Niente di nuovo sul fronte occidentale

Voto medio di 4538
| 489 contributi totali di cui 386 recensioni , 96 citazioni , 1 immagine , 6 note , 0 video
Kantorek è il professore di Bäumer, Kropp, Müller e Leer, diciottenni tedeschi quando la voce dei cannoni della Grande Guerra tuona già da un capo all'altro dell'Europa. Ometto severo, vestito di grigio, con un muso da topo, dovrebbe essere una guida ...Continua
Matteo Celeste
Ha scritto il 14/06/19
Le mie impressioni su "Niente di nuovo sul fronte occidentale".
La lettura di “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Erich Maria Remarque è un pugno allo stomaco, crudo, diretto, che ti lascia distrutto, laconico, sconvolto, quasi come se tu stesso ti fossi trovato lì, insieme a Paolo Bӓumer – il protagonist...Continua
Marianna.
Ha scritto il 19/04/19
Un potente colpo alle nostre coscienze Letteratura come dovere. Pubblicata in Germania nel 1929, l’opera principale di Erich Maria Remarque mostra tutto l’orrore della guerra, di quella “inutile strage”, così la chiamò il papa di allora, Benedetto X...Continua
Fabrizio P
Ha scritto il 05/02/19
un gruppo di giovani tra cui Paul Bäumer vengono indottrinati e partono pieni di giovinezza e idealismo verso la prima guerra mondiale. Mandati al fronte si accorgono di essere mandati verso il nulla. Libro pacifista libro di assoluto valore contro l...Continua
Silvia...
Ha scritto il 06/09/18
"Questo libro non vuol essere né un atto d'accusa né una confessione. Esso non è che il tentativo di raffigurare una generazione la quale -anche se sfuggì alle granate- venne distrutta dalla guerra." Queste sono le parole che l'autore scrive come pr...Continua
Lake's Meadow
Ha scritto il 23/08/18
"È come se in passato fossimo stati monete di vari paesi, fuse poi nel medesimo crogiolo, e che ormai portano tutte la stessa impronta. Per riscontrare ancora le differenze fra noi, bisognerebbe analizzare accuratamente il metallo. Siamo soldati anzi...Continua

Starlight
Ha scritto il Jun 09, 2019, 15:00
« Ho sempre osservato che l’orrore si può sopportare finché lo si evita semplicemente: ma uccide, quando ci si ripensa.”
Pag. 103
Starlight
Ha scritto il May 28, 2019, 09:06
“Del resto è strano che l’infelicità del mondo derivi tanto spesso dalle persone piccole, di solito assai più energiche e intrattabili delle grandi.”
Pag. 14
Darkàla92
Ha scritto il Jun 02, 2017, 09:19
Non può essere del tutto scomparsa, quella tenerezza che ci turbava il sangue, quell'incertezza, quell'inquietudine di ciò che doveva giungere, i mille volti dell'avvenire, la melodia dei sogni e dei libri, il fruscio lontano, il presentimento della...Continua
Pag. 225
Darkàla92
Ha scritto il Jun 02, 2017, 09:19
Se fossimo tornati a casa nel 1916, dal dolore e dalla forza delle nostre esperienze si sarebbe sprigionata la tempesta. Ritornando ora, siamo stanchi, depressi, consumati, privi di radici, privi di speranze. Non potremo mai più riprendere il nostro...Continua
Pag. 224
Darkàla92
Ha scritto il Jun 02, 2017, 09:13
[...] e allora mi stupisco come quell'elemento misteriosamente attivo, che si chiama vita, abbia potuto adattarsi anche a una forma siffatta. Tutte le altre manifestazioni sono come in letargo, la nostra esistenza è soltanto un ininterrotto vigilare...Continua
Pag. 210

Sbibbo
Ha scritto il Mar 11, 2018, 15:34

Cristina & Vittorio
Ha scritto il Dec 10, 2018, 15:00
Augusto Pantaleoni
Ha scritto il May 21, 2016, 16:40
Libro sulla Grande Guerra scritto da un tedesco che vi ha partecipato come studente soldato.
Biblioteche...
Ha scritto il Apr 29, 2016, 09:05
832.912 REM 8920 Letteratura Tedesca
Biblioteca...
Ha scritto il Apr 11, 2016, 15:15
833.912 REM 8920

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi