Skellig

di | Editore: Salani
Voto medio di 790
| 188 contributi totali di cui 159 recensioni , 29 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Skelling ci narra la storia di Micheal, un ragazzino che abita nel nord dell’Inghilterra assieme ai suoi genitori, con i quali purtroppo vive un dramma molto doloroso: da poco, infatti, è nata una sorellina prematura, che rischia la vita per una malf ...Continua
Libricciola e...
Ha scritto il 16/09/19

Bellezza e tristezza- parafrasando Kawabata.

Club di piccoli...
Ha scritto il 12/03/19
Il libro parla di Michael che si è appena trasferito per andare a vivere in Falconer Road, un posto che sembra un cantiere abbandonato. Purtroppo la sorellina neonata di Micheal ha una malattia al cuore, ma non si sa se mai guarirà; i medici dicono c...Continua
Dannyy
Ha scritto il 15/02/19
Vedere, guardare, osservare
Una storia delicata, adatta a giovani e adulti, che parla di amore, di dolore, di empatia verso gli altri, uomini o animali che siano. Nella sua semplicità riesce a coinvolgere e creare attesa per le strane e misteriose situazioni che mano a mano si...Continua
Samantha
Ha scritto il 10/11/18
Giovedi sera dopo cena l'ho iniziato e....sono andata a dormire all'una passata per finirlo :-) un romanzo per adolescenti, una bellissima favola moderna che ho trovato molto poetica, piacevole e commovente. E' una storia che parla di amicizia, di pu...Continua
magixludo
Ha scritto il 09/08/17
"It's okay, baby. Angels are watching over you"
Questo è uno di quei libri collocati nella sezione bambini, ma da (ri)leggere a tutte le età. Sono felice di averlo scoperto e di aver passato un paio d'ore in compagnia di Michael, Mina e Skellig. Solo il nome del protagonista rimanda a tutto il sim...Continua

magixludo
Ha scritto il Aug 09, 2017, 09:53
«Dicono che le scapole sono il punto dove avevamo le ali, quando eravamo angeli. Dicono che sono il punto in cui ricresceranno, un giorno». «È solo una storia, però. Una favoletta per bambini, no?» «Chi lo sa? Forse una volta avevamo tutti le ali e f...Continua
Maristella
Ha scritto il Sep 05, 2014, 01:53
«Anche William Blake sveniva ogni tanto. Diceva che l'anima era in grado di saltare fuori dal corpo per un po' e poi saltarci dentro di nuovo. Diceva che le cause potevano essere forte paura o enorme dolore. A volte poteva essere per troppa gioia. E'...Continua
Pag. 126
Maristella
Ha scritto il Sep 05, 2014, 01:49
«Melagrana» disse. «Non è una parola bellissima? [ ] E' quello che mangiava Persefone quando era prigioniera degli Inferi. Guarda quanta vita c'è qui dentro. Ogni seme potrebbe diventare un albero e ogni albero potrebbe dare altri cento frutti e ogni...Continua
Pag. 128
Maristella
Ha scritto il Sep 05, 2014, 01:44
e si mise a cantare qualla sua canzone di William Blake: «Scende il sole a occidente, la stella della sera già si accende...» Io la seguii. «tace l'uccello nel suo nido, e io devo cercare il mio».
Pag. 137
Maristella
Ha scritto il Sep 05, 2014, 01:38
«Siamo ancora come i piccoli di merlo» disse. «Felici la metà del tempo e spaventati a morte l'altra metà».
Pag. 118

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi