Alla casa del gatto che gioca a palla
by Honoré de Balzac
(*)(*)(*)(*)( )(52)
Scritto nel 1829, "Alla casa del 'Gatto che gioca a palla'" è unanimemente considerato uno dei capolavori giovanili di Balzac, da annoverare senz'altro fra i racconti più riusciti della "Commedia umana". Il titolo ricorda l'insegna di una vecchissima azienda commerciale nella Parigi del Primo Impero. È la storia dell'amore "impossibile" tra la giovanissima Augustine, figlia dell'austero e gretto commerciante Guillaume, e Théodore de Sommervieux, giovane pittore dal brillante e focoso ingegno; un amore che, pur riuscendo ad approdare al matrimonio, non riuscirà a vincere le incomprensioni generate dalla diversa estrazione sociale e dalla differente educazione. La tragica vicenda è tratteggiata dal giovane Balzac con stile vigoroso, la chiaroveggenza psicologica, il vivo colorito e l'energia del tratto che lo porteranno al successo. Celebre la splendida, minuziosa e suggestiva descrizione iniziale della bottega e della casa del vecchio Guillaume, degna delle migliori pagine di "Eugénie Grandet" e "Papà Goriot".

Atticus's Review

AtticusAtticus wrote a review
213
(*)(*)(*)(*)( )
Moglie e buoi delle classi tue
La maison du chat-qui-pelote (tradotto in Italiano con un più musicale Alla casa del gatto che gioca a palla) è un opera giovanile di Balzac. Nonostante ciò in essa troviamo tutte le peculiarità del romanziere francese: rappresentazione della società (in questo caso della Parigi Primo Impero), personaggi tratteggiati in maniera superba, indagine psicologica accurata e le sue famose descrizioni minuziose. Riguardo quest'ultimo punto, le immagini che l'autore ci regala sono così vivide e reali (ad esempio nella parte relativa alla bottega di stoffe di Monsieur Guillame ) che sembra quasi di trovarsi di fronte ad un quadro di qualche grande maestro olandese.
Se il titolo definitivo del romanzo breve fa riferimento ad un disegno che orna la grande trave che attraversa la bottega dei Guillame, il titolo provvisorio Gloire et malheur era più legato alla storia che racconta; una grande passione che anzichè tramutarsi in un solido rapporto, affievolisce mettendo in evidenza tutte le diversità.
Un Balzac cinico quindi.
Oggi diremmo fortemente classista.
Ma sempre elegante e suggestivo
Una lettura piacevolissima. Consigliato a chi voglia avvicinarsi all'autore o magari prendere in mano un classico non impegnativo. ;)

Comments

1
Mai sentita quest'opera. Interessante.
1
Mai sentita quest'opera. Interessante.
1
Uhm...bottega di stoffe...c'è fra le tante anche il sottile vello cardinalizio? Se sì allora...in effetti...ecco...appunto...mo' mo' me lo segno.:D :D
1
Uhm...bottega di stoffe...c'è fra le tante anche il sottile vello cardinalizio? Se sì allora...in effetti...ecco...appunto...mo' mo' me lo segno.:D :D