Pescatore d'Islanda

di | Editore: Rizzoli
Voto medio di 50
| 19 contributi totali di cui 13 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
ilsegretodelbosco
Ha scritto il 24/03/17
Una vera e propria scoperta questo epico romanzo che in alcune sue pagine ricorda quelle della trilogia iniziale di Stefansson. Ma Pierre Loti, pseudonimo di Louis Marie Julien Viaud, precede quasi di un secolo lo scrittore islandese. L'opera del fr...Continua
Leodefrenza
Ha scritto il 27/08/15
Una storia d'amore, un triangolo oserei dire: il bel pescatore, la giovane di belle speranze e il mare. Nella lingua francese la parola è femminilè (la mer) mentre in quella italiana è maschile. Si perde forse qualche cosa ma la minor chiarezza rend...Continua
amoilibri
Ha scritto il 03/04/15

Incanta, rapisce e commuove...tanto anzi, tantissimo

Jane Austen
Ha scritto il 06/02/15
suggestivo,emozionante,feroce,triste,struggente e per questo meraviglioso. la semplice trama fa da collante alle grandiose pagine descrittive che paiono tante fotografie,tanti quadri,a volte acquarelli,a volte oli tempestosi. qui c'è tutta la 'mia' I...Continua
Riccardo Caldara
Ha scritto il 12/06/12
Avevano bevuto vino e sidro, ciascuno nella propria scodella, così la gioia di vivere illuminava le loro facce schiette e coraggiose. Restavano seduti a tavola e ora conversavano tranquilli, in bretone, di donne e di matrimoni. Per prima cosa quando...Continua

Occhi di velluto
Ha scritto il Dec 06, 2010, 17:47
Ci fu una raffica di vento dal mare, come un grande brivido, e nello stesso tempo qualcosa scrosciò sulla cupola: le foglie morte! Un nugolo di foglie entrò nell'atrio: i vecchi alberi arruffati si spogliavano, squassati dal vento del largo. L'invern...Continua
Pag. 211
Occhi di velluto
Ha scritto il Dec 06, 2010, 17:43
E la spaventava l'avere già paura.
Pag. 209
Occhi di velluto
Ha scritto il Dec 06, 2010, 17:42
Loro avevano soltanto i crepuscoli di febbraio che scendevano su un paesaggio marino di ginestroni e pietre. Nemmeno un ramo verde sopra la testa, nè attorno, nient'altro che il cielo immenso dove passavano lente le nubi erranti. E per fiori le alghe...Continua
Pag. 163
Occhi di velluto
Ha scritto il Dec 06, 2010, 17:38
E dato che in tutti i paesi del mondo certe cose sono eternamente le stesse -il grigio di un cielo coperto, il colore vivido delle praterie in primavera- parrebbe di vedere la campagna francese, con giovanotti che corrono allegri, in un gioco affatto...Continua
Pag. 104
Occhi di velluto
Ha scritto il Dec 06, 2010, 17:35
Il Marie fuggiva il tempo, fuggiva sempre più veloce -e anche il tempo fuggiva, davanti a qualcosa di misterioso e di terribile.
Pag. 55

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi