Colazione da Tiffany

La biblioteca di Repubblica - Novecento, 31

Voto medio di 5728
| 727 contributi totali di cui 615 recensioni , 109 citazioni , 0 immagini , 2 note , 1 video
Nel 1958, in un’America non ancora immune dagli spettri della guerra fredda e già segnata da una certa ansia di trasgressione, Colazione da Tiffany sembrò davvero condensare lo spirito del tempo, e insieme proporre una filosofia di vita capace di con ...Continua
Ubik
Wrote 10/9/20
“Per sentirmi meglio mi basta prendere un taxi e farmi portare da Tiffany…”
Non ricordo di avere visto il film di Blake Edwards, per cui ho letto il romanzo senza essere condizionato dalla personalità di Audrey Hepburn, né dall’influenza del film, che peraltro ho appreso essere piuttosto diverso dal libro di Capote. In assen...Continua
ghigo
Wrote 6/26/20
Per quanto è intenso, immediato e sorprendente, ne ho ricavato l’impressione di una fucilata. Molto poco “politicamente corretto”, c’è da chiedersi come ne abbiano tirato fuori un film tanto dolciastro (che fortunatamente conoscevo solo per qualche s...Continua
ikkoku
Wrote 4/1/20
Vite “in transito”
Secondo contatto con Truman Capote dopo la travolgente passione per “A sangue freddo”. Certamente una lettura diversa dalla precedente ma che, personalmente, mi conferma la piacevolezza di leggere questo autore. - Dopo la violenza ed il folle vuoto d...Continua
Roberta
Wrote 2/3/20
Non mi ha appassionata più di tanto
E' un romanzo strano ed è difficile appassionarsi perché la storia è molto confusa e anche i protagonisti sono alquanto strani e bizzarri. L'ho iniziato e ripreso diverse volte cercando di arrivare alla fine, ma con molta difficoltà. Non c'è suspense...Continua
Camy
Wrote 4/28/19
''Colazione da Tiffany'' è un romanzo breve scritto da Truman Capote, scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e attore statunitense, e pubblicato nel 1958, noto per l'omonimo film del 1961 con Audrey Hepburn. Il romanzo racconta la soria di Holly, una...Continua

Pedrazzinimaria524
Wrote Apr 27, 2018, 19:39
E poi, la patria è dove ci si sente a proprio agio. Io la sto ancora cercando.
Mauro
Wrote Mar 04, 2018, 17:51
«Vorrei essere ancora io quando un bel mattino mi sveglierò e andrò a fare colazione da Tiffany... Io non voglio essere padrona di niente finché non saprò di averlo trovato, il posto dove io e le cose siamo legate tra noi. Non so ancora bene dove sia...Continua
Frà Mella
Wrote Mar 19, 2017, 13:29
"E poi, la patria è dove ci si sente a proprio agio. Io la sto ancora cercando."
Pag. 118
Frà Mella
Wrote Mar 19, 2017, 13:27
"...l'amai abbastanza da dimenticare me stesso, le mie disperazioni egoistiche e da essere contento perchè stava per succedere qualcosa che lei pensava felice."
Pag. 102
Frà Mella
Wrote Mar 19, 2017, 13:25
"...non un'onestà di tipo legale (...) ma un'onestà nei confronti di se stessi. Sii quello che vuoi ma non un vigliacco, un fanfarone, un ladro di emozioni, una sgualdrina; preferirei avere il cancro piuttosto che un cuore disonesto. Il che non signi...Continua
Pag. 98

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!


Scarlett O'Hara...
Wrote Apr 09, 2015, 07:56
Moon River
Author: Henry Mancini

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add