Cruel Beauty
by Rosamund Hodge
(*)(*)(*)(*)( )(130)
For fans of bestselling authors Kristin Cashore and Alex Flinn, this gorgeously written debut infuses the classic fairy tale with glittering magic, a feisty heroine, and a romance sure to take your breath away.

Laura (libreria non aggiornata)'s Review

00
(*)(*)(*)( )( )
3,5

Bellezza Crudele nasce come retelling de La Bella e La Bestia ma prende spunto anche da altre fiabe, come quella di Tremotino e Barbablu, per poi andare anche sui miti greci. Un gran bel calderone da cui attingere e per certi versi la Hodge, alla sua prima opera, c'è riuscita abbastanza bene.

Ignifex, conosciuto come Signore Gentile, è il crudele mostro che ha separato Arcadia dal resto del mondo, condannando le persone a vedere un finto cielo di carta. Ignifex vive dei patti che fa con le persone che vanno a richiedere il suo aiuto. Lui li accontenta ma a un prezzo. Così quando il padre di Nyx fa un patto con lui affinché la moglie possa avere figli, acconsente che una delle due gemelle che nasceranno dalla moglie vada in sposa a lui una volta compiuti i diciassette anni. Nyx accetta il suo destino ma non con il cuore in pace, perché dentro di lei pensa che la sua gemella, adorata dal padre e dalla matrigna, potrà fare la vita che vorrà mentre lei probabilmente entro la notte di nozze sarà morta perché è questa la fine che hanno fatto le precedenti spose di Ignifex. Per compiacere la sorella e non farla soffrire oltretutto hanno inventato una Rima falsa che recita di una possibile morte del Signore Gentile ad opera di Nyx, ma lei sa che niente è vero. Sa invece che il suo compito è indagare nella sua dimora e far crollare il suo castello sopra di lui, da cui attinge la sua forza, e morendo perciò con lui in quest'impresa.

Pur trovando l'ambientazione uno dei punti di forza del romanzo ho trovato difficile all'inizio capire l'organizzazione di questo mondo e le arti ermetiche, che sono proprio quelle che Nyx ha studiato e che potrebbero far ricadere la dimora su se stessa. Per fortuna poi con lo scorrere delle pagine ho trovato più facile addentrarmi in questo world building. Quello che ho amato tanto sono i personaggi, che scarseggiano abbastanza, è vero, ma risultano più indimenticabili di tanti altri. Per una volta troviamo un'eroina che non accetta facilmente il suo destino, che sì, sarà anche disposta a sacrificarsi per il popolo, ma lo farà vendendo la sua pelle a caro prezzo. È tutta la vita che Nyx nutre rancore verso la gemella, verso il padre e verso la zia per il destino che le hanno scritto, condannandola a morte. E se a volte Nyx pensa di essere una cattiva figlia e sorella, altre volte pensa che dovrebbe esserci la gemella al suo posto e che per diciassette anni è dovuta essere forte e fare finta che il suo destino non le pesasse per non fare sentire in colpa la sorella. C'è un pizzico di crudeltà in lei, ed è proprio questo che non la fa soccombere al suo sposo, perché sa essere crudele quanto lui. Lui d'altro canto sarebbe il malvagio per eccellenza. Malvagio sa essere malvagio, ma anche furbo e affascinante. Per come è caratterizzato penso che possa essere un personaggio facile di cui innamorarsi, perché ha quel pizzico di crudeltà che intriga, perché verso la sua sposa appare clemente quando vuole. Non è amore a prima vista, no. Ci sono vari tentativi di Nyx di assassinare il suo sposo. Ma insieme sono fantastici perché si mostrano per quello che sono, soprattutto Nyx, che si è dovuta sempre nascondere dietro la facciata di figlia e sorella integerrima. Il mistero che si nasconde dietro Ignifex e Shade è abbastanza semplice, e avrei preferito che per quanto riguarda il personaggio di Ignifex, fosse lui il vero malvagio della situazione. Niente signore della giustizia o signore dei patti che intercedono per quello che è. Ma posso anche capire che in fondo un po' di luce nell'oscurità si cerca sempre di farla intravedere, soprattutto quando questi sono i personaggi più importanti. Bellezza crudele ci regala anche un finale che non lascia sconti ma proprio verso la fine ha iniziato a vacillare il mio apprezzamento verso Nyx perché secondo me va fuori dal personaggio, come la sorella.

