Zigulì

La mia vita dolceamara con un figlio disabile

Di

Editore: A. Mondadori

4.0
(284)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804615834 | Isbn-13: 9788804615835 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biografia , Bambini , Famiglia, Sesso & Relazioni

Ti piace Zigulì?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Metà di quello che ho scritto è uscito in una notte. Il resto sul tram, mentre andavo al lavoro" racconta nelle prime pagine di questo libro Massimiliano Verga, padre di Moreno, sette anni, nato sano e diventato gravemente disabile nel giro di pochi giorni. "Così ho raccolto gli odori, i sapori e le immagini di sette anni di vita con mio figlio Moreno, il secondo di tre. Odori per lo più sgradevoli, sapori che mi hanno fatto vomitare, immagini che i miei occhi non avrebbero voluto vedere. Ma anche ai sapori ci si abitua. E agli odori si impara a non farci più caso. Ho perfino pensato che fosse lui ad avere il pallino della fortuna in mano, perché lui non può vedere e ha il cervello grande come una biglia. Non posso dire che Moreno sia il mio piatto preferito o che il suo profumo sia il migliore di tutti. Però mi piacerebbe riuscire a scattare quella fotografia che non mi abbandona mai, quella che ci ritrae quando ci rotoliamo su un prato. Questo libro è uno dei tanti scatti che ho fatto negli ultimi anni." Un libro crudo e insieme intenso. L'atto d'amore di un padre per il figlio disabile.
Ordina per
  • 4

    Quando lo zucchero non basta

    Sconvolgente e spietato. Disturbante nella sua verità. Onesto a costo di sembrare crudele. Mai sentito parlare di disabilità e genitorialità in questi termini. Coraggiosissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Vita controvento

    Ogni tanto un pugno nello stomaco può far bene. E' quello che succede durante la lettura di questo libro. L'autore descrive senza ipocrisie quello che tanti genitori di disabili provano realmente. Ed ...continua

    Ogni tanto un pugno nello stomaco può far bene. E' quello che succede durante la lettura di questo libro. L'autore descrive senza ipocrisie quello che tanti genitori di disabili provano realmente. Ed io mi inchino davanti alla loro forza.

    ha scritto il 

  • 5

    Sei come un rubinetto che perde: funzioni male e dai fastidio. Ma io non sono un idraulico. Posso soltanto passare lo straccio quando il bagno si allaga.

    Ci sono tanti tipi di eroe e secondo me Massim ...continua

    Sei come un rubinetto che perde: funzioni male e dai fastidio. Ma io non sono un idraulico. Posso soltanto passare lo straccio quando il bagno si allaga.

    Ci sono tanti tipi di eroe e secondo me Massimiliano Verga lo è a pieno titolo.
    Questo libro fa doppiamente male, sia per il tema, la vita (dolceamara, come la definisce l'autore) con un figlio gravemente disabile, sia per le parole dure e crude di Massimiliano, che a volte possono sembrare cattive e inutilmente crudeli nei confronti del figlio Moreno; e invece no, perché lì dove c'è l'amarezza, l'incazzatura, l'impotenza, c'è tanto amore e sofferenza.
    Alcune frasi, alcuni 'attacchi' potrebbero mettere addosso una fastidiosa sensazione di disagio ma credo che l'autore abbia tutto il diritto di far cadere quel velo di finto perbenismo che, volenti o nolenti, ci copre tutti.

    Tanta stima e tanto affetto per quest'uomo che mi ha conquistato con le sue parole, il suo coraggio e la sua lotta quotidina!

    A Como i parcheggi per gli handicappati hanno un cartello con scritto: "Vuoi il mio posto? Prendi il mio handicap!". In lizza per il premio Nobel.

    Quando ridi... Non me ne fotte letteralmente un cazzo di quello che mi succede intorno.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho deciso di non dare un voto in stelline, perchè mi sembra come di star dando un giudizio morale alle parole e il modo di esprimersi, spesso duri, di Massimiliano Verga. Non ho familiari nè amici dis ...continua

    Ho deciso di non dare un voto in stelline, perchè mi sembra come di star dando un giudizio morale alle parole e il modo di esprimersi, spesso duri, di Massimiliano Verga. Non ho familiari nè amici disabili, per cui non posso capire neppure lontanamente cosa ciò comporti. Posso solo leggere, cercare di immaginare, rispettare e rimanere dignitosamente in silenzio.

    ha scritto il 

  • 0

    Questo Libro è un cazzotto nello stomaco, concreto per quanto forte e realistico. l'ho letto tutto di un fiato,ho odiato e contemporaneamente mi sono arresa, amando, la durezza di alcune frasi . E' si ...continua

    Questo Libro è un cazzotto nello stomaco, concreto per quanto forte e realistico. l'ho letto tutto di un fiato,ho odiato e contemporaneamente mi sono arresa, amando, la durezza di alcune frasi . E' sicuramente da leggere per RI-flettere e Ri-pensare alle nostra società in termini di cambiamento consapevole fuori e dentro noi stessi.

    ha scritto il 

  • 4

    Moreno non vede ed il suo cervello è grande come una caramella Zigulì.
    Moreno non potrà guarire dalla sua disabilità.
    Un padre che, deve partire da questo presupposto non può che non essere incazzato. ...continua

    Moreno non vede ed il suo cervello è grande come una caramella Zigulì.
    Moreno non potrà guarire dalla sua disabilità.
    Un padre che, deve partire da questo presupposto non può che non essere incazzato.

    Risultato? Un libro senza un briciolo di ipocrisia.
    Reale, schietto e probabilmente per alcuni versi fastidioso.

    ha scritto il 

Ordina per