Microsoikos (solo ebook)'s Reviews76

Microsoikos (solo ebook)Microsoikos (solo ebook) wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Questo romanzo
“La versione dell’arbitro”, così è intitolato l’ultimo romanzo di Pier Luigi Brunori.

E’ una vicenda originale: un giovanotto, promettente calciatore, emulo del nonno e fan di Roberto Baggio, di cui sogna di seguire le orme, dopo una pesante squalifica, decide di cambiare totalmente la parte in commedia e si mette ad intraprendere la carriera di arbitro.

E’ un rovesciamento totale della visuale, dell’approccio al gioco del calcio: non sarà più protagonista assoluto, potenzialmente acclamato, seguito, osannato e tenuto costantemente sotto i riflettori, non sarà tra gli attori che muovono l’azione teatrale.

Il nuovo ruolo cui aspira, e per il quale si prepara con grande impegno, è invece quello di chi deve far rispettare le regole tra i protagonisti dell’azione, tra gli attori della rappresentazione: deve diventare il regolatore, colui che assicura l’armonia del tutto.

Quale soddisfazione può dare scendere dal piedistallo, uscire dai riflettori, per svolgere un ruolo ingrato, generalmente in ombra (salvo per le aspre critiche, le pesanti offese, il rischio perfino della violenza fisica da parte delle opposte tifoserie), senza poter mai più essere o diventare un idolo?

La vicenda di Roberto Reali, le sue vicissitudini personali e familiari, cercano di rispondere a questa domanda, che esplicitamente gli rivolgerà il suo tutor al corso abilitante.
In fondo, questo non è solo un racconto, la storia di un personaggio di fantasia ma con molti riferimenti alla storia ed alla cronaca sportiva: è anche lo stimolo per una riflessione più ampia e più generale.

Nella vita sociale ci sono persone che assurgono a livelli significativi di notorietà, che svolgono un ruolo riconosciuto di protagonista, nel bene o nel male, ma la civile convivenza, il progresso ordinato delle cose, richiedono una continua attività di ricomposizione, necessitano di una indispensabile armonia, di rispetto di regole, che qualcuno, con le sue raccomandazioni, un fischietto in bocca, un taccuino in mano, custodisca e faccia osservare.

Alla fine, comunque, se non nei filmati delle cineteche, nei resoconti ufficiali dei risultati sportivi quel che rimane sono i rapporti di gara, le relazioni che il direttore del gioco stila per decretare provvedimenti e risultato: appunto, la versione dell’arbitro.

Un romanzo gradevole, con spunti ironici alternati a passaggi drammatici, affrontato con una scrittura piana e non involuta, nella quale molti potranno forse riconoscere qualcosa di sé, ricordare qualche momento della nostra storia recente e, alla fine, ricavare anche qualche elemento di riflessione.

La versione dell'arbitro
by Pier Luigi Brunori
(*)(*)(*)(*)( )(2)
Microsoikos (solo ebook)Microsoikos (solo ebook) wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
La nemica del cuore
by Hakan Nesser
(*)(*)(*)(*)( )(28)
Microsoikos (solo ebook)Microsoikos (solo ebook) wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Il diavolo nel cassetto
by Paolo Maurensig
(*)(*)(*)(*)( )(166)
Microsoikos (solo ebook)Microsoikos (solo ebook) wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Una piacevole conferma
Questo romanzo rappresenta l'ultimo lavoro - da poco uscito - di Fred Vargas, pseudonimo della scrittrice parigina Frédérique Audouin-Rouzeau.
Chi la conosce non ha bisogno di presentazioni: ricercatrice di archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche (CNRS), autrice anche di sceneggiature per la televisione, come scrittrice è specializzata in letteratura poliziesca.
E' soprattutto nota per la cosiddetta Trilogia de I Tre Evangelisti e per la serie del Commissario Adamsberg.
A quest'ultima appartiene, appunto, il nuovo romanzo (il nono della serie).
Adamsberg, commissario dell’Anticrimine del tredicesimo arrondissement, a capo di una squadra di ventisette agenti, sta cercando di godersi le vacanze quando è improvvisamente richiamato, con urgenza, a Parigi per seguire le indagini su un omicidio. Il caso è ben presto risolto, ma la sua attenzione viene subito attirata da quella che sembra una serie di sfortunati incidenti: tre anziani che, nel Sud della Francia, sono stati uccisi dal morso di una particolare specie di ragno velenoso, comunemente detto reclusa, che può scatenare necrosi, infiammazioni e reazioni anche letali.
Nella zona si scatena il panico ma Adamsberg non si fa prendere dall'agitazione: da "spalatore di nuvole" quale è, pian piano trova un collegamento e indaga .....
Pur non avendo il romanzo la tensione di un thriller, l'autrice è molto abile a gestire le varie fasi e l'evolversi dell'indagine, riuscendo sempre a tenere un buon ritmo e incitando il lettore a fare le sue supposizioni prima della soluzione finale.
E Adamsberg si conferma un personaggio assolutamente particolare.
Finisco con questa citazione dal libro:
"I nostri tempi, commissario? Ma quali tempi? Civilizzati? Razionali? Pacificati? I nostri tempi sono la nostra preistoria, sono il nostro Medioevo. L'uomo non è cambiato di una virgola. E soprattutto non nei suoi pensieri primari."
Il morso della reclusa
by Fred Vargas
(*)(*)(*)(*)( )(913)