Billy Summers
by Stephen King
(*)(*)(*)(*)(*)(169)
Billy Summers è un sicario, il migliore sulla piazza, ma ha una sua etica: accetta l'incarico solo se il bersaglio è un uomo davvero spregevole. Ora ha deciso di uscire dal giro, ma prima deve portare a termine un'ultima missione. Veterano decorato della guerra in Iraq, Billy è tra i più abili cecchini al mondo: non ha mai sbagliato un colpo, non si è mai fatto beccare – una specie di Houdini quanto si tratta di svanire nel nulla a lavoro compiuto. Cosa potrebbe andare storto? Stavolta, praticamente tutto.

All Reviews

31
magmamagma wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Un elogio al piacere della scrittura e della lettura
È da tanto tempo che non scrivo qualche riga di recensione, qui su aNobii, pur essendo iscritto da tanti anni. Questo romanzo mi è piaciuto talmente tanto che ci tengo a fare un'eccezione a questo mio corso piuttosto intimista e riservato. Più da lettore, che è quello che principalmente sono.

Billy Summers innanzitutto è un romanzo d'azione, un thriller, che ti tiene incollato alle pagine perché vuoi sapere che cosa accadrà dopo. Il soggetto è interessante; la trama è ben articolata, non banale ma neanche inutilmente complicata. Quel che succederà non è assolutamente prevedibile, perché il genio di King sa come introdurre elementi e personaggi totalmente inaspettati, che danno una svolta nuova, diversa, alla storia rispetto a come è iniziata. Tutto ciò è un po' una metafora della vita, che non va mai come ti aspetti.

Billy Summers è anche un romanzo di formazione, una storia dentro la storia. Infine, e soprattutto, è un libro che descrive ciò che spinge uno scrittore a scrivere, cioè il piacere puro, perché si ha qualcosa da dire, la gioia di scrivere e basta. Dal principio, non si scrive neanche per essere letti da qualcun altro, anche se poi ovviamente questo accade, se il contenuto è buono (Stephen King questo lo sa bene). Quindi, l'autore riesce in modo magistrale anche a descrivere il rapporto che si instaura tra scrittore e lettore, e viceversa, in una relazione a due così intima, che ci si conosca di persona o meno.

Ho dato cinque stelle perché ritengo che questo sia un gran romanzo, scritto da un King maturo, più posato stilisticamente rispetto al passato, ma sicuramente efficacissimo nella trama e nel saper trascinare il lettore pagina dopo pagina. Raramente mi capita di piangere o ridere leggendo un romanzo, di qualsiasi genere si tratti: questa volta sono successe entrambe le cose. Billy Summers è un romanzo da tenere bene in vista nella propria libreria.
Spinnu74Spinnu74 wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Spoiler Alert
UN ROMANZO DIVERSO, SENZA L'ELEMENTO SOVRANNATURALE...FORSE
È un libro particolare questo, diverso dalla stragrande maggioranza di quelli scritti finora da King.
Dico subito che il libro merita e lo consiglio, è un bel viaggio, ma non si tratta del solito King.
Non è una critica, solo una constatazione.
La prima cosa che ho notato è che manca totalmente l'elemento soprannaturale. Questa cosa sinceramente un pò mi ha deluso, perché è la cosa che cerco sempre nei suoi libri, quella fascinazione che mi fa apprezzare in maniera quasi incondizionata le sue storie. E forse anche per questo manca la classica ambientazione nel Maine, capace di regalare quelle atmosfere particolari e suggestive che io adoro. Allora che libro è? Una sorta di thriller on the road che racchiude anche una storia di formazione. Il passaggio dall'infanzia alla maturità, dettata quasi sempre da fatti poco piacevoli, è sempre una tematica che King tratta nei suoi libri, non può mancare. Qui viene ben rappresentata nello spazio dedicato alla Casa della ripittura eterna, un nome suggestivo per una casa famiglia dove il protagonista comincia a formare la propria personalità. Ma Billy che tipo di personaggio è? All'inizio mi è stato subito simpatico, per quello che aveva dovuto sopportare da bambino, poi la sua professione non dico che me lo ha reso antipatico, però ho cominciato ad avvertire una certa distanza nei suoi confronti. Con l'epilogo poi sono tornato a provare una gran simpatia per lui e anche una certa nostalgia per la fine della storia e del mondo in cui sono stato immerso per qualche settimana. Sì, direi che alla fine mi sono affezionato a Billy Summers.
Ah, forse ho detto una piccola bugia sul soprannaturale. Nell'ultima parte c'è un piccolo omaggio, un rimando a Shining e a Doctor Sleep. Comunque è poca cosa, sono solo suggestioni. O forse c'è qualcosa di più? No perché sembra che certi influssi siano ancora presenti, per nulla sopiti.
ClaireClaire wrote a review
06
(*)(*)(*)(*)( )