2010 odissea due
by Arthur C. Clarke
(*)(*)(*)(*)( )(668)

All Reviews

40 + 19 in other languages
MagratheaMagrathea wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
E' pieno di stelle là fuori
Il dottor Chandra parla col gemello della sua adorata creatura HAL9000 perduto nella missione Discovery con la tenerezza di un padre col figlio. Scienziati perduti fra numeri e procedure di sicurezza ma con debolezze umane che diventano il loro più grande limite in un ambiente ostile e silenzioso come è lo spazio.
Luoghi dove ogni cosa va elaborata e messa in opera con sequenze precise, dove l'estemporaneità può essere fatale ed il semplice respirare è frutto di strumentazione tecnologica.
A volte manca il fiato scorrendo le parole. E' difficile immaginare che nostri simili si proiettino in missioni così al limite delle nostre peculiarità fisiche.
Ma è l'eterna tensione dell'uomo. La vita sulla Terra e quella oltre. Superare i propri limiti quando le risorse non basteranno più. E non basteranno più perchè abbiamo allungato il nostro tempo e combattuto per vincere su molte affezioni fisiche in una lotta che ha sempre guardato all'immortalità ed alla ricerca di altre forme di vita.
Clarke da vita al secondo capitolo di una delle più affascinanti saghe spaziali. A differenza di molte, riesce ad essere vicino a chiunque, mescolando tensioni umane, filosofia, una tecnologia plausibile ed ancor oggi avanzata, nuovi equilibri geopolitici (la Cina quale nazione emergente nel panorama economico era assoluta preveggenza negli anni '80, per non parlare del primo lancio di un'astronave a tecnologia unicamente cinese che si verificò soltanto nel 2003).
Un racconto spaziale con elementi di suspense ed una visionarietà sorprendente che non può non incantare. Un viaggio fra interrogativi vecchi e nuovi, su cosa ci aspetta, oltre quali limiti dovremo spingerci per sopravvivere, con quali civiltà differenti potremo venire in contatto.
Mi attendono altri 2 episodi, ma per il momento Clarke batte gli sceneggiatori ed i registi delle versioni cinematografiche 2-0. Ed ora odiatemi pure, ma leggeteli!

Lorenzo GLorenzo G wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
HolmesHolmes wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Gianni AbateGianni Abate wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
La vicenda di 2001 si era chiusa con l'astronauta David Bowman che viaggia verso l'infinito; Odissea due riparte da uno dei personaggi di 2001, Heywood Floyd, divenuto rettore dell'università delle isole Hawaii.
I sensori terrestri hanno rilevato che il relitto della Discovery, ancora orbitante attorno a Giove, ha iniziato - senza preavviso e senza motivo apparente - a compiere orbite sempre più prossime alla superficie del pianeta. In breve tempo la Discovery, insieme con tutti i misteri che ancora cela al suo interno (primo fra tutti, il computer HAL), rischia di schiantarsi su Giove. Poiché manca il tempo sufficiente a costruire una nuova astronave per andarla a recuperare, gli USA accettano la collaborazione dell'Unione Sovietica, già pronta con la nave Leonov.
Così, a bordo della Leonov parte un equipaggio di americani e di russi, diretti verso la Discovery col fine principale di carpirne i ‘segreti’ ed ottenere maggiori dettagli circa gli inconvenienti della precedente missione, tramite l'analisi della memoria di HAL 9000, il supercomputer che aveva causato la morte dell'intero equipaggio ad eccezione di David Bowman. Questi è ad ogni modo ritenuto morto ormai da tutti, con esclusione della sua ormai anziana madre, ricoverata in una clinica psichiatrica in attesa del ritorno del figlio; altro motivo del viaggio della Leonov è quello di studiare l'enorme monolito nero orbitante attorno a Giove.
L'equipaggio è composto dal capitano Tatiana Orlava, l'astronomo Vasili Orlov; gli ingegneri Maxim Brailovsky, Alexandeer Kovalev e Nikolai Ternovsky; la dottoressa Katerina Rudenko e Irina Yakunina (che poi non partirà per un incidente in deltaplano); l'ingegnere informatico Sivasubramanian Chandrasegarampillai, chiamato Chandra, creatore di HAL 9000; lo specialista dei sistemi Walter Curnow e il dottor Heywood Floyd. Questi ultimi tre viaggeranno in ibernazione quasi fino a Giove.
Arrivati vicino a Giove la Leonov scopre di essere stata preceduta dalla cinese 'Tsien' che, per poter prendere propellente per raggiungere prima dell'equipaggio russo-americano della Leonov la Discovery, scende sul ghiacciato satellite di Giove, Europa.
A seguito di un incidente l'equipaggio della Tsien muore su Europa, non senza aver mandato un'importantissima notizia: su Europa esiste una forma primitiva di vita, tuttavia destinata a non evolversi mai vista l'eccessiva lontananza dal sole. A questo punto si vede ricomparire l'astronauta David Bowman, quale forma di esistenza incorporea e superiore al pari di coloro che per primi inviarono sulla Terra il monolito, che vaga per il sistema solare e per i suoi ricordi fino a ritornare da sua madre, che muore felice per aver finalmente rivisto il suo figlio.
Nel frattempo l'equipaggio della Leonov si attracca alla Discovery e gli scienziati si mettono al lavoro per poter rendere funzionante la Discovery allo scopo di riportarla sulla Terra e per poter capire perché HAL uccise il precedente equipaggio. Nel frattempo l'enorme monolito, ribattezzato ‘Grande Fratello’ rimane fermo al proprio posto, causando l'ira del dottor Floyd che si chiede perché mai è arrivato fin laggiù per poter vedere un oggetto fermo e immobile come il monolito.
Tuttavia le sorprese non mancano, perché Floyd riceve messaggi che gli consigliano di andarsene presto dall'orbita di Giove, messaggi inviati, con grande stupore di Floyd e degli altri membri dell'equipaggio che stentano a credergli, da David Bowman stesso.
La sparizione improvvisa del monolito spinge i membri della Leonov a cercare un piano d'emergenza per poter tornare sulla Terra al più presto: il piano di emergenza verrà attuato con l'ausilio della Discovery e del ripristinato computer HAL 9000.
Mentre la Leonov e la Discovery fuggono dall'orbita di Giove, la comparsa di chiazze scure su Giove che si propagano a enorme velocità attira l'attenzione di tutto l'equipaggio: è solo il preludio all'esplosione del pianeta Giove, da sempre considerato una stella mancata, che diventa Lucifero, la seconda stella del sistema solare. Conseguenza dell'esplosione sarà la distruzione della Discovery e di HAL 9000, che perverrà alla stessa condizione di esistenza di Bowman, e invierà ripetutamente un solo messaggio alla Terra:
« Tutti questi mondi sono vostri ad eccezione di Europa, non tentate alcun atterraggio lì. »
Grazie alla presenza della nuova stella che scioglie i ghiacci, la vita su Europa può finalmente evolversi: il romanzo infatti si chiude col capitolo 20.001, in cui gli abitanti di Europa, osservando gli altri satelliti di Giove e il sistema solare, ipotizzano l'esistenza di altre forma di vita su altri pianeti, presenza confermata da continue luci presenti nel cielo e dalla caduta di pezzi di ferro sul neo-pianeta, venerati non come il grande monolito nero che sta al centro tra la parte non illuminata del pianeta e la parte illuminata.
Federica RamponiFederica Ramponi wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Adriano DLVAdriano DLV wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )