3096 giorni

Voto medio di 562
| 82 contributi totali di cui 78 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Natascha Kampush ha dieci anni quando viene rapita. Troverà la libertà dopo 3096 giorni, oltre otto anni dopo, riuscendo a fuggire dall'appartamento in cui veniva segregata. Il rapitore, disperato per l'abbandono, si suicida. Il loro non era, infatti ...Continua
Mr.Loto
Wrote 10/7/20
Intenso
Data la mia età, ricordo molto bene quando Natascha Kampusch fu rapita e altrettanto bene quando, finalmente, riuscì a fuggire. Il suo è un libro intenso, difficile, che a volte fa male come un pugno nello stomaco. Lo stile è secco e diretto e da ciò...Continua
Ariel
Wrote 5/2/20
Non esiste bianco o nero
Questo libro racconta la storia di Natascha e della sua aggressione. Tutto quello che riguarda il racconto della segregazione viene narrato in maniera pressoché distaccata, come se la stessa autrice volesse separarsi da questa esperienza per poterla...Continua

Pesantissimo.

Micòl
Wrote 2/25/19
Spaventosamente reale
È proprio in una realtà terribile ma necessaria quella in cui ci conduce Natascha. La necessità di conoscere tramite la sua voce quello che ha vissuto per otto lunghi anni in prigionia . Rapita dalla sua famiglia, Natascha vive per un tempo intermina...Continua

Alessandra
Wrote Jun 06, 2020, 19:19
Sono riuscita a sopravvivere, respingendo e scindendo inconsciamente da me l’orrore. E attraverso la terribile esperienza fatta durante la mia prigionia, ho imparato a essere forte. Sì, forse ho sviluppato una forza, che crescendo in libertà non sare...Continua
Giada Lexy (NO...
Wrote Jan 13, 2019, 14:47
Questa società ha bisogno di criminali come Wolfgang Priklopil, per dare un volto al male che vi risiede e per scinderlo da se stessa. Ha bisogno delle immagini delle prigioni nelle cantine per non dover guardare alle tante case e ai giardini, dove l...Continua
Giada Lexy (NO...
Wrote Jan 13, 2019, 14:47
Avevo innescato una bomba. La miccia bruciava e non c'era nessuna possibilità di spegnerla. Avevo scelto la vita. Al rapitore non rimase che la morte.
Giada Lexy (NO...
Wrote Jan 13, 2019, 14:47
Ero dentro il mondo del dispotico re di cuori,dove le carte trasalivano ogni volta che risuonava la sua voce

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
No element found
Add the first note!

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add