nomi e personalità) non si sa chi sia e cosa davvero faccia nella vita, (ad un tratto commenta disperato ”E' me, è me che ho perduto”). La dolce Marceline, moglie di Gabriel, alla fine del libro diventerà Marcel; la vedova Mouaque è alla disperata ricerca di una purchessia storia sentimentale, e farà una assurda fine; la madre di Zazie ha forse ammazzato il marito.
    Il microcosmo di relazioni costituito da Gabriel, Marceline e dai loro compari, a sua volta piccola parte del grande microcosmo umano costituito da Parigi, si regge sulla parola, ma su una parola che è codificata, artificiosa (metalinguaggio, dice Roland Barthes) che non esprime le cose, ma solamente le rappresenta, quando non rappresenta unicamente sé stesso. Le relazioni tra le persone non cercano di sciogliere le ambiguità di cui sono infarcite, ma si basano sulla chiacchiera (”Chiaccheri, chiaccheri (sic!), non sai far altro”, ripete monotono Laverdure, il pappagallo - filosofo del barista Turandot). E' solo Zazie, che usa un altro linguaggio, che si incunea in questo microcosmo come un granellino di polvere in un ingranaggio apparentemente perfetto, che vuole sempre scoprire il significato vero delle parole, ad essere in grado (spesso con quel mon cul) di smascherare la convenzionalità e la superficialità della comunicazione; ne farà esplodere tutte le contraddizioni, sino all'assurdo (ma solo apparentemente) show-down finale, nel quale emerge chiaramente la repressione dell'ordine costituito rispetto ad ipotesi di sovvertimento dei codici di comunicazione. E' infatti ad esempio solo dopo che il ciclone Zazie si è abbattuto su quel microcosmo che la dolce Marceline sarà riconosciuta per quello che è, per Marcel.
    Ecco che quindi in Zazie nel metró il il linguaggio, oltre che essere un modo per esprimere la storia narrata, è esso stesso oggetto della storia, mezzo attraverso cui passano i grandi enigmi che questa storia ci consegna. Queneau usa uno specifico mezzo espressivo (il suo linguaggio) per parlarci di costruzioni sociali e relazioni personali fondate sul linguaggio e sul suo uso sociale, e che attraverso un diverso uso del linguaggio possono essere analizzate e messe in discussione.
    Zazie però non andrà nel metró: la messa a nudo delle ambiguità delle relazioni nel piccolo gruppo non è sufficiente per destrutturare la grande costruzione artificiale di rapporti sociali incarnata dalla grande città, che continuerà come sempre ad aggiungere artificialità ed ambiguità a sé stessa. La battuta finale di Zazie alla madre che le chiede cosa abbia fatto in quei due giorni: ”sono invecchiata”, sembra anzi volerci dire che non solo il moloch parigino ha già assorbito la sua irregolarità, ma che essa stessa sia stata inevitabilmente normalizzata da forze senza dubbio incommensurabili con la sua pur meravigliosa freschezza.

    dit le 

  • 4

    Una divertentissima ed irrefrenabile galoppata.

    La Parigi come viene presentata oggi, alle prese con la paura da una parte e con un militarismo sfrenato ed impotente dall'altra non mi piace.

    Ed allora vale la pena visitarla correndo dietro per un g ...continuer

    La Parigi come viene presentata oggi, alle prese con la paura da una parte e con un militarismo sfrenato ed impotente dall'altra non mi piace.

    Ed allora vale la pena visitarla correndo dietro per un giorno a questa impertinente, maleducata, irrefrenabile, simpaticissima monella ch si chiama Zazie: che scappa da una parte e dall'altra inseguita da adulti strampalati, maleducati, bugiardi fino all'inverosimile, però gustosissimi. Che Parigi è quella che si presenta agli occhi della piccola Zazie?

    Impoverita dalla guerra però viva e desiderosa di sognare, più di tutto. Una parigi impertinente ed energetica come la monella di campagna, molto diversa dalla soldatesca e bombarola Parigi della signora le Pen e dei suoi amici a 5 stelle italiani.
    Per mantenersi giovani, per guardare al futuro, forse maleducati ma ingenuamente sinceri come la piccola Zazie bisognerebbe essere. Perche se ci si immerge troppo nel mondo della menzogna e della violenza adulte (in questa paradossale operetta nessun adulto dice la verità, mai), si finisce come Zazie tra le braccia della mamma dopo due giorni (che l'aveva lasciata per stare con l'amante): "invecchiati".

    dit le 

  • 5

    Un libro bello, pieno di sfumature, anche truci, notevolmente moderno soprattutto nella forma linguistica, ancor più se letto in francese, grazie all’argot. Un storia originale e dura complessa come l ...continuer

    Un libro bello, pieno di sfumature, anche truci, notevolmente moderno soprattutto nella forma linguistica, ancor più se letto in francese, grazie all’argot. Un storia originale e dura complessa come le grandi opere.
    Da leggere!

    dit le 

Sorting by