Deviazioni perfettamente ragionevoli dalle vie battute
by Richard P. Feynman
(*)(*)(*)(*)(*)(71)
Quasi vent'anni dopo la sua morte, Feynman non cessa di stupirci. Questa volta con l'aiuto della figlia Michelle, che ci consegna una parte copiosa dell'epistolario di suo padre. E basta scorrerne i destinatari - eminenti scienziati, ma anche ammiratori, studenti, picchiatelli, gente comune che si rivolgeva

All Reviews

8 + 1 in other languages
Paolo CamponePaolo Campone wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
La statura dell'uomo Feynman non la si scopre con quest'opera, per certi versi monumentale.

Qui ci troviamo di fronte ad una collezione vastissima di tasselli che aiutano ad incasellare nel suo tempo e nel suo mondo un uomo dalle tante (e mai celate) contraddizioni, una medaglia dai mille lati.

Un genere che, di norma, non amo particolarmente, quello dell'epistolario ma che, in questo caso, si rivela piuttosto ben costruito, coerente ed organico.

Il quadro che ne viene fuori e' davvero affascinante.

Ci sono i momenti intimi e malinconici (la malattia della prima moglie), momenti che per qualche pagina mi hanno fatto sentire quasi un invadente intruso, e che pure mostrano un Feynman dolce, quasi ingenuo.

Contemporaneamente la carriera prende forma, tra mille difficolta' logistiche ed economiche, mosso dal sacro fuoco della ricerca, spinto da un patriottismo intenso e quasi cieco.

Arrivano i riconoscimenti, inizia la serie di lettere "strane". Strane come le richieste, a volte inverosimili, a volte assurde, che capitavano con una frequenza incredibile sulla scrivania di Feynman. Il quotidiano di uno scienziato, anche di un futuro premio Nobel, non e' una costante ed inarrestabile cascata di risultati, e questa raccolta ne e' una dimostrazione inconfutabile.

Ed infine arriva il successo, quello mondiale, quello universale, il Premio da tutti ambito. E che Feynman voleva rifiutare. Qui si percorre il terreno piu' noto, il Feynman che combatte le falsita', le ipocrisie, i riti vuoti, le celebrazioni autoreferenziali. E' al contempo il Feynman piu' cattivo (ed irriverente) ma anche il piu' divertente. E' bello vederlo combattere contro le istituzioni, contro il vuoto, contro il mondo in cui non crede, il mondo che tradisce l'anima stessa della scienza.

Non mi sentirei di consigliare la lettura di questa raccolta, per iniziare a conoscere l'universo di Feynman; di certo e' il modo migliore per approfondire, per conoscere quanto una biografia, piu' o meno autorizzata o una raccolta di aneddoti, piu' o meno riuscita, non potranno mai narrarvi.
Alessandro RoccoAlessandro Rocco wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Il lato comune (e splendido) di Feynman
Questa raccolta di lettere di uno degli scienzati più brillanti del secolo scorso, vincitore tra le altre cose di un premio Nobel, vale molto più di tanti libri di carattere divulgativo ed educativo.

Leggendo queste lettere si apprezza la straordinaria normalità di un uomo che normale non era, dotato di un intelligenza sovrumana e di una comparabile modestia e schiettezza.

Le lettere di Feynman raccolte dal 1939 al 1987 mostrano le sue grandi qualità umane e trasudano di amore verso la scienza e di curiosità verso tutto quello che catturasse la sua attenzione. E' nota la sua passione per i bonghi e per il disegno, passioni che ha cominciato ad approfondire già passati i 35 anni, segno di una vivacità intellettuale rara.

L'aspetto più apprezzabile del suo epistolario comunque rimane la sua apertura mentale e la grande dignità che riservava a lettere speditegli da gente "comune", magari a digiuno di ogni conoscenza scientifica oppure appassinati, non importa fossero elogi, consigli su quale scuola dovesse frequentare il figlio, discussioni su leggi fisiche o critiche. Feynman ha cercato nel poco tempo a sua disposizione di rispondere a tutti, a dare ad ogni domanda una risposta.

Da queste lettere viene anche fuori il lato sensibile, amorevole nei confronti della prima moglie mosrta di tubercolosi e alla quale dedicherà una lettera mai spedita dopo la sua morte che è di una delicatezza e sensibilità rare.

E' una lettura caldamente consigliata per chi volesse approfondire la conoscenza di un grande fisico e uomo e per chi volesse aiutarsi a capire "il proprio posto nel mondo aldilà degli idelai ingenui della propria gioventù"
fbfb wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)