Il segno dei quattro

Voto medio di 2641
| 181 contributi totali di cui 161 recensioni , 17 citazioni , 0 immagini , 3 note , 0 video
Secondo romanzo della serie che Arthur Conan Doyle incentrò sul personaggio di Sherlock Holmes, Il segno dei quattro, scritto nel 1890, costituisce un'autentica pietra miliare della letteratura poliziesca. Un libro in cui l'eccentrico investigatore a ...Continua
Blue Drake
Ha scritto il 27/07/19
“Uno studio in rosso” mi è parso più interessante, compresa la divagazione americana. Ci sono molte inesattezze in questo “Segno dei quattro”. Forse l’autore avrebbe fatto meglio a darsi a una rilettura della prima opera nella quale Doyle, descrivend...Continua
Marianna.
Ha scritto il 28/04/19
Seconda opera in ordine di pubblicazione , dopo “Uno studio in rosso”,che vede come protagonisti l’investigatore privato più famoso al mondo, Sherlock Holmes e il suo fidato amico e compagno di avventure, il dottor Watson. Rispetto al primo libro, “I...Continua
Suni
Ha scritto il 27/02/19
Sherlock e Watson, Sherlock che si annoia (e quindi si droga) e Watson che si preoccupa, finalmente arriva un caso di cui occuparsi, la prima apparizione di Mary, omicidi, tradimenti, tesori rubati, sete di vendetta, l’India, un uomo con una gamba di...Continua
Club di piccoli...
Ha scritto il 14/09/18
SPOILER ALERT
Mi è piaciuta la storia perché era misteriosa e mi sono divertito a leggerla perché prima di scoprire chi fosse il colpevole ho cercato di capirlo anch’io ed è stato come un gioco. Inoltre era abbastanza avventuroso perché i protagonisti si sono spos...Continua
Sayuri
Ha scritto il 03/05/18
NON COINVOLGE
A metà libro viene già fornita la soluzione del caso, senza descrivere la scena del crimine e non permettendo al lettore di essere coinvolto nell'indagine, di ragionarci su e di arrivarci da solo o di essere accompagnato dall'autore del libro verso d...Continua

Paige91
Ha scritto il Dec 08, 2015, 16:42
Quante volte le ho detto che, dopo avere eliminato l'impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile, è per forza la verità?
Doppi Sensi
Ha scritto il Aug 31, 2014, 13:01
Non posso vivere se non faccio lavorare il cervello. Quale altro scopo c'è nella vita? Ha mai veduto un mondo così grigio, deprimente, inutile? Guardi come la nebbia giallastra turbina nella strada e si sposta lentamente attraverso le case di un brun...Continua
Pag. 14
Raflesia
Ha scritto il Dec 16, 2011, 11:51
“Sollevò il fanale con mano così tremante che la luce danzava tutt’intorno a noi. La signorina Morstan mi afferrò il polso, il cuore in tumulto. Usciva nella notte dalla grande casa buia il più doloroso e malinconico dei suoni: il singhiozzo di una d...Continua
Pag. 47
Raflesia
Ha scritto il Dec 16, 2011, 11:51
“Mi dica, dottore, a cosa serve avere determinate facoltà se non c’è modo di impiegarle? Il delitto è banale, la vita è banale, e soltanto le qualità banali hanno ormai una funzione sulla terra".
Pag. 21
MANILA
Ha scritto il Dec 27, 2010, 00:01
-Io ci guadagno una moglie, Jones il merito di aver risolto la faccenda -e a lei cosa rimane? - A me? Mi rimane sempre il flacone della cocaina.
Pag. 136

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Jul 13, 2016, 15:47
823.8 DOY 9831 Letteratura Inglese
Biblioteca...
Ha scritto il Jan 26, 2016, 11:51
Collocazione: MIST 29 (2 copie)
Absit
Ha scritto il Aug 31, 2015, 13:18
n. 384 - 1° ediz. Gli Oscar marzo 1972 - L8 - Ottimo.
Pag. 1

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi