Bartleby
by Gilles Deleuze, Giorgio Agamben
(*)(*)(*)(*)(*)(59)
Fin dalla sua pubblicazione nel 1853, Bartleby lo scrivano di Melville, «uno dei più bei racconti dell’epoca moderna», sta iscritto come un enigma sulla soglia della letteratura americana. La figura scialba e «incurabilmente perduta» dello scrivano che ha smesso di scrivere, ha letteralmente ... More

All Quotations

KobayashiKobayashi added a quotation
00
Vocazione schizofrenica: anche catatonico e anoressico, Bartleby non è il malato, bensì il medico di un’America malata, il Medicine-man, il nuovo Cristo o il fratello di noi tutti.
KobayashiKobayashi added a quotation
00
E Bartleby che cosa chiedeva all’avvocato, se non un po’ di fiducia, mentre questi gli risponde con la carità, la filantropia e tutte le maschere della funzione paterna? (…)
Questa schiera di personaggi (… ) è forse la società dei Filantropi che dissimulano il loro progetto demoniaco, ma forse anc
... More
KobayashiKobayashi added a quotation
00
Di originali al contrario, non si sa neppure se ce ne siano in assoluto, a parte il Dio primordiale, ed è già molto quando se ne incontra uno. Non si vede, dichiara Melville, come un romanzo possa implicarne diversi. Ogni originale è una potente Figura solitaria che travalica ogni forma spiegabile: ... More
KobayashiKobayashi added a quotation
00
Quel che conta per un grande romanziere, che sia Melville, Dostoevskij, Kafka o Musil, è che le cose restino enigmatiche e tuttavia non arbitrarie: insomma, una nuova logica, in tutto e per tutto una logica, ma che non ci riconduce più alla ragione e coglie l’intimità della vita e della morte. Il ro... More
KobayashiKobayashi added a quotation
00
Può darsi che Bartleby sia il folle, il demente, lo psicotico (“un disordine innato e incurabile dell’anima”). Ma come saperlo se non si tiene conto delle anomalie dell’avvocato, che non smette di comportarsi in modo altrettanto bizzarro? L’avvocato ha appena avuto una promozione professionale impor... More
KobayashiKobayashi added a quotation
00
La formula I PREFER NOT TO esclude ogni alternativa e inghiotte quel che pretende di conservare non meno di quanto non scarti ogni altra cosa; essa implica che Bartleby cessi di copiare, cioè di riprodurre parole; fa crescere una zona di indeterminazione tale che le parole non si distinguono più, cr... More