Anatomia di un istante
by Javier Cercas
(*)(*)(*)(*)( )(435)
Un romanziere come Javier Cercas vuole raccontare in forma di romanzo il tentativo di colpo di stato del 23 febbraio 1981 in Spagna. Scopre, però, che "per una volta la storia è stata coerente, simmetrica e geometrica, e non disordinata, casuale e imprevedibile", che quella realtà possiede in sé "tu... More

Ubik's Review

UbikUbik wrote a review
04
(*)(*)(*)(*)( )
La Storia e le storie.
L’ometto buffo, tappo e cicciottello, che strepitava come un cartone animato con quei baffoni e il ridicolo cappello tricorno, me lo ricordo bene in tv, ma come molti italiani avevo liquidato l’episodio come una cialtronata patetica , forse perché al tempo si era distratti da avvenimenti nostrani ben più tragici (l’esplosione della stazione della mia città era avvenuta solo qualche mese prima quando, guarda caso, io mi trovavo proprio in Spagna).
Le analisi critiche di questo libro sono rivolte particolarmente al suo collocarsi in un’area ibrida fra romanzo, cronaca e saggio storico, poiché “Anatomia di un istante” presenta in effetti svariati aspetti di ognuna di tali categorie e l’autore stesso, ben consapevole di ciò, ne fa oggetto di un lungo ed articolato prologo.
Per mia natura sarei propenso a liquidare tali catalogazioni come accademiche, traendo soddisfazione proprio dall’inclassificabilità dell’opera, in un filone che annovera un crescente numero di esempi di testi “borderline” che attingono in varia misura alla fiction e alla realtà, mescolandole a piacere come in una ricetta estrosa, originale e in qualche modo irripetibile.
Posso comunque dire di essere uscito dalla lettura del libro più appagato e soddisfatto per la ricchezza dell’approfondimento storico delle vicende (di cui non sapevo quasi nulla e ora so molto), che ammaliato dalla valenza letteraria di “Anatomia di un istante” nel quadro della letteratura spagnola contemporanea.
L’idea di leggere in filigrana da un singolo e breve episodio (mai come in questo caso così sotto gli occhi di tutti, anche dei nostri e anche oggi, se vogliamo rivivere su youtube i momenti clou dell’evento) mezzo secolo di storia della Spagna nonché il fulcro dell’esistenza di alcuni uomini, Adolfo Suarez soprattutto, è molto suggestiva e ben sviluppata: Cercas la carica di riflessioni, interpretazioni, analisi psicologiche, citazioni, in una meticolosa cronologia dei fatti da cui filtra un’inquietante implicazione: forse c’è mancato poco e si deve anche a circostanze fortuite l’avere evitato un massacro in Spagna e, visto il contesto politico globale dell’epoca, conseguenze imprevedibili sull’intero continente.

UbikUbik wrote a review
04
(*)(*)(*)(*)( )
La Storia e le storie.
L’ometto buffo, tappo e cicciottello, che strepitava come un cartone animato con quei baffoni e il ridicolo cappello tricorno, me lo ricordo bene in tv, ma come molti italiani avevo liquidato l’episodio come una cialtronata patetica , forse perché al tempo si era distratti da avvenimenti nostrani ben più tragici (l’esplosione della stazione della mia città era avvenuta solo qualche mese prima quando, guarda caso, io mi trovavo proprio in Spagna).
Le analisi critiche di questo libro sono rivolte particolarmente al suo collocarsi in un’area ibrida fra romanzo, cronaca e saggio storico, poiché “Anatomia di un istante” presenta in effetti svariati aspetti di ognuna di tali categorie e l’autore stesso, ben consapevole di ciò, ne fa oggetto di un lungo ed articolato prologo.
Per mia natura sarei propenso a liquidare tali catalogazioni come accademiche, traendo soddisfazione proprio dall’inclassificabilità dell’opera, in un filone che annovera un crescente numero di esempi di testi “borderline” che attingono in varia misura alla fiction e alla realtà, mescolandole a piacere come in una ricetta estrosa, originale e in qualche modo irripetibile.
Posso comunque dire di essere uscito dalla lettura del libro più appagato e soddisfatto per la ricchezza dell’approfondimento storico delle vicende (di cui non sapevo quasi nulla e ora so molto), che ammaliato dalla valenza letteraria di “Anatomia di un istante” nel quadro della letteratura spagnola contemporanea.
L’idea di leggere in filigrana da un singolo e breve episodio (mai come in questo caso così sotto gli occhi di tutti, anche dei nostri e anche oggi, se vogliamo rivivere su youtube i momenti clou dell’evento) mezzo secolo di storia della Spagna nonché il fulcro dell’esistenza di alcuni uomini, Adolfo Suarez soprattutto, è molto suggestiva e ben sviluppata: Cercas la carica di riflessioni, interpretazioni, analisi psicologiche, citazioni, in una meticolosa cronologia dei fatti da cui filtra un’inquietante implicazione: forse c’è mancato poco e si deve anche a circostanze fortuite l’avere evitato un massacro in Spagna e, visto il contesto politico globale dell’epoca, conseguenze imprevedibili sull’intero continente.