Un uomo di nome Pozdnysev durante un viaggio in treno confessa a uno sconosciuto la propria colpa segreta. Ricorda di aver presentato alla moglie un avventuriero, gran seduttore e abile musicista, dando così inizio a un gioco che si rivelerà tragicam ...Continua
riflessioni e precetti morali?
Siamo di fronte ad un romanzo breve o ad un lungo racconto. Si può dividere in due parti, entrambe deliranti. Un lungo viaggio in treno, come succede spesso in Russia in quella zarista come in quella sovietica e come in quest'altra post sovietica; le...Continua
Fanny
Wrote 6/23/20
dupalle = dustelle

I pipponi son sempre pipponi, anche se scritti bene.
Moralista, pedante, misogino, delirante.
Sorry

cordelia
Wrote 5/10/20
Un piccolo capolavoro psicologico
Prima lettura di questo grande autore. In uno scompartimento ferroviario si accende una viva discussione sull’amore che provoca la stizza di una donna. Assiste alla scena un nobile russo, il signor Pozdnysev,( vero protagonista di tutta la vicenda),...Continua
Donatella
Wrote 4/13/20
"La musica mi costringe a dimenticare me stesso..."
In questo breve romanzo, ambientato durante un viaggio in treno, Tolstoj affronta i temi dell'amore, del matrimonio e della figura della donna. Il protagonista racconta ad un altro viaggiatore la storia del suo matrimonio, dominata da una gelosia cos...Continua
Sabrina.
Wrote 3/23/20

Tolstoj avrà anche scritto nell’ottocento, ma le tematiche sono molto attuali.
È un racconto da leggere almeno una volta nella vita.


Mimil
Wrote Dec 02, 2016, 09:43
Ero entrato in quello stato, comune a uomini e animali, suscitato dall'eccitazione fisica o da un pericolo, in cui si agisce con precisione, senza fretta, ma senza un attimo di esitazione, e tutto con un solo, ben determinato obiettivo.
Pag. 99
Mimil
Wrote Dec 02, 2016, 09:42
Eravamo due galeotti, legati alla stessa catena, che si odiavano e avvelenavano reciprocamente l'esistenza, fingendo di non vederlo. Allora non sapevo ancora che il 99% delle coppie sposate vivono nello stesso inferno in cui vivevo io, e che non può...Continua
Pag. 64
Mimil
Wrote Dec 02, 2016, 09:40
Mi capitava di guardarla mentre versava il té, muoveva una gamba o portava il cucchiaio alla bocca, lo succhiava, sorbiva il liquido, e la odiavo proprio per questo, come per l'azione più infamante.
Pag. 63
Mimil
Wrote Dec 02, 2016, 09:39
Oh, si, ero un disgustoso porco, e mi immaginavo di essere un angelo.
Pag. 39
Mimil
Wrote Dec 02, 2016, 09:38
Anch'io prima ero sempre in imbarazzo, sotto tensione quando vedevo una damigella imbellettata con il suo abito per il ballo, ma adesso ne ho aperto terrore, e vedo chiaramente qualcosa di pericoloso per l'umanità e contrario alla legge, e avrei vogl...Continua
Pag. 38

- TIPS -
No element found
Aggiungi per primo una immagine!

Cristina & Vittorio
Wrote Dec 10, 2018, 13:24
Absit
Wrote Mar 14, 2018, 12:53
n. 1113-205 su verde NARRATIVA - La sonata a Kreutzer - 1° ediz. Oscar Mondadori dicembre 1979 - In serie generale - Segni del tempo e dell'uso - Discreto.
Pag. 1
Katia
Wrote Oct 11, 2016, 23:21
http://www.liberolibro.it/sonata-a-kreutzer-di-lev-tolstoj/

- TIPS -
No element found
Add the first video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
by Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Book form
Add