Anno Domini
(*)(*)(*)(*)( )(29)

adso's Review

adsoadso wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
ANTOLOGIA DI VALORE
I racconti inclusi in questa antologia, più o meno ‘gialli’, ambientati in epoche diverse, hanno per caratteristica principale quella di svolgersi in un contesto storico sempre ben delineato.
Ma veniamo alle singole opere.
REGINA VIARUM – Manfredi si diletta nell’elargire una serie di informazioni sull’organizzazione dell’esercito, sullo stato delle vie di comunicazione, su alcuni eventi bellici del periodo e sulle dispute in senato che potevano arrivare a decretare l'inizio delle fortune di una famiglia a discapito di un’altra.
L’evento criminoso, di fatto, è del tutto marginale. Comunque, scritto benissimo e molto interessante.
Voto: 7
LODE AL MAGNIFICO – Questo è, probabilmente, il racconto più ‘giallo’ della raccolta in cui viene svolta una vera e propria indagine. Un vecchio, ex gladiatore dovrà difendersi dalle accuse di un paio di amanti piuttosto scaltri o che, per lo meno, tali si ritengono. Divertente.
Voto: 6,5
COMETA DI SANGUE – Un crimine, un evento ritenuto sovrannaturale (il passaggio di una cometa) e
un pizzico di magia sotto forma di pratiche alchemiche, sono gli ingredienti di un racconto del quale, però, è lo sfondo ambientale e sociale a fare la parte del leone. Bello.
Voto: 7
L’AUREA REGOLA DELLA MORTE – Leoni mette in campo un paio di ‘pezzi da novanta’ come Leonardo da Vinci e Machiavelli nelle vesti, rispettivamente, di maestro e allievo (come, ad esempio, Guglielmo da Baskerville e...il sottoscritto?), in un racconto brillante, colto e anche un po’ macabro. Valutazione positiva anche in questo caso.
Voto: 7
FIGLIO DI CORTIGIANA, ANIMO DI RE – La vera sorpresa, ancorchè inaspettata, dell’intera raccolta. Martigli mette in campo un protagonista simpaticissimo, colto, arrivista e un po’ sprovveduto che non fa altro che mettersi nei guai, dai quali riesce ad uscire grazie alla sua eloquenza (si esprime in versi sempre in rima) e un po’ di fortuna. Trama che avrebbe meritato lo sviluppo di un romanzo. Bellissimo.
Voto: 8,5
LA CORTE DELLA SETA – Opera davvero interessante che mette in campo una delle famiglie più famose (se non la più famosa) di Bologna, ossia i Bentivoglio. Bella l’atmosfera di sospetto e il colpo di scena finale.
Voto: 7
IL TEATRO DELLE STREGHE – Un delitto che sembra avere una matrice sovrannaturale si rivelerà essere di tutt’altra natura. Anche in questo caso molto bella l’ambientazione. Un po’ meno la parte finale della vicenda, troppo semplicistica.
Voto: 6,5
MAGDEBURG. LA FORTEZZA – Atmosfera apocalittica, personaggi memorabili, dialoghi secchi, diretti, taglienti come una katana. Il mai abbastanza rimpianto Altieri fa ampio sfoggio delle sue doti narrative e mi ha fatto venire voglia di rileggere daccapo la trilogia di Magdeburg. Capolavoro.
Voto: 10
UN GIOIELLO PER SIGNORI – Come per gli altri racconti, anche in questo l’aspetto più interessante è legato all’ambientazione e ai costumi dell’epoca. La trama, però, è un po’ debole e non mi ha convinto appieno. Comunque, sufficienza piena
Voto: 6
Valutazione complessiva (arrotondata per eccesso): 7,5
adsoadso wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
ANTOLOGIA DI VALORE
I racconti inclusi in questa antologia, più o meno ‘gialli’, ambientati in epoche diverse, hanno per caratteristica principale quella di svolgersi in un contesto storico sempre ben delineato.
Ma veniamo alle singole opere.
REGINA VIARUM – Manfredi si diletta nell’elargire una serie di informazioni sull’organizzazione dell’esercito, sullo stato delle vie di comunicazione, su alcuni eventi bellici del periodo e sulle dispute in senato che potevano arrivare a decretare l'inizio delle fortune di una famiglia a discapito di un’altra.
L’evento criminoso, di fatto, è del tutto marginale. Comunque, scritto benissimo e molto interessante.
Voto: 7
LODE AL MAGNIFICO – Questo è, probabilmente, il racconto più ‘giallo’ della raccolta in cui viene svolta una vera e propria indagine. Un vecchio, ex gladiatore dovrà difendersi dalle accuse di un paio di amanti piuttosto scaltri o che, per lo meno, tali si ritengono. Divertente.
Voto: 6,5
COMETA DI SANGUE – Un crimine, un evento ritenuto sovrannaturale (il passaggio di una cometa) e
un pizzico di magia sotto forma di pratiche alchemiche, sono gli ingredienti di un racconto del quale, però, è lo sfondo ambientale e sociale a fare la parte del leone. Bello.
Voto: 7
L’AUREA REGOLA DELLA MORTE – Leoni mette in campo un paio di ‘pezzi da novanta’ come Leonardo da Vinci e Machiavelli nelle vesti, rispettivamente, di maestro e allievo (come, ad esempio, Guglielmo da Baskerville e...il sottoscritto?), in un racconto brillante, colto e anche un po’ macabro. Valutazione positiva anche in questo caso.
Voto: 7
FIGLIO DI CORTIGIANA, ANIMO DI RE – La vera sorpresa, ancorchè inaspettata, dell’intera raccolta. Martigli mette in campo un protagonista simpaticissimo, colto, arrivista e un po’ sprovveduto che non fa altro che mettersi nei guai, dai quali riesce ad uscire grazie alla sua eloquenza (si esprime in versi sempre in rima) e un po’ di fortuna. Trama che avrebbe meritato lo sviluppo di un romanzo. Bellissimo.
Voto: 8,5
LA CORTE DELLA SETA – Opera davvero interessante che mette in campo una delle famiglie più famose (se non la più famosa) di Bologna, ossia i Bentivoglio. Bella l’atmosfera di sospetto e il colpo di scena finale.
Voto: 7
IL TEATRO DELLE STREGHE – Un delitto che sembra avere una matrice sovrannaturale si rivelerà essere di tutt’altra natura. Anche in questo caso molto bella l’ambientazione. Un po’ meno la parte finale della vicenda, troppo semplicistica.
Voto: 6,5
MAGDEBURG. LA FORTEZZA – Atmosfera apocalittica, personaggi memorabili, dialoghi secchi, diretti, taglienti come una katana. Il mai abbastanza rimpianto Altieri fa ampio sfoggio delle sue doti narrative e mi ha fatto venire voglia di rileggere daccapo la trilogia di Magdeburg. Capolavoro.
Voto: 10
UN GIOIELLO PER SIGNORI – Come per gli altri racconti, anche in questo l’aspetto più interessante è legato all’ambientazione e ai costumi dell’epoca. La trama, però, è un po’ debole e non mi ha convinto appieno. Comunque, sufficienza piena
Voto: 6
Valutazione complessiva (arrotondata per eccesso): 7,5