Il sessantunenne John Shade, professore al Wordsmith College dell'immaginaria cittadina americana di New Wye, sta ultimando un poema in cui i ricordi d'infanzia si mescolano a interrogativi metafisici sull'"osceno, inammissibile abisso" della morte, ...Continua
Nerebiglie
Ha scritto il 22/04/20
Ma quale Lolita!
No, non ho mai letto “Lolita”, questa è l’ennesima prima volta in cui mi cimento con un nuovo scrittore. Nuovo per me, naturalmente. “Fuoco pallido” è un libro molto articolato, l’autore è riuscito nell’intento di farmi leggere la prefazione cosa che...Continua
Romeomuratori
Ha scritto il 27/11/18
La rilettura è stata ancor più godibile. Come fosse la prima volta. La follia è labirintica. La finzione è libertà. Il gioco è sempre serio. Chi si occupa di libri, li legge, li scrive o li commenta, è un pazzo che vive nell' unica possibile realtà :...Continua
LisBeth
Ha scritto il 07/05/18
Ero l'ombra del beccofrusone ucciso
Uno dei miei libri-totem. Quanto c'è di un lettore all'interno di un testo? E se il lettore fosse paranoico, narcisista, folle, inadeguato alla comprensione del testo...insomma, inattendibile? Fuoco Pallido ce lo dimostra in un dialogo tra un testo p...Continua
CosimoColbi
Ha scritto il 06/03/18
Il re, il poeta e l'assassino
“l’if, per noi se, l’albero senza vita! il tuo gran forse, Rabelais: the grand potato, e cioè peut-être. La S.P.E., Scuola (S) laica di Preparazione (P) all’Eternità (E), da noi detta anche Se - il grande se! -, mi chiamò per un trimestre, dovevo par...Continua
Il grande marziano
Ha scritto il 16/07/17
Un libro geniale!
Ci sono scrittori che, quando ti accosti ai loro libri, non riesci a fare a meno di pensare di avere davanti i risultati di una mente fuori del comune, un cervello con una marcia (letteraria) in più degli altri – o magari anche due –, dei geni assolu...Continua

Angebet
Ha scritto il Mar 01, 2017, 10:59
"Le parole si possono bardare come fossero pulci ammaestrate per poi usarle alla guida di altre pulci."
Calibano
Ha scritto il Dec 27, 2012, 17:15
La vita è una grande sorpresa. Non vedo perché la morte non dovrebbe essere una sorpresa ancora più grande.
Pag. 222
Renato Fianco
Ha scritto il Jun 06, 2010, 16:03
In questo passo, Kimbote racconta la vicenda della sua presa di possesso della casa, presa in affitto dal giudice Goldsworth, vicina alla villa del poeta Shade: Il giudice Goldsworth aveva moglie e quattro figlie; i ritratti di famiglia mi accolsero...Continua
Pag. 100

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!


- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi