Il sergente nella neve

Ricordi della ritirata di Russia

Voto medio di 2997
| 393 contributi totali di cui 344 recensioni , 43 citazioni , 0 immagini , 5 note , 1 video
"Oggi, a quasi cinquant'anni dalla pubblicazione, questo celebre resoconto di un semplice sottoufficiale alpino che si trova a combattere nel settore centrale del fronte russo, proprio quando l'esercito dell'Unione Sovietica sferra il suo potente att ...Continua

vi era un bel sole: tutto era chiaro e trasparente, solo nel cuore degli uomini era buio ( p.36 )

Eurosia
Wrote 5/22/20
“Ma si camminava. Un passo dietro l’altro, un passo dietro l’altro, un passo dietro l’altro. Pareva di dover sprofondare con la faccia dentro la neve e soffocare con due coltelli piantati sotto le ascelle. Ma quando finisce? Alpi, Albania, Russia. Qu...Continua
Rob76
Wrote 3/8/20
Di ritorno dalla Russia con le pezze ai piedi
Un classico della letteratura moderna italiana. Un pezzo di diario della ritirata nella campagna di Russia nella seconda guerra mondiale. Dagli occhi e dalle parole di un sergente dell'esercito italiano tra le steppe russe, le battaglie nel disperato...Continua
zombie49
Wrote 2/26/20
Più che una cronaca, un affollarsi di ricordi
Nel dicembre 1942 il sergente Mario Rigoni Stern, con gli alpini del battaglione Vestone, è acquartierato sulle rive del Don, in Russia. Non si sta male nei rifugi: c’è una stufa x tenersi caldi, paglia x dormire, qualche gavetta di vino o cognac, an...Continua
Jejelilla
Wrote 9/23/19
SPOILER ALERT
Libro storico
Un ottimo libro storico, un "diario di bordo" vissuto in prima persona da colui che ha scritto il testo. Particolari e toccanti, queste "armistizie" non scritte tra soldati di nazioni rivali, dettate a volte dalla compassione, a volte dalla solidari...Continua

Alessandro Di Candia
Wrote Jul 07, 2019, 18:58
E tanti e tanti altri dormono nei campi di grano e di papaveri e tra le erbe fiorite della steppa assieme ai vecchi delle leggende di Gogol e di Gorky. E quei pochi che siamo rimasti dove siamo ora?
Pag. 116
Alessandro Di Candia
Wrote Jul 03, 2019, 12:44
Vi era un bel sole: tutto era chiaro e trasparente, solo nel cuore degli uomini era buio. Buio come una notte di tempesta su un oceano di pece.
Pag. 36
Io sto leggendo
Wrote Dec 14, 2016, 09:08
Quando sono pronto per uscire la donna mi porge una tazza di latte caldo. Latte come quello che si beve nelle malghe all’estate; o che si mangia con la polenta nelle sere di gennaio. Non gallette e scatolette, non brodo gelato, non pagnotte ghiaccia...Continua
Anna
Wrote Aug 21, 2016, 15:01
"C'era la guerra, proprio la guerra più vera dove ero io, ma io non vivevo la guerra, vivevo intensamente cose che sognavo, che ricordavo e che erano più vere della guerra. Il fiume era gelato, le stelle erano fredde, la neve era vetro che si rompeva...Continua
dolceamara89
Wrote Mar 24, 2016, 17:18
Di Rino, rimato ferito durante il primo attacco, non sono riuscito a sapere nulla di preciso. Sua madre è viva solo per aspettarlo. La vedo tutti i giorni quando passo davanti alla sua porta. I suoi occhi si sono consumati. (...) E anche Giuanin è mo...Continua
Pag. 115

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

Ape80
Wrote Mar 03, 2018, 20:51
C'era la guerra, proprio la guerra più vera dove ero io, ma io non vivevo la guerra, vivevo intensamente cose che sognavo che ricordavo e che erano più vere della guerra.Il fiume era gelato , le stelle erano fredde, la neve era vetro che si rompeva s...Continua
Pag. 28
ISTITUTO...
Wrote Mar 06, 2017, 08:49
lettura in classe 2B secondaria 1° grado che si terrà con la DS nella settimana 18-25 aprile 2017
Biblioteca...
Wrote Dec 23, 2015, 12:51
Collocazione: NR 628
Angelo
Wrote Jan 13, 2015, 23:06
Questo è stato il 26 gennaio 1943. I miei piú cari ami- ci mi hanno lasciato in quel giorno. Di Rino, rimasto ferito durante il primo attacco, non sono riuscito a sapere nulla di preciso. Sua madre è viva solo per aspettarlo. La vedo tutti i giorni q...Continua
Pag. 128
Angelo
Wrote Jan 13, 2015, 23:03
Io faccio un passo avanti, mi met- to il fucile in spalla e mangio. Il tempo non esiste piú. I soldati russi mi guardano. Le donne mi guardano. I bambini mi guardano. Nessuno fiata. C’è solo il rumore del mio cucchiaio nel piatto. E d’ogni mia boccat...Continua
Pag. 121

Sally68
Wrote Jan 14, 2018, 08:06
Mario Rigoni Stern - intervista (1999)
Author: maurihal100

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add