Ghosts

Voto medio di 253
| 22 contributi totali di cui 19 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Imogene è giovane e bella. Bacia come una diva del cinema e sa tutto di tutto su qualsiasi film. È morta, ma aspetta Alec Sheldon nel Rosebud Theater in un pomeriggio del 1945... Arthur Roth è un tipo solitario con grandi idee e un talento per attira ...Continua
Asahi88
Wrote 5/1/20
Raccolta di Joe, devo essere sincera all'inizio era partita alla grande...mi erano piaciuti i racconti d'inizio: "Best new horror", "Un fantasma del ventesimo secolo", "Pop art" poi purtroppo ha cominciato a calare (direi pure drasticamente, ma forse...Continua
Kry
Wrote 4/29/20
20th Century Ghosts
A truly exceptional collection, one of the best I've read - probably in my top three. It is certainly Joe Hill's best achievement in the short fiction category. Each story is truly resonant, evocative storytelling. In the space of 30 pages or less -...Continua
Antonio
Wrote 9/19/16
Nel complesso davvero una bella raccolta di racconti, alcuni horror altri meno. Scritti in maniera magistrale e in certi versi introspettivi. Di seguito i voti di ogni singolo racconto: Best New Horror: ***** Davvero un bel racconto dell'orrore; di q...Continua
Fabio G.
Wrote 1/25/16
Davvero bello
Una raccolta di racconti degna del figlio del Re :) A parte gli scherzi, grandi racconti intervallati da storie un pochino più anonime, ma pur sempre godibili. Alcune storie sono assolutamente brillanti (una su tutte, Pop Art) altre sconvolgenti (Il...Continua
Racconti originali tra alti e bassi

ma sempre meritevoli. Non tutti parlano di fantasmi in senso lato, Joe Hill mi piace anche per questo, mai darlo per scontato.


Pollon
Wrote May 09, 2015, 14:34
Il ricordo di quel giorno alla discarica gli fece sentire una fitta di nostalgia per suo padre - avevano passato anche dei bei momenti insieme, e tutto sommato Buddy era stato una cena più che decente. Sul serio, che altro si poteva pretendere da un...Continua
Pag. 93
Bssm
Wrote Mar 06, 2015, 17:51
Tutti, che lo vogliano o meno, diventano astronauti, si lasciano ogni cosa alle spalle per andare verso un mondo di cui non sanno niente. È così che funziona.
Filippo "Il Corvo"
Wrote Nov 07, 2010, 18:31
Un giorno le parlai di Art. "Che storia triste. Mi dispiace tanto." Mi scrisse Ruth con un pastello. Mi coprì la mano con la sua. "Cos'è successo? Non aveva abbastanza aria?" "No, non aveva abbastanza cielo" risposi io.
Pag. 92

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
No element found
Add the first note!

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add