La condanna del sangue

La primavera del commissario Ricciardi

Voto medio di 1525
| 274 contributi totali di cui 265 recensioni , 8 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Nessuno poteva saperlo, ma quel pomeriggio c'era stata l'ultima pioggia dell' inverno. La strada rifletteva il fioco chiarore delle lampade sospese, ferme nell'aria senza piú vento. L'unica luce a quel punto della sera proveniva dal ...
david
Ha scritto il 20/01/19
Maurizio De Giovanni - La condanna del sangue
Gran bel giallo (che poi è fondamentalmente atipico). Mi è piaciuto di più rispetto all'esordio che avevo letto tanti anni fa. Permane sempre una profonda vena di tristezza, dolore e soprattutto malinconia ed inoltre i ritmi sono abbastanza dilatati...Continua
Medea
Ha scritto il 27/12/18
SPOILER ALERT
'O Padreterno nun è mercante, ca pava 'o sabbato
Non mi succedeva dai tempi del liceo, più precisamente dal periodo in cui ero immersa nella lettura di “Cent’anni di solitudine” di García Márquez, di dover abbozzare uno schema dei personaggi su un foglietto per evitare di smarrirmi già all’inizio d...Continua
turturatrista
Ha scritto il 13/12/18
Sentimento ed emozioni al vaglio della ragione
L'amore che trabocca dal cuore degli essere umani che viene comunque contenuto dal senso di colpa derivato dal arazionalità che ti ricorda che puoi mare in silenzio la persona diversa da quella che hai sposato e che avrai accanto per tutta la vita L'...Continua
mgt
Ha scritto il 17/09/18

Anche per il commissario Ricciardi la primavera è meglio dell'inverno (1a storia). Le sue visioni di morti parlanti mi inquietano sempre ma ho deciso che supererò questo handicap e andrò avanti nella sua storia.

alessioc
Ha scritto il 06/09/18
Primavera

Solidissimo secondo romanzo del ciclo. Si può iniziare tranquillamente anche da questo episodio per immergersi negli animi dei protagonisti e nella struggente Napoli di De Giovanni


Iena
Ha scritto il Sep 10, 2018, 21:47
Chi dice, pensava il dottore, che i sogni non hanno potere sulla realtà? Tu sei stato bene, finché non hai sognato. Hai passato momenti più o meno buoni: hai fatto tre figli, li hai tenuti in braccio, ci hai giocato e scherzato. Lavorando di giorno e...Continua
Myriam Chiarello
Ha scritto il Feb 17, 2017, 12:01
A una certa età, - disse ai due poliziotti, - una donna, come le vacche, deve figliare. Se no, impazzisce. (parla Teresa, la domestica dei Serra Arpaja, nipote della Calise)
Pag. 225
Francesca P....
Ha scritto il Nov 18, 2012, 19:31
Lo sai che penso? Che è facile stare insieme quando va tutto bene. Il difficile è quando si devono superare le montagne, fa freddo e tira vento. Allora, forse, per trovare calore, uno si deve fare un poco più vicino. Te lo dice uno che campa nel fred...Continua
Pag. 189
Dan
Ha scritto il Jul 08, 2011, 05:46
Nella profondità del suo sonno agitato Filomena sognava......................................................... Sulla porta una enorme scritta rossa: puttana. Puttana. Senza uomini, senza amori, senza sguardi nè sorrisi. Comunque puttana. .............Continua
Pag. 18
Dan
Ha scritto il Jul 08, 2011, 05:43
Senti a me: il destino non esiste. Esistono gli uomini e le donne, e il coraggio di vivere o di sotttrarsi alla vita, come Iodice. Ed esiste chi vive nell'incoscienza, facendosi portare dalla corrente. Ecco, cosa esiste.
Pag. 364

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Cristina & Vittorio
Ha scritto il Dec 10, 2018, 12:05

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi