Camminavano come noi
by Clifford D. Simak
(*)(*)(*)(*)( )(132)
La crisi degli alloggi, che deve essere molto sentita anche negli Stati Uniti, ha probabilmente ispirato a Clifford Simak questo suo recentissimo libro, dove si dimostra comme la sempre più difficile situazione in cui si trovano gli abitanti delle moderne metropoli possa avere, in realtà, un'origine... More

All Reviews

16 + 2 in other languages
Mr JingleMr Jingle wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Simak: noi e gli alieni
rece completa qui: beatblog2.blogspot.it/2013/06/clifford-d-simak-pt3-noi-e-gli-alieni.html

Camminavano come noi (1962) costituisce un cambiamento nella poetica di Clifford Simak; appartiene al primo periodo della sua carriera (un blocco molto integro di romanzi e idee) sebbene rappresenti il passo successivo al trittico Anni senza fine – Oltre l'invisibile – L'anello intorno al Sole, in direzione di quel punto di svolta che sarà Infinito (1967). E il cambiamento lo si avverte un po' nello stile – in prima persona e forse più vicino alla semplicità di certa science fiction dell'epoca – e un po' nelle tematiche accennate. Ma lo si può anche considerare come il punto di congiunzione tra L'anello intorno al Sole e il celeberrimo La casa dalle finestre nere, il libro che seguirà subito dopo Camminavano come noi.
La storia è una variazione sul tema dell'invasione aliena: questa volta negativa, perché c'è una razza (la cui biologia è incomprensibile, la cui stessa rappresentazione risulta impossibile per gli umani) che vuole “comperare” la Terra. Suo malgrado un giornalista si trova coinvolto e scopre le segrete gesta di “simulacri” (umani fasulli) che sono all'opera per soggiogare il nostro sistema politico ed economico. [...]