Accabadora

Voto medio di 7460
| 1.641 contributi totali di cui 1.450 recensioni , 183 citazioni , 0 immagini , 8 note , 0 video
«Acabar», in spagnolo, significa finire. E in sardo «accabadora» è colei che finisce. Agli occhi della comunità il suo non è il gesto di un'assassina, ma quello amorevole e pietoso di chi aiuta il destino a compiersi. È lei l'ultima madre.
Phoebes
Wrote 10/17/20
AFFASCINANTE AFFRESCO SARDO AL FEMMINILE
Un romanzo che mi affascinava e che sapevo mi sarebbe piaciuto, si è rivelato diverso da quello che mi aspettavo ma non per questo meno bello. Uno spaccato della Sardegna della metà del secolo scorso, una storia di donne, tradizioni e varie forme e m...Continua
Daphne
Wrote 9/10/20
Madre dell'anima
Una figura materna impossibile da dimenticare, l’amore, la compassione, la necessità, le incomprensioni, la vendetta… è pieno di tutto questo e molto altro ancora questo breve romanzo profondo che mi ha richiamato alla mente le atmosfere de ‘I Malavo...Continua
Consigliato
Un tema difficile (quello della morte, del dare la morte, dell'ultima madre) e una scrittura incisiva e poetica. Parentesi torinese, formativa per la protagonista, apprezzabile da un certo punto di vista, inspiegabile per altri. In ogni caso il mio g...Continua
Alex-Noir
Wrote 7/13/20
Più che romanzo direi un racconto lungo. Peccato perché c'erano tanti elementi per farne un romanzo interessante e un po' più immersivo. Invece la Murgia sceglie una strada diversa. Ci presenta questa storia con alcuni flash della vita delle due donn...Continua

L'ho letto trattenendo il respiro.


Laura Marotta
Wrote Jun 11, 2020, 15:23
Non metterti a dare nomi alle cose che non conosci, Maria Listru. Farai tante scelte nella vita che non ti piacerà fare, e le farai anche tu perché vanno fatte, come tutti.
Pag. 116
Laura Marotta
Wrote Jun 11, 2020, 15:21
Ti ho picchiato perché mi hai detto una bugia. Le mandorle si ricomprano, ma alla bugia non c'è rimedio. Ogni volta che apri bocca per parlare, ricordati che è con la parola che Dio ha creato il mondo.
Pag. 110
Laura Marotta
Wrote Jun 11, 2020, 15:20
Argomenti diversi dal fatalismo non avevano aiutato Salvatore a immaginare un futuro accettabile per il figlio, perché se è vero che dal legno non nasce il ferro, il vecchio Bastíu non avrebbe saputo ipotizzare una maledizione peggiore che vivere nel...Continua
Pag. 94
Laura Marotta
Wrote Jun 11, 2020, 15:19
A quindici anni Bonaria era già in grado di capire che certe cose, farle o vederle fare è la stessa colpa, e mai da allora le era venuto il dubbio di non essere capace di distinguere tra la pietà e il delitto. Mai prima di quella sera, quando negli o...Continua
Pag. 93
Laura Marotta
Wrote Jun 11, 2020, 15:17
Dal fronte, insieme ai feriti gravi congedati, arrivavano notizie dell'eroismo della Brigata Sassari, e Bonaria ventenne aveva già visto abbastanza mondo da sapere che la parola «eroe» era il maschile singolare della parola «vedove».
Pag. 83

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

Katia
Wrote Oct 10, 2016, 22:35
Accabadora Pagina 69 http://www.liberolibro.it/accabadora-di-michela-murgia/
Manoz
Wrote Sep 20, 2015, 18:16
Quando si ha abbastanza tempo anche la rabbia si organizza.
Pag. 80
† Morgana †...
Wrote Jan 01, 2015, 13:50
Le colpe, come le persone, iniziano a esistere se qualcuno se ne accorge.
Pag. 145
† Morgana †...
Wrote Jan 01, 2015, 13:50
A quindici anni Bonaria era già in grado di capire certe cose, farle o vederle fare è la stessa colpa, e mai da allora le era venuto il dubbio di non essere capace di distinguere tra la pietà e il delitto.
Pag. 93
† Morgana †...
Wrote Jan 01, 2015, 13:49
Come gli occhi della civetta, ci sono pensieri che non sopportano la luce piena. Non posso nascere che di notte, dove la loro funzione è la stessa della luna, necessaria a smuovere maree di senso in qualche invisibile altrove dell'anima.
Pag. 92

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add