Tre sentieri per il lago

e altri racconti

Voto medio di 356
| 62 contributi totali di cui 49 recensioni , 13 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"I racconti di Tre sentieri per il lago... sono una delle grandi raccolte narrative del nostro secolo. Senza saperlo e volerlo, la Bachmann si allontanò un poco da se stessa: cancellò o sfumò l'ossessione in cui aveva vissuto; e l'ultimo racconto, ch ...Continua
Alessandro Rinaldini
Ha scritto il 26/12/19

Racconti davvero ben scritti, interessanti, che ti legano fin dall'inizio. Una grande opera.

KillDevilHill
Ha scritto il 21/09/19
5 racconti di donne, tutte (tranne l'ultima) inadeguate, fuori posto o dipendenti. 5 ritratti in chiaroscuro con molto scuro fatti da una penna che cambia registro in base alla protagonista, tendendo però sempre verso i flusso di coscienza e la manca...Continua
Patrizia Niutta
Ha scritto il 13/01/19
Il lago, che apparirà effettivamente nel racconto che dà il titolo a questa raccolta, è il lago della vita, le cui acque torbide e melmose avvolgono le cinque donne protagoniste delle cinque storie. Sono donne viennesi, di età e professioni diverse,...Continua
Melinda
Ha scritto il 05/06/17

Bello, davvero. Uno stile di scrittura che si ricollega inevitabilmente con la penna della poetessa. I racconti sono lunghi e poco discorsivi, ma non si fa fatica seguire la logica e la poesia che portano con sé.
una bella sorpresa.

Mendustry
Ha scritto il 06/05/17
Cinque racconti, cinque donne, cinque inadeguatezze. Le donne descritte dalla validissima Ingeborg Bachmann, musa ispiratrice di Roberto Calasso, sono tutte creature impaurite dalla vita, operanti in una cornice europea che tocca Vienna, Londra, Pari...Continua

Calibano
Ha scritto il Nov 15, 2012, 07:21
Elisabeth non voleva assolutamente lasciarsi la strada aperta ad una speranza, non doveva sperare più, perché se in quasi trent’anni non aveva incontrato un solo uomo che potesse significare tutto per lei, che le fosse diventato indispensabile, una p...Continua
Pag. 198
Ashre
Ha scritto il Feb 08, 2011, 14:00
[...] Elisabeth si accorgeva di avere sì vissuto quegli episodi, ma al tempo stesso di non averli vissuti, perché in quelle storie c'era sempre un che di opaco e di vuoto, e la cosa più opaca era che lei aveva realmente assistito a tutto, ma la sua v...Continua
Pag. 194
Ashre
Ha scritto il Feb 08, 2011, 08:24
Allora Trotta viveva con lei la sua stagione speciale, l'amava come qualcuno che si sa di dover perdere, con angoscia e disperazione, con la stessa ansia che lei metteva sempre nel suo amore per lui, e così la pregò di non andare.
Pag. 163
Ashre
Ha scritto il Feb 08, 2011, 08:22
Dunque la guerra che voi fotografate per la prima colazione degli altri non risparmia neppure voi.
Pag. 161
Ashre
Ha scritto il Feb 08, 2011, 08:22
Quei primi giorni, quando lei cercava Trotta e lo sfuggiva e lui la cercava e la sfuggiva, furono la fine della sua giovinezza e l'inizio del suo grande amore, e se anche più tardi, in base a un punto di vista diverso, aveva pensato che il suo grande...Continua
Pag. 160

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi