Patria

La biblioteca del mondo vol. 13

Voto medio di 1156
| 182 contributi totali di cui 168 recensioni , 11 citazioni , 1 immagine , 2 note , 0 video
Due famiglie legate a doppio filo, quelle di Joxian e Txato, cresciuti entrambi nello stesso paesino alle porte di San Sebastián, vicini di casa, inseparabili nelle serate all'osteria e nelle domeniche in bicicletta. Anche le loro mogli, Miren e Bitt ...Continua
Paola
Ha scritto il 10/09/19

Molto interessante l'argomento (gli anni degli attentati dell'ETA per l'indipendenza dei paesi baschi), bello l'intreccio.
Ho trovato molto duri ed anaffettivi molti dei personaggi: mi chiedo se i baschi siano veramente così?

Francesca
Ha scritto il 09/09/19
Ho letto questo libro ormai sei mesi fa, ma è uno di quelli che non dimentichi facilmente, le sensazioni che provi nel leggerlo ti rimangono dentro anche dopo tempo. È un libro forte, le emozioni dei personaggi diventano le tue, riesci a vedere ciò c...Continua
Elisa (ridatemi...
Ha scritto il 05/09/19
Un libro che fa emozionare e piangere, tanto. Una scrittura essenziale e diretta che arriva al cuore come un colpo di pistola inaspettato ed improvviso: non hai il tempo di accorgertene ma i "danni" sono già lì, li hai addosso. I periodi sono brevi m...Continua
Jo_sol
Ha scritto il 04/09/19
Bella storia e belle le storie personali dei perso Maggi. A volte confusa sui tempi degli avvenimenti. Non so se mi piace questo dialogo che esce dai personaggi Miren personaggio deteriore che si riscatta solo alla fine del libro Joxan un poveraccio...Continua
Gualto
Ha scritto il 02/09/19
Un testo potente, non leggevo qualcosa di così coinvolgente da un po'. Comprato un po' per caso, mi ha stupito. La trama non è particolarmente complicata, ma i continui salti nella linea temporale ed il racconto anche dello stesso avvenimento dal pun...Continua

federcast
Ha scritto il Aug 15, 2019, 19:49
Fu a Nerea che venne in mente l'immagine della brace che abbiamo dentro. "E ciascuno deve decidere il modo in cui a poco a poco gli si deve raffreddare".
Pag. 535
federcast
Ha scritto il Aug 15, 2019, 19:47
Una cicatrice rimarrà sempre. Però una cicatrice è già una forma di cura.
Pag. 125
federcast
Ha scritto il Aug 15, 2019, 19:47
Mi sono resa conto di una cosa. Ci sforziamo di dare un senso, una forma, un ordine alla vita, e alla fine la vita fa di noi quello che le va
Aidit
Ha scritto il Jul 24, 2018, 07:55
- Yo los veo fuera de lugar. Serán amables, educados y lo que tú queras. pero se nota que no son de aquí. Esa manera de hablar, esos gestos. Hasta me parece que mastican distinto. Ve preparándote para tener un nieto que se apellide Harnández. Sólo de...Continua
Pag. 344
Giulia Macchi
Ha scritto il Jun 03, 2018, 07:37
I miei figli sono spagnoli e io sono spagnolo.» «Ti sentiranno.» «Che mi sentano pure. Cos’è, non si può essere spagnoli in Spagna?»

Colella Enzo
Ha scritto il Jan 13, 2018, 20:02

Dibra45
Ha scritto il Jun 25, 2019, 13:43
josef
Ha scritto il Jan 07, 2018, 20:51

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi