Bollito misto con mostarda
by Daniele Luttazzi
(*)(*)(*)(*)( )(435)
Allevato in Romagna da genitori insegnanti che sperimentarono su di lui lanuova didattica degli anni sessanta, Daniele Luttazzi ha imparato a renderela propria alienazione interessante, radunando nel tempo un seguito diappassionati che amano il suo umorismo cinico e sarcastico. In questo libroLuttaz... More

All Reviews

28
ZorbaZorba wrote a review
10
(*)(*)(*)(*)( )
Daniele Luttazzi è stato declassato dopo che qualche suo fan deluso ha fatto girare su youtube una serie di video in cui risulta evidente che Daniele copiava le battute da famosi comici americani semplicemente traducendole. Un fatto inequivocabile, che lo ha denigrato agli occhi di molti (me compreso), soprattutto a causa della sua insistenza nel rivendicare il ruolo del comico come autore di battute inedite.

Però questo libro mi incuriosiva, avendo visto lo spettacolo teatrale che era il terzo atto della satira su Berlusconi (il primo era Satyricon, il secondo Adenoidi) e precisamente la fase della "decadenza dell'impero" (che tra l'altro pare non essere ancora arrivata al suo nadir...).

Questo libro non è la semplice trascrizione del romanzo, arricchito delle sue battute d'attualità (quando viene eletto Ratzinger papa aggiunge una decina di minuti con battute come: "Ratzinger ha invitato i giovani a praticare la castità. Se funziona con loro poi proverà coi preti"), ma una vera e propria nuova produzione divisa in tre parti: nella prima Daniele si immagina di condurre un tour in Iraq per sollevare il morale delle truppe insieme a Raul Bova, Manuela Arcuri, Alena Seredova e Giannini, alla maniera di Bob Hope; la seconda è il monologo arricchito da temi d'attualità e un'espansione dello stesso, mentre nella terza parte si immagina i dialoghi di alcuni VIP come George Clooney, Courtney Love, Donatella Versace invitati al matrimonio di Madonna.

Nonostante la prima e la terza parte siano leggere e non molto divertenti, trovo che la parte centrale sia notevole, una critica politica, morale e sociale lucida e divertente, sugli standard ai quali Luttazzi ci aveva abituati.

Un libro che consiglio anche ai detrattori di Luttazzi: che abbia rubato alcune battute è innegabile, che faccia ridere e che scriva bene, anche. Non avete nulla da perdere.
Andriolomarco22Andriolomarco22 wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
cok7settecok7sette wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Nadia LusoliNadia Lusoli wrote a review
11
(*)(*)(*)(*)( )
Gin HarperGin Harper wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )