Bellezza crudele
by Rosamund Hodge
(*)(*)(*)(*)( )(130)
Costretta a fidanzarsi con il malvagio governatore del suo Regno, la giovane e determinata Nyx sa che il suo destino è sposarlo, ma per coronare il suo sogno più segreto: ucciderlo e liberare finalmente il popolo dal giogo di quella crudele tirannia.
Eppure nel giorno del suo diciassettesimo co
... More

★Luisa... il cuore vuole gridare★'s Review

01
(*)(*)(*)( )( )
I mostri hanno paura del buio, perchè ricorda loro ciò che sono veramente.
Un giorno stavo facendo un bel giretto in biblioteca quando per caso mi imbatto in Bellezza crudele, rivisitazione de La bella e la bestia.
Avevo già letto alcune recensioni, perlopiù negative, di questo libro e mi attirava e non attirava allo stesso tempo. Solitamente non mi lascio troppo influenzare dai pareri altrui ma stavolta, complice anche il fatto che il paranormal romance/urban fantasy non rientra tra i miei generi preferiti (l'apprezzerei anche, se le trame e i personaggi non mi sembrassero tutti uguali, scontati e banali), decisi di lasciarlo perdere.
Però nel momento in cui me lo sono ritrovata davanti, in biblioteca, l'ho preso senza pensarci due volte... semplicemente lasciandomi ispirare.
Ebbene, devo dire che non è così malvagio, anzi. L'ho iniziato seguendo il mio istinto (cosa che dovrei fare più spesso) e non avendo alte aspettative. Non è il capolavoro del secolo, questo è sicuro, e a tratti è confusionario (forse una cosa voluta dall'autrice), ma l'ho trovato godibile, interessante e abbastanza particolare soprattutto riguardo lo stile lento ma intrigante, l'atmosfera cupa e misteriosa e i riferimenti alla mitologia greca. Penso infatti che siano questi i punti di forza del romanzo, oltre ai personaggi mai completamente buoni o cattivi: la protagonista Nyx non è la classica eroina perchè è piena di odio per la sua famiglia che l'ha venduta al Signore Gentile, principe dei demoni... però è anche molto umana in quanto voleva solo essere accettata e amata per ciò che è; Ignifex d'altro canto non è così cattivo come si crede in un primo momento, ma una pedina di un progetto più grande e Shade, colui che all'inizio della storia cerca di aiutare Nyx per uccidere il demone e salvare la gente di Arcadia, non è così calmo, dolce e gentile come sembra.
Di conseguenza posso affermare che più che la trama, di per sè non originale, è la capacità di rendere al meglio le varie sfumature dei personaggi, l'ambientazione mitologica e da fiaba dark, lo stile lento per le molte descrizioni sì ma coinvolgente, a distinguere il libro da altri dello stesso genere. Sono elementi sicuramente apprezzabili.
Riconosco comunque che non è esente da difetti: in primis il fatto che secondo me bisognava spiegare e approfondire di più la storia di Arcadia, l'Ermetismo e chi sono i Gentili... il tutto è un pò confuso e affrettato; poi la componente sentimentale... ok, non è che mi aspettassi chissà quale bellissima storia d'amore, ma non si distingue da tanti altri triangoli amorosi che vi sono in YA, UB e distopici se non fosse per un piccolo "colpo di scena" se così vogliamo chiamarlo e ciononostante non mi è dispiaciuta, è nella norma direi: romantica e passionale al punto giusto. A mio avviso invece la pecca più grande è il finale: io non l'ho capito sinceramente... qualcuno me lo spieghi XD
Ad ogni modo, penso che nel complesso Bellezza crudele sia un buon retelling, da leggere senza pretese... Non l'ho divorato e purtroppo il finale l'ha rovinato (bastava qualche pagina in più per spiegare meglio il tutto), ma ha saputo tenere viva la mia attenzione e curiosità, essendoci tanta suspense. Inoltre, pur essendo il primo volume della serie Cruel Beauty, è autoconclusivo... cosa rarissima di questi tempi! E tale è il seguito Il sentiero del bosco incantato - rivisitazione di Cappuccetto Rosso - che più avanti leggerò sicuramente.
01
(*)(*)(*)( )( )
I mostri hanno paura del buio, perchè ricorda loro ciò che sono veramente.
Un giorno stavo facendo un bel giretto in biblioteca quando per caso mi imbatto in Bellezza crudele, rivisitazione de La bella e la bestia.
Avevo già letto alcune recensioni, perlopiù negative, di questo libro e mi attirava e non attirava allo stesso tempo. Solitamente non mi lascio troppo influenzare dai pareri altrui ma stavolta, complice anche il fatto che il paranormal romance/urban fantasy non rientra tra i miei generi preferiti (l'apprezzerei anche, se le trame e i personaggi non mi sembrassero tutti uguali, scontati e banali), decisi di lasciarlo perdere.
Però nel momento in cui me lo sono ritrovata davanti, in biblioteca, l'ho preso senza pensarci due volte... semplicemente lasciandomi ispirare.
Ebbene, devo dire che non è così malvagio, anzi. L'ho iniziato seguendo il mio istinto (cosa che dovrei fare più spesso) e non avendo alte aspettative. Non è il capolavoro del secolo, questo è sicuro, e a tratti è confusionario (forse una cosa voluta dall'autrice), ma l'ho trovato godibile, interessante e abbastanza particolare soprattutto riguardo lo stile lento ma intrigante, l'atmosfera cupa e misteriosa e i riferimenti alla mitologia greca. Penso infatti che siano questi i punti di forza del romanzo, oltre ai personaggi mai completamente buoni o cattivi: la protagonista Nyx non è la classica eroina perchè è piena di odio per la sua famiglia che l'ha venduta al Signore Gentile, principe dei demoni... però è anche molto umana in quanto voleva solo essere accettata e amata per ciò che è; Ignifex d'altro canto non è così cattivo come si crede in un primo momento, ma una pedina di un progetto più grande e Shade, colui che all'inizio della storia cerca di aiutare Nyx per uccidere il demone e salvare la gente di Arcadia, non è così calmo, dolce e gentile come sembra.
Di conseguenza posso affermare che più che la trama, di per sè non originale, è la capacità di rendere al meglio le varie sfumature dei personaggi, l'ambientazione mitologica e da fiaba dark, lo stile lento per le molte descrizioni sì ma coinvolgente, a distinguere il libro da altri dello stesso genere. Sono elementi sicuramente apprezzabili.
Riconosco comunque che non è esente da difetti: in primis il fatto che secondo me bisognava spiegare e approfondire di più la storia di Arcadia, l'Ermetismo e chi sono i Gentili... il tutto è un pò confuso e affrettato; poi la componente sentimentale... ok, non è che mi aspettassi chissà quale bellissima storia d'amore, ma non si distingue da tanti altri triangoli amorosi che vi sono in YA, UB e distopici se non fosse per un piccolo "colpo di scena" se così vogliamo chiamarlo e ciononostante non mi è dispiaciuta, è nella norma direi: romantica e passionale al punto giusto. A mio avviso invece la pecca più grande è il finale: io non l'ho capito sinceramente... qualcuno me lo spieghi XD
Ad ogni modo, penso che nel complesso Bellezza crudele sia un buon retelling, da leggere senza pretese... Non l'ho divorato e purtroppo il finale l'ha rovinato (bastava qualche pagina in più per spiegare meglio il tutto), ma ha saputo tenere viva la mia attenzione e curiosità, essendoci tanta suspense. Inoltre, pur essendo il primo volume della serie Cruel Beauty, è autoconclusivo... cosa rarissima di questi tempi! E tale è il seguito Il sentiero del bosco incantato - rivisitazione di Cappuccetto Rosso - che più avanti leggerò sicuramente.