After dark
by Haruki Murakami
(*)(*)(*)(*)( )(6,634)
Un giovane jazzista, un esperto informatico, una prostituta picchiata da un cliente, la manager di un love hotel, una ventunenne che vegeta in uno stato semicomatoso, e sua sorella, ragazza solitaria e inquieta. In una Tokyo aliena, nell'arco di una sola notte, i destini di queste persone finiscono per incrociarsi facendo emergere un inatteso senso di umana solidarietà.

All Reviews

582 + 268 in other languages
RaffaRaffa wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
UomopietraUomopietra wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
zetazeta wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
LeggoQuandoVoglioLeggoQuandoVoglio wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
8.5/10
"Quali che siano le intenzioni di ognuno di noi, veniamo trascinati insieme lungo lo scorrere del tempo alla stessa velocità."

After dark di Haruki Murakami, edito da Einaudi é, senza dubbio, il romanzo più postmoderno dell'autore e per questo colpisce il lettore: nonostante i temi siano i medesimi che tornano di frequente negli scritti dell'autore, il modo di esporli, sia dal punto di vista narrativo che strutturale, diverge.

Che la struttura sia peculiare lo si può comprendere anche solamente sfogliando il volume: ad inizio capitolo, e talvolta anche tra un paragrafo e un altro di un medesimo capitolo, sono collocati degli orologi stilizzati che segnano l'orario in cui si svolge la vicenda ivi raccontata (che va da mezzanotte alle sette di mattina, da cui potete già rilevare il perché del titolo).

In questo modo l'attenzione del lettore viene focalizzata su un aspetto che solitamente è presente ma non particolarmente rilevante (perlomeno non nel dettaglio) nelle altre storie dell'autore e questo provoca una differente atmosfera; se solitamente leggere un Murakami è come entrare all'interno di una bolla in cui tempo e spazio sembrano non avere la stessa importanza rispetto alla vita reale, in After dark si avvertirà una maggiore pressione e l'elemento temporale diverrà addirittura più rilevante del normale, rappresentando quasi una chiave necessaria per cercare di comprendere ciò che accade.

Inizialmente i punti di vista raccontati che si alternano sono due, ma più si avanza con la lettura più questi aumentano e maggiormente la struttura diventa maggiormente complessa, iniziando ad avere dei cambi di punti di vista anche all'interno del medesimo capitolo.

Complice della situazione è anche lo stile: il narratore si rivolge direttamente a noi e ci fa immediatamente avvertire la nostra reciproca posizione di estraneità alla vicenda. Noi osserviamo ciò che accade dall'alto e da lontano; come ci servissimo di una telecamera invisibile che non può essere notata e che ci lascia la possibilità di spiare.

Il resto della recensione su
leggoquandovoglio.it/libro/after-dark
EnrichettaEnrichetta wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )