Eleanor Oliphant sta benissimo

di | Editore: Garzanti
Voto medio di 1109
| 197 contributi totali di cui 177 recensioni , 18 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: benissimo. Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché dico sempre quello che penso. Ma io sorrido, perché sto bene così. Ho quasi trent'anni e d ...Continua
CriSting
Ha scritto il 14/02/19
Eleanor è un personaggio difficile da dimenticare. Appena ho iniziato a leggere il libro mi è venuta in mente Bridget Jones, perché come lei è a tratti buffa, distratta, schietta, a volte anche fastidiosa. Ma da su bito si intuisce che qualcosa di ve...Continua
mafalda0250
Ha scritto il 13/02/19
Storiella edificante, ma ben scritta. Tutto scivola via tranquillamente, tutto si risolve, i drammi in realtà non sono drammi, la tragedia alle spalle viene raccontata e risolta senza premere sul pedale del melodramma. Un po' troppo, come se bastass...Continua
Superele82
Ha scritto il 09/02/19
Uno splendido personaggio
Appena finito di leggere il famosissimo "Eleanor Oliphant sta benissimo" di Gail Honeyman. In tantissimi ne hanno parlato, scritto, e il romanzo è stato per settimane ai vertici della classifica dei romanzi più venduti. Devo dire che di solito questi...Continua
Pierpaola
Ha scritto il 08/02/19
Bello!!

La stranezza di Eleonor mi ha incuriosita dalla prima pagina!
Il libro scorre molto veloce, non ho trovato passaggi lenti... nel complesso per me il giudizio è più che positivo.

Tadzio
Ha scritto il 07/02/19
Un’antropologa a Glasgow
Una protagonista dall’apprendistato alla vita singolare, socialmente dis-inserita, versata nelle lettere: quale angolazione migliore per smascherare ipocrisie e stranezze delle interazioni umane di ogni giorno, adottando un linguaggio pungente e – pe...Continua

Serena
Ha scritto il Feb 06, 2019, 17:22
pag. 172 Raccogliendo i rifiuti della sera precedente, mi accorsi che non avevo consumato interamente la mia dose di vodka e la maggior parte di una mezza bottiglia di Smirnoff era ancora intatta. Ricordando il mio imbarazzante passo falso alla fest...Continua
stefina
Ha scritto il Jan 31, 2019, 22:57
L’oscenità è il segno distintivo di un vocabolario tristemente limitato
Pag. 275
Isabella Senza
Ha scritto il Jan 17, 2019, 16:52
Però, attraverso l’attentato osservazione dai margini, avevo scoperto che spesso il successo sociale si basa su un minimo di finzione. A volte le persone popolari devono ridere di cose che non trovano molto divertenti, devono fare cose cui non tengon...Continua
Pag. 209
Isabella Senza
Ha scritto il Jan 17, 2019, 16:48
Suppongo che una delle ragioni per cui siamo in grado di continuare a esistere nell’arco di tempo assegnatoci in questa valle verde e azzurra di lacrime è che, per quanto remota possa sembrare, c’è sempre la possibilità di un cambiamento.
Pag. 193
Isabella Senza
Ha scritto il Jan 12, 2019, 18:20
Alcune persone - i deboli - hanno paura della solitudine. Ciò che non riescono a comprendere è che possiede qualcosa di molto liberatorio: una volta che ti rendi conto di non aver bisogno di nessuno, puoi prenderti cura di te stesso. Il punto è quest...Continua
Pag. 145

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Francesca R
Ha scritto il Feb 11, 2019, 08:00
prestato a Luigi sassi in data 9/2/19
josef
Ha scritto il Nov 23, 2018, 16:00

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi