Le antiche vie

Un elogio del camminare

Voto medio di 49
| 20 contributi totali di cui 12 recensioni , 7 citazioni , 1 immagine , 0 note , 0 video
Percorrendo a piedi quasi duemila chilometri di antiche vie, Robert Macfarlane scrive un «elogio del camminare» che riaccende di vita il legame tra la strada e il racconto, tra l'andare e il pensare, dando un senso nuovo allo spaesamento di chiunque ...Continua
Filippo Macchi
Ha scritto il 03/02/19
Cosa accade quando inizi un libro senza sapere nulla dello scrittore e della sua storia e scopri una sintonia di intenti ed un piacere atavico nella lettura del suo scritto? Semplicemente che non puoi fare a meno di addentrarti nella lettura perdendo...Continua
Laura Antoniolli
Ha scritto il 31/12/15
La sua cultura è vasta e affascinante e le sue parole sono complesse per cui tenere un dizionario a portata di mano può essere d'aiuto. Conserverò la poesia, mentre rinnegherò la tassonomia animale e vegetale che finisce sempre per pesarmi addosso da...Continua
Marco
Ha scritto il 07/09/15
Mi è piaciuto, anche molto, ma non mi entusiasmato, forse perché mi aspettavo di più. Nei punti migliori è davvero straordinario: ben scritto, originale, vero e potente. Altrove è un po' più fiacco, divaga (come è giusto) ma senza affascinare. ...Continua
Postino
Ha scritto il 03/11/14
Promesse deluse

Qualche spunto interessante, ma nel complesso si rivela una lettura piuttosto noiosa. Peccato, perché la materia per farne un libro migliore non mancava.

blue van meer
Ha scritto il 22/04/14
Sicuramente un bel libro, più che un saggista MacFarlane sembra un cantore che, seguendo il filo del camminare lungo gli antichi sentieri, narra di antiche leggende, piccola storia umana e grande storia della natura e del mondo, letterature, culture...Continua

Sidner
Ha scritto il Jul 07, 2014, 13:04
Quindi, poiché seguire un sentiero significa ricordarlo, anche farsi strada nel presente è ricordare il passato, procedere è anche ritornare.
Pag. 191
Sidner
Ha scritto il Jul 07, 2014, 13:03
Toccare è un'azione reciproca, un gesto di scambio con il mondo. Lasciare un'impronta significa anche riceverne un'altra, e le piante dei nostri piedi, plasmate dalle superfici che calcano, sono esse stesse dei paesaggi segnati da canali e linee erra...Continua
Pag. 168
Sidner
Ha scritto il Jul 07, 2014, 12:59
Si potrebbe dire che le storie, proprio come i sentieri, relazionano in due sensi: raccontano e mettono in rapporto. In Siberia il vocabolo ostiaco generalmente tradotto con storia significa anche via. Secondo un'etimologia controversa il termine ing...Continua
Pag. 109
Sidner
Ha scritto il Jul 07, 2014, 12:56
L'occhio che osserva le cose di oggi, l'orecchio che ascolta, e la mente che contempla o che sogna, sono di per sé strumenti tanto antichi quanto le cose che devono percepire e forse la consapevolezza che abbiamo del tempo è troppo strana e complessa...Continua
Pag. 53
Sidner
Ha scritto il Jul 07, 2014, 12:54
Sappiamo raccontare benissimo, anche se a volte con qualche imbarazzo, che cosa noi facciamo ai luoghi, mentre siamo assai meno bravi a dire quel che i luoghi fanno a noi. Da un po' di tempo ho l'impressione che per ogni paesaggio importante le due d...Continua
Pag. 30

Marco
Ha scritto il Sep 06, 2015, 16:41

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi