Arcodamore
by Andrea De Carlo
(*)(*)(*)(*)( )(2,349)

All Quotations

17
MisiaMisia added a quotation
00
"Vorrei sapere dove sei questa notte, mentre qui sono le quattro e non riesco ad addormentarmi. Vorrei sapere cosa stai facendo e con chi sei, e che faccia hai, se ti ho già incontrato o ci siamo solo sfiorati qualche volta, se siamo sempre stati distanti senza il minimo punto di contatto. Vorrei sapere se ci incontreremo, e quando. Se ci incontreremo troppo tardi o appena in tempo, o ci incontreremo ma non riusciremo neanche a capire che eravamo noi e quanto eravamo importanti l'uno per l'altra. Io credo che ti riconoscerei subito, anzi sono sicura. Mi basterebbe guardarti negli occhi un attimo per capire chi sei tu, o solo guardarti entrare in una stanza. Mi basterebbe un secondo, o meno. Però adesso dove sei? Adesso che sono così sola e triste e senza speranza, dopo tutti questi uomini vili e freddi e mammoni e indifferenti e sadici e semplicemente sbagliati? Dove sei? E ci sei, poi?"
MisiaMisia added a quotation
00
"Vorrei sapere dove sei questa notte, mentre qui sono le quattro e non riesco ad addormentarmi. Vorrei sapere cosa stai facendo e con chi sei, e che faccia hai, se ti ho già incontrato o ci siamo solo sfiorati qualche volta, se siamo sempre stati distanti senza il minimo punto di contatto. Vorrei sa... More
Letizia_Letizia_ added a quotation
00
Ha detto "Mi sei mancato tanto, Leo. Dov'eri, porca miseria? Tutte le volte che mi sembrava di essere una specie di pazza fissata che pretende chissà cosa dalla vita? Tutte le volte che mi son sentita fuori luogo e fuori tempo?" "Dov'eri tu?" le ho chiesto io, senza più ancoraggi ormai. "Quando morivo di noia e di chiuso e di vuoto e di semplice mancanza di slancio?"
Letizia_Letizia_ added a quotation
00
Ha detto "Mi sei mancato tanto, Leo. Dov'eri, porca miseria? Tutte le volte che mi sembrava di essere una specie di pazza fissata che pretende chissà cosa dalla vita? Tutte le volte che mi son sentita fuori luogo e fuori tempo?" "Dov'eri tu?" le ho chiesto io, senza più ancoraggi ormai. "Quando mori... More
Letizia_Letizia_ added a quotation
00
"E poi?" Le ho chiesto, appoggiato con una mano a un cavalletto, invischiato nel miele amaro di sentimenti peggio che a casa sua. "Poi mi son innamorata di te", ha detto lei.
Letizia_Letizia_ added a quotation
00
"E poi?" Le ho chiesto, appoggiato con una mano a un cavalletto, invischiato nel miele amaro di sentimenti peggio che a casa sua. "Poi mi son innamorata di te", ha detto lei.
JosephinaJosephina added a quotation
00
Poi ho chiesto a Manuela «Secondo te c'è un tempo fisso? C'è un termine entro cui qualunque storia si esaurisce ed è tutto finito?»
«Non so se è fisso,» ha detto lei. «Ma c'è un tempo, credo. Per me è sempre stato così, almeno.»
«Ma è una specie di legge fisica?» le ho chiesto, e il paesaggio di monti freddi e spogli fuori sembrava ancora più freddo e spoglio alla luce della luna. «Una specie di legge naturale che non si può eludere in nessun modo? Non importa quanto forte è lo slancio all'inizio?»
«Non credo che ci siano leggi nei sentimenti,» ha detto Manuela. Riuscivo a sentire la fatica che le costava tradurre i suoi pensieri in parole: e la perdita di colore che c'era in ogni traduzione. Ha detto «Ma è una specie di arco, no? Può essere tondo o lungo o basso o stretto e alto come una porta, e magari prima ancora che tu incontri qualcuno hai già dentro di te l'inizio di una curva e lo senti e non capisci cosa sia. Poi ci sei sopra e fino a un certo punto ti sembra di salire e salire soltanto, e ti fermi e sei in alto e ti sembra che possa durare così per sempre e non ti rendi conto che stai già cominciando a scendere verso terra di nuovo.»
«Ma perché succede?» le ho detto. «È tutto perché al tempo delle caverne era necessario che un maschio mettesse incinta una femmina e le stesse vicino il tempo minimo di fare un figlio e allattarlo i primi mesi e poi fosse libero di passare a un'altra femmina e fare un altro figlio? È un programma biologico inarrestabile che abbiamo dentro.»
«Non lo so,» ha detto lei. «Forse è solo che tutto finisce. E di quello che non finisce ci si stufa.» Ha sbuffato, guardato fuori; ha detto «Ma tu cerchi sempre di dare spiegazioni parascientifiche in questo modo? Hai sempre bisogno di razionalizzare tutto così tanto?»
«Non razionalizzo niente,» le ho detto, pronto anche alla rissa quanto lei. «Cerco solo di spiegarmi le cose. Di non lasciarmi vivere senza il minimo tentativo di capire cosa succede. Ma spero sempre che non ci siano regole implacabili, o che se ci sono esista un modo di scamparle, correre fuori tracciato per qualche pista secondaria.»
«Anch'io,» ha detto Manuela, già in un tono più morbido, pieno di luci mutevoli come i riflessi nei suoi occhi nel semibuio. «Anch'io ho sempre pensato di trovare un arco d'amore che non finisce mai.»
«Ma perché poi non è così?» le ho detto, con una vera disperazione anche se ridevo.
«Sono gli uomini che si fermano,» ha detto lei. «Che si lasciano affondare nei loro ruoli finché rimane solo distanza e noia.»
«E le donne?» le ho chiesto. «Non perdono slancio e passione nello stesso modo degli uomini?»
«Le donne restano deluse,» ha detto Manuela. «Poi alla fine per forza che perdono interesse. Ma ci provano, prima.»
«Allora è sempre colpa degli uomini, in un modo o nell'altro?» le ho detto.
«Quasi sempre,» ha detto lei. «Siete tutti così, bastardi.»
JosephinaJosephina added a quotation
00
Poi ho chiesto a Manuela «Secondo te c'è un tempo fisso? C'è un termine entro cui qualunque storia si esaurisce ed è tutto finito?»
«Non so se è fisso,» ha detto lei. «Ma c'è un tempo, credo. Per me è sempre stato così, almeno.»
«Ma è una specie di legge fisica?» le ho chiesto, e il paesaggio di mon
... More
JosephinaJosephina added a quotation
00
Vorrei sapere dove sei questa notte, mentre qui sono le quattro e non riesco ad addormentarmi. Vorrei sapere cosa stai facendo e con chi sei e che faccia hai, se ti ho già incontrato o ci siamo solo sfiorati qualche volta, se siamo sempre stati distanti senza il minimo punto di contatto. Vorrei sapere se ci incontreremo, e quando. Se ci incontreremo troppo tardi o appena in tempo, o ci incontreremo ma non riusciremo neanche a capire che eravamo noi e quanto eravamo importanti uno per l'altra. Io credo che ti riconoscerei subito, anzi sono sicura. Mi basterebbe guardarti negli occhi un attimo per capire che sei tu, o solo guardarti entrare in una stanza. Mi basterebbe un secondo, o meno. Però adesso dove sei? Adesso che sono così sola e triste e senza speranza, dopo tutti questi uomini vili e freddi e mammoni e indifferenti e sadici e semplicemente sbagliati? Dove sei? E ci sei, poi?
JosephinaJosephina added a quotation
00
Vorrei sapere dove sei questa notte, mentre qui sono le quattro e non riesco ad addormentarmi. Vorrei sapere cosa stai facendo e con chi sei e che faccia hai, se ti ho già incontrato o ci siamo solo sfiorati qualche volta, se siamo sempre stati distanti senza il minimo punto di contatto. Vorrei s... More
LigeiaLigeia added a quotation
00
''Sono gli uomini che si fermano,'' ha detto lei. ''Che si lasciano affondare nei loro ruoli finchè non rimane solo distanza e noia.''
LigeiaLigeia added a quotation
00
''Sono gli uomini che si fermano,'' ha detto lei. ''Che si lasciano affondare nei loro ruoli finchè non rimane solo distanza e noia.''
LigeiaLigeia added a quotation
00
E' bello come vedi le cose. Come non ti fidi mai dei nomi pronti.
LigeiaLigeia added a quotation
00
E' bello come vedi le cose. Come non ti fidi mai dei nomi pronti.
LigeiaLigeia added a quotation
00
Avevo sempre questa tendenza a non forzare le circostanze, lasciare che le cose capitassero per conto loro se dovevavo capitare; nonero mai stato un grande afferratore di occasioni o un angolatore di eventi o un sollecitatore di contatti. A volte lasciavo passare il momento utile e le circostanze favorevoli, pur di non forzare niente, stavo a guardarli scivolare via oltre l'orizzonte: anche con una parte di compiacimento, debole e lento come una delusione.
LigeiaLigeia added a quotation
00
Avevo sempre questa tendenza a non forzare le circostanze, lasciare che le cose capitassero per conto loro se dovevavo capitare; nonero mai stato un grande afferratore di occasioni o un angolatore di eventi o un sollecitatore di contatti. A volte lasciavo passare il momento utile e le circostanze fa... More
LigeiaLigeia added a quotation
00
Mi attirava la distanza che c'era tra noi, l'assenza di comunicazione appena sotto la comunicazione dei nostri corpi. Mi attirava la facilità quasi automatica con cui ci stringevamo, e la difficoltà istintiva con cui ci eravamo parlati
LigeiaLigeia added a quotation
00
Mi attirava la distanza che c'era tra noi, l'assenza di comunicazione appena sotto la comunicazione dei nostri corpi. Mi attirava la facilità quasi automatica con cui ci stringevamo, e la difficoltà istintiva con cui ci eravamo parlati
LigeiaLigeia added a quotation
00
Mi tenevo alla larga dal peso della vita, scantonavo appena percepivo il minimo segno indicatore; avevo acquistato una cautela da deserto (...); mi sembrava di essere libero, con un numero indefinito di possibilità aperte intorno.
LigeiaLigeia added a quotation
00
Mi tenevo alla larga dal peso della vita, scantonavo appena percepivo il minimo segno indicatore; avevo acquistato una cautela da deserto (...); mi sembrava di essere libero, con un numero indefinito di possibilità aperte intorno.