Ashenden o L’agente inglese
by William Somerset Maugham
(*)(*)(*)(*)( )(177)

All Reviews

14 + 18 in other languages
Account deletedAccount deleted wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Procyon LotorProcyon Lotor wrote a review
59
(*)(*)(*)(*)( )
On His Majesty Service
Uno degli aspetti che resero il servizio segreto inglese il migliore del mondo è (forse) la spiccata tendenza a reclutare scrittori. Scrittori in senso britannico naturalmente.

Poi tra questi c'è chi costruisce una replica fedele del mondo oscuro dove la paranoia è l'appropriato atteggiamento mentale, il sospetto e la dissimulazione ottimi succedanei dell'educazione quindi l'omicidio un buon surrogato dell'ipocrisia ed abbiamo Le Carrè, oppure Maugham, sebbene ad un livello gerarchico inferiore, o invece Fleming se, per campare bene tra Londra e le Bahamas, ci si rende conto che un certo pubblico gradisce che il mix tra azione ed analisi sia come nel martini very very very dry hemingwayano ove in pratica il martini - sciaquandovisi solo il ghiaccio - manca.

Temo che il tempo scarseggi, quindi di Ambler e Greene parleremo magari in seguito ma ci sono - eccome - pure loro. Stesso ceppo della vecchia quercia ed ognuno per di più fu coinvolto in differenti conflitti, dandovi modo di fare la circumnavigazione spionistica del globo senza cambiare società solo il periodo che qui è la prima guerra mondiale, rivoluzione bolscevica inclusa.

Maugham invece ammette solo di sceneggiare un po' e con grande modestia, rifiuta perfino di legare questi racconti con arbitrarie quanto noiose interposizioni per creare un artificioso romanzo. Per bravi scrittori in senso britannico s'intende gente che non ha mai sostituito alla vita la letteratura, ma che considera quella la sorgente di questa, che riesce nella commistione tra noia orrore e perplessità così comuni in quel mestiere, inframmezzando pure con note curiosamente acute e di umorismo leggero, mai da sghignazzare ma in compenso questa posizione permette pure di trattare il dolore - vero, mica scherza - col sopracciglio alzato senza pazziare, strapparsi i capelli o minacciare di lanciarsi dalla finestra che purtroppo con certi italiani è sempre al pianterreno.

Se voltere un ulteriore esempio di come - per l'inglese vero e certificato - la vita sia biologicamente un mero accidente pur risultando interessante per tutto il resto, qui potrete trovare un paio d'ore d'onesto intrattenimento, svariate informazioni sullo stato di certe cose in quell'Europa, curiosità su alcuni caratteri umani maschili e femminili, personaggi notevoli e come sempre, un testo redatto sotto le più impeccabili ed economiche regole estetiche, indeed.
La Stamberga dei LettoriLa Stamberga dei Lettori wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
Marco M.Marco M. wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
ClaudiaClaudia wrote a review
03
(*)(*)(*)( )( )