Il silenzio dell'onda

Voto medio di 2486
| 477 contributi totali di cui 441 recensioni , 34 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Roberto Marías è un uomo spezzato dal passato, dai ricordi di un padre perso troppo presto e da quelli di una vita pericolosa, trascorsa come agente sotto copertura.
Tabathua
Ha scritto il 14/04/19
Carino. Si legge bene, come un po' tutto quello che ho letto di questo autore. E in certi passaggi non è niente male, all'altezza delle sue opere migliori. A tratti però invece sembra solo sfiorare la superficie delle vicende che tratta. Forse è volu...Continua
Al Dó
Ha scritto il 21/02/19
Non all'altezza delle mie aspettative

Struttura narrativa esile, non mi ha emozionato. Mi aspettavo di più.

PeppeLaura
Ha scritto il 27/01/19

Letto da: Laura.

Rispetto alla struttura dei primi tre libri di Carofiglio, questo ha una struttura narrativa più debole: tanti preamboli per una storia esile seppur godibile, tutto sommato.

Palantir
Ha scritto il 06/01/19

Scrittura essenziale, racconto piacevole. Il racconto si sviluppa su due piani narrativi, che solo in seguito se ne comprende il nesso. Un'azione del presente può redimerne una del passato?

Gli scaffali di...
Ha scritto il 24/05/18
Caleidoscopio di emozioni, tra sogno e realtà
"Il silenzio dell'onda" di Gianrico Carofiglio è un romanzo contemporaneo nel quale convivono in perfetta armonia sfumature di noir, di giallo e oserei dire anche di rosa, in un caleidoscopio onirico e affascinante di emozioni. Pubblicato per la prim...Continua

Angebet
Ha scritto il Mar 02, 2017, 20:55
"Se una cosa importante hai bisogno che ti venga spiegata, probabilmente non la capirai mai."
Silvia
Ha scritto il Sep 03, 2015, 17:01
"Io credo che lei debba essere fiducioso. Quando una situazione migliora, cioè cambia, gli scossoni si sentono. E' normale che a qualche giorno di vera e propria euforia seguano momenti meno euforici. Nel nostro lessico si parla di momenti disforici....Continua
Frà Mella
Ha scritto il Jun 03, 2014, 07:43
"...provò il desiderio fortissimo di appartenere a quello che aveva attorno, di esservi ammesso, e allo stesso tempo fu assalito da una dolorosa percezione di inferiorità e di esclusione irrevocabile".
Pag. 251
Līlīth
Ha scritto il Jun 18, 2013, 11:55
«Sai, quando si diventa adulti a volte si ha paura del tempo che passa. E' una cosa difficile da spigeare, ma più si cresce più il tempo accelera e sembra che si consumi più velocemente. E' questa la cosa che fa paura»
Pag. 214
Līlīth
Ha scritto il Jun 18, 2013, 11:53
«Il mio lavoro era essere un altro. E non è affatto male essere un altro, di tanto in tanto: da sentire liberi. Il problema sorge quando devi essere un altro per la maggior parte del tuo tempo. Il problema sorge quando devi essere un altro per sentir...Continua
Pag. 203

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 26, 2016, 08:48
853.92 CAR 16398 Letteratura Italiana
Clelia49
Ha scritto il Oct 17, 2015, 17:26

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi