Death Note vol. 12
by Takeshi Obata, Tsugumi Ohba
(*)(*)(*)(*)(*)(599)
Dopo una lunghissima caccia, che ha coinvolto e sconvolto il mondo intero, Light e Near si ritrovano finalmente faccia a faccia per un palpitante confronto finale. L’intelligenza e l’intuito del piccolo investigatore sono insuperabili, ma Light ha dalla sua i poteri del Quaderno della Morte. In un gioco mortale dove la posta è il futuro dell’umanità e la vita e l’orgoglio dei suoi geniali partecipanti, ha termine la straordinaria storia di Death Note, in un sensazionale epilogo scandito da un susseguirsi di rivelazioni e colpi di scena.

All Reviews

24 + 13 in other languages
Kinoko SaradaKinoko Sarada wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Spoiler Alert
Bianco e Nero,uno a uno parità
Due fratelli, bambino e adolescente, bianco e nero, Near e Mello.
Al contrario di tanti,io credo che la seconda parte di Death Note non sia così mediocre, anzi aiuta a spiegare determinate cose relative ad Elle.
Se fosse un manga per bambini, qualcuno salterebbe fuori a spiegare verbalmente....ma è un manga da adulti,le cose vanno spiegate nel corso dell'azione.

In India,i seguaci del buddhismo possono diventare anacoreti: smettono di lavorare,di mangiare,per dedicarsi interamente alla pratica ascetica e/o alla declamazione di profezie.
I piccoli mendicanti,i Kela, hanno il compito di portare loro da mangiare per non farli morire di fame.
I Padri cristiani del deserto si isolavano dal mondo, pronunciando sentenze teologiche a beneficio di chi aveva il coraggio di affrontare le difficoltà del viaggio.

Questo è Near, biancovestito come un fantasma,senza scarpe, quasi autistico ma geniale-in realtà inerme,del tutto dipendente da chi gli porta da mangiare e lo porta di peso a dormire.

Fare da secondo a Near sarebbe difficile per ciascuno di noi,ma particolarmente è stato difficile per Mello, l'altra metà spirituale di Elle,la mente irrequieta e competitiva,il giovane uomo che non ha mai fatto i conti con la propria infanzia.
Mello decide di abbandonare la casa,si veste come un gangsta rapper, anche piuttosto sexy-per fare opposizione alle sembianze KAWAII di Near.
E,per combattere Kira,fa uso di metodi simili a quelli di Kira.

Naturalmente è questo che, nella logica della trama,lo mette fuori combattimento.
Perché se Kira ha torto,Mello non ha ragione.

Forse,ha ragione Near, poiché l'autore gli permette di sopravvivere?
Non necessariamente.
La"morale"di Death Note,se c'è una morale, è che tutti dobbiamo fare ogni sforzo per migliorare questo pianeta, purché non si arrivi ad adattare il pianeta alle nostre personalissime concezioni di vita.

Anacoreti compresi.


ZibibboZibibbo wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
Atanvarnië P.Atanvarnië P. wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
NelithNelith wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )