Cardinal
by Giles Blunt
(*)(*)(*)(*)( )(7)
Chiunque abbia trascorso del tempo ad Algonquin Bay vi dirà che ci sono moltissime buone ragioni per vivere altrove. C'è la distanza dalla civiltà, che per i canadesi significa Toronto. C'è la graduale decadenza del centro cittadino. Naturalmente ci sono gli inverni, lunghi e feroci. E poi, ci sono ... More

All Reviews

2
zombie49zombie49 wrote a review
15
(*)(*)(*)(*)(*)
Delitti nel Far North canadese
In un bar malfamato di Algonquin Bay, alias North Bay, una cittadina quattrocento chilometri a nord di Toronto, in Canada, un venerdì sera arriva una strana ragazza dai capelli rossi. Ha il viso gonfio per le punture delle mosche nere, il flagello della zona in primavera, e ha delle foglie tra i capelli: sembra avere trascorso la notte nei boschi, non ricorda il proprio nome ed è priva di documenti. Il poliziotto locale, Jerry Commanda, la accompagna in ospedale: forse è drogata, o si è allontanata da un istituto psichiatrico. La sconosciuta, ribattezzata Red, è stata invece ferita alla testa da un proiettile di piccolo calibro che le ha leso il cervello. Il detective John Cardinal e la collega Lise Delorme si occupano del caso. Ad Algonquin Bay ci sono bande di bikers e spacciatori di droga, e, in una grotta dietro una remota cascata, i due poliziotti scoprono il cadavere decomposto e mutilato di un uomo: forse l’amnesia di Red è collegata all’omicidio. Il tema di una persona priva di memoria è sempre intrigante, e Giles Blunt presenta le storie parallele degli assassini e degli investigatori, per ricongiungerle lentamente. Non capisco perché abbia ribattezzato North Bay, pur descrivendone la topografia in modo così accurato da renderla identificabile fin dal primo romanzo. Blunt è un ottimo scrittore di gialli, e stupisce che abbia pubblicato in italiano solo tre romanzi, e abbia raggiunto la notorietà grazie alla serie TV. Cardinal e Delorme sono due personaggi verosimili: non scoprono il colpevole grazie a intuizioni geniali, ma conducono le indagini seguendo indizi e ragionamento logico. Hanno una vita personale che non prevale sulla storia gialla; Blunt evita il gossip rosa e le figure caricaturali. Alcuni personaggi sono troppo ingenui: sembra vogliano proprio farsi ammazzare. E’ apprezzabile l’ambientazione nella natura selvaggia canadese. E’ interessante la descrizione dei riti magici della santeria e del Palo Mayombe.