Carlotta a Weimar
by Thomas Mann
(*)(*)(*)(*)( )(72)
Carta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente
Trama del libro
"Carlotta a Weimar" (1939) è la storia di un rimpianto sentimentale e, insieme, la più complessa e coraggiosa interpretazione novecentesca della figura di Goethe. Lo spunto è offerto da un dato di cron
... More

All Reviews

11 + 1 in other languages
sandrasandra wrote a review
217
(*)(*)(*)(*)( )
Mann ammirava Goethe e questo romanzo è un omaggio reso al Maestro. La particolarità che rende il libro un unicum è il punto di vista dal quale si guarda alla figura del grande intellettuale tedesco,tra incensi e veleni.
Carlotta Buff, la fanciulla immortalata da Goethe ne I dolori del giovane Werther, ormai sessantenne, vedova e madre di nove figli, si reca a Weimar, località in cui vive Goethe, con la scusa di far visita alla famiglia di sua sorella, ma in realtà per rivedere l’uomo che trenta anni prima le aveva fatto battere il cuore, si era infatuato di lei tanto da renderla protagonista, senza farne mistero, del romanzo che tanto successo ebbe, un best seller dell’epoca, a tal punto che non solo in Europa dettò moda l’abbigliamento del Werther, ma purtroppo anche i suicidi “per amore” aumentarono notevolmente come effetto della pubblicazione del romanzo.
I colloqui di Carlotta, alloggiata all’Albergo all’Elefante nel centro di Weimar, con alcuni personaggi vicini al Nume, quali il suo ex segretario Riemer, la sorella del filosofo Schopenhauer, Adele, ed il figlio di Goethe, Augusto, costituiscono le colonne su cui si basa l’opera, insieme con un capitolo in cui leggiamo un monologo interiore dello stesso Goethe dal momento in cui si sveglia al mattino -venato di fine ironia- . Il ritratto che ne emerge non è certo lusinghiero: Goethe è una divinità, ma è anche un anziano signore, adulato e venerato dai suoi ascoltatori, compiaciuto di sé stesso, indifferente alle sorti altrui, concentrato esclusivamente nell’Arte, che è metamorfosi, è capacità di tramutare ciò che è vivente e pulsante in eterna opera immortale. Ma allora la vita e l’arte sono inconciliabili? In un finale che sintetizza e chiude, sempre con ironia, la narrazione dell’incontro, Goethe esprime ad una “terrena” Carlotta, - che impersona la vita con la ricchezza di eventi futili e insignificanti, amari e tragici- il suo pensiero, che è anche quello di Mann, sull’arte intesa come un gioco, il gioco di metamorfosi che trasforma la realtà frammentata in una unità… “Spalanchiamo gli occhi, facciamoli grandi per l’unità del mondo, grandi e sereni e coscienti”-dice Goethe.
Un omaggio da Thomas Mann al “mito” Goethe, frutto di studio e riflessione, che è corrispondenza di sensibilità artistica ed ammirazione.
Gabe57Gabe57 wrote a review
16
(*)(*)(*)(*)( )
Il calco reale di un grande personaggio
La Carlotta del romanzo è Charlotte Bluff, sposa di Johann Christian Kestner. Lei è il calco reale (ma probabilmente non l’unico – anche se l’osservazione la infastidisce) della Lotte dei "Dolori del giovane Werther". È provato da documenti il suo viaggio a Weimar del settembre 1816 – col pretesto di rivedere la sorella. Sappiamo anche che l’incontro con il vecchio poeta, nonché antico spasimante, avvenne davvero. E fu una delusione – a giudicare da una sua lettera citata nell’ottima introduzione di Roberto Fertonani. Tutto il resto è reiventato da Mann. In modo straordinario.
L’incontro al ricevimento in suo onore viene ricostruito da Mann in una di quelle sue pagine “affresco d’epoca” di cui l’autore era maestro. Ma quel che precede e quel che segue è la parte più bella del libro.
Quel che segue lo possiamo immaginare: l’incontro a tu per tu dei due protagonisti – forse un sogno ipotizza Mann con scrupolo di coscienza, perché nel 1939 un romanzo metabiografico non trovava il pubblico già smaliziato nel genere – poi in auge nel quarto finale del Novecento. Ma quel che avviene prima è parimenti appassionante per il lettore. Carlotta incontra una serie di personaggi – in apparenza minori – che rappresentano la variegata specie dei lettori, oggi diremmo dei fan. Essi non desiderano solo che ci sia l’autore – come direbbe Barthes – ma muoiono valla voglia di protarre il rapporto empatico con il testo, magari facendo la conoscenza con i personaggi o anche con i loro correlativi oggettivi nella realtà, i quali sono già letteratura – dal loro punto di vista, s’intende. Ritratti vividi, veramente riusciti. Come tutta quest’opera di Mann,