Al centro del mondo
by Alessio Torino
(*)(*)(*)( )( )(22)
Damiano Bacciardi vive con Nonna Adele, il nonno chiuso in un antico silenzio e Zio Vince, detto il Gorilla, a Villa la Croce, che nel borgo poco distante è stata ribattezzata "Villa dei Matti", lungo uno stradone che si muove nel cuore delle colline marchigiane. Il miele dei Bacciardi, "la manna", ... More

All Reviews

9
BariuppinoBariuppino wrote a review
00
(*)( )( )( )( )
Tony SugamanTony Sugaman wrote a review
11
Mario InisiMario Inisi wrote a review
44
(*)(*)(*)(*)( )
AlegrecoAlegreco wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
Elegia provinciale italiana
Sarà che proprio mentre leggevo questo libro - divorato in due giorni, complice il ponte dell'immacolata - ho visto su Netflix il bel film di Ron Howard "elegia americana".
Sarà che la figura di Damiano con il fucile imbracciato e lo sguardo obliquo sulle cose mi ha ricordato da subito American Dust, di Richiard Brautigan, che con questo romanzo condivide una descrizione del legame dolorosamente drammatico tra le storie personali e familiari ed i luoghi che le custodiscono.
Sarà per il collegamento a Flannery O'Connor suggerito da Cognetti nella fascetta, letta al volo in una bella ed accogliente libreria urbinate dove ho comprato questo libro solo per la coincidenza che l'autore insegna proprio nell'università di quella città, la stessa in cui mio figlio si era appena laureato.
Sarà per tutto questo, o chissà per quali altri collegamenti che ti ritrovi a fare leggendo, ma la terra calpestata da Damiano, le api che ronzano attorno a vite semplici ma al tempo stesso dense e drammatiche, la quercia e la sua ombra, i due ciliegi vicini e distanti come i fratelli che rappresentano, la nonna Adele e la sua serena capacità d'amore incondizionato, come quello di un dio che ti perdona e accoglie, tutto questo ha costruito, secondo il mio modesto parere in modo schietto ed efficace, una vera elegia della provincia italiana, delle sue origini contadine, del suo chiuso mondo universale, di quella stramba visionarietà dei matti, dei reduci da guerre partigiane o faide familiari, di chi ha visto il fuoco sacro, ed è riemerso, sopravvissuto e cambiato da quella visione.