In conclusione Bellezza crudele è un libro che mi ha stupito e accontentato, e avrebbe meritato anche di più se non fosse per quel ritmo lento dato dalle ricerche interminabili di Nyx nel palazzo. La prima parte del libro purtroppo va avanti così, con Nyx che apre strane porte e si ritrova in altrettante strane stanze, a renderlo più piacevole ci sono solo gli incontri con Il Signore Gentile e i loro dialoghi. Per fortuna dopo la prima metà il libro prende tutt'altra piega.
00
(*)(*)(*)( )( )
3,5

Bellezza Crudele nasce come retelling de La Bella e La Bestia ma prende spunto anche da altre fiabe, come quella di Tremotino e Barbablu, per poi andare anche sui miti greci. Un gran bel calderone da cui attingere e per certi versi la Hodge, alla sua prima opera, c'è riuscita abbastanza bene.

Ignifex, conosciuto come Signore Gentile, è il crudele mostro che ha separato Arcadia dal resto del mondo, condannando le persone a vedere un finto cielo di carta. Ignifex vive dei patti che fa con le persone che vanno a richiedere il suo aiuto. Lui li accontenta ma a un prezzo. Così quando il padre di Nyx fa un patto con lui affinché la moglie possa avere figli, acconsente che una delle due gemelle che nasceranno dalla moglie vada in sposa a lui una volta compiuti i diciassette anni. Nyx accetta il suo destino ma non con il cuore in pace, perché dentro di lei pensa che la sua gemella, adorata dal padre e dalla matrigna, potrà fare la vita che vorrà mentre lei probabilmente entro la notte di nozze sarà morta perché è questa la fine che hanno fatto le precedenti spose di Ignifex. Per compiacere la sorella e non farla soffrire oltretutto hanno inventato una Rima falsa che recita di una possibile morte del Signore Gentile ad opera di Nyx, ma lei sa che niente è vero. Sa invece che il suo compito è indagare nella sua dimora e far crollare il suo castello sopra di lui, da cui attinge la sua forza, e morendo perciò con lui in quest'impresa.

Pur trovando l'ambientazione uno dei punti di forza del romanzo ho trovato difficile all'inizio capire l'organizzazione di questo mondo e le arti ermetiche, che sono proprio quelle che Nyx ha studiato e che potrebbero far ricadere la dimora su se stessa. Per fortuna poi con lo scorrere delle pagine ho trovato più facile addentrarmi in questo world building. Quello che ho amato tanto sono i personaggi, che scarseggiano abbastanza, è vero, ma risultano più indimenticabili di tanti altri. Per una volta troviamo un'eroina che non accetta facilmente il suo destino, che sì, sarà anche disposta a sacrificarsi per il popolo, ma lo farà vendendo la sua pelle a caro prezzo. È tutta la vita che Nyx nutre rancore verso la gemella, verso il padre e verso la zia per il destino che le hanno scritto, condannandola a morte. E se a volte Nyx pensa di essere una cattiva figlia e sorella, altre volte pensa che dovrebbe esserci la gemella al suo posto e che per diciassette anni è dovuta essere forte e fare finta che il suo destino non le pesasse per non fare sentire in colpa la sorella. C'è un pizzico di crudeltà in lei, ed è proprio questo che non la fa soccombere al suo sposo, perché sa essere crudele quanto lui. Lui d'altro canto sarebbe il malvagio per eccellenza. Malvagio sa essere malvagio, ma anche furbo e affascinante. Per come è caratterizzato penso che possa essere un personaggio facile di cui innamorarsi, perché ha quel pizzico di crudeltà che intriga, perché verso la sua sposa appare clemente quando vuole. Non è amore a prima vista, no. Ci sono vari tentativi di Nyx di assassinare il suo sposo. Ma insieme sono fantastici perché si mostrano per quello che sono, soprattutto Nyx, che si è dovuta sempre nascondere dietro la facciata di figlia e sorella integerrima. Il mistero che si nasconde dietro Ignifex e Shade è abbastanza semplice, e avrei preferito che per quanto riguarda il personaggio di Ignifex, fosse lui il vero malvagio della situazione. Niente signore della giustizia o signore dei patti che intercedono per quello che è. Ma posso anche capire che in fondo un po' di luce nell'oscurità si cerca sempre di farla intravedere, soprattutto quando questi sono i personaggi più importanti. Bellezza crudele ci regala anche un finale che non lascia sconti ma proprio verso la fine ha iniziato a vacillare il mio apprezzamento verso Nyx perché secondo me va fuori dal personaggio, come la sorella.

In conclusione Bellezza crudele è un libro che mi ha stupito e accontentato, e avrebbe meritato anche di più se non fosse per quel ritmo lento dato dalle ricerche interminabili di Nyx nel palazzo. La prima parte del libro purtroppo va avanti così, con Nyx che apre strane porte e si ritrova in altrettante strane stanze, a renderlo più piacevole ci sono solo gli incontri con Il Signore Gentile e i loro dialoghi. Per fortuna dopo la prima metà il libro prende tutt'altra piega.