Echi in tempesta
by Christelle Dabos
(*)(*)(*)(*)( )(427)
Ofelia e Thorn affrontano un universo colmo di allegorie e di realtà interiori profonde, di orizzonti antichi e di sentimenti nuovi, fino a scovare la verità che da sempre è nascosta dietro lo specchio. Crollati gli ultimi muri della diffidenza, Ofelia e Thorn si amano ormai appassionatamente. Tuttavia non possono farlo alla luce del sole: la loro unione deve infatti rimanere nascosta perché possano continuare a indagare di concerto sull'indecifrabile codice di Dio e sulla misteriosa figura dell'Altro, l'essere di cui non si conosce l'aspetto, ma il cui potere devastante continua a far crollare interi pezzi di arche precipitando nel vuoto migliaia di innocenti. Come trovare l'Altro, senza sapere nemmeno com'è fatto? Più uniti che mai, ma impegnati su piste diverse, Ofelia e Thorn approderanno all'osservatorio delle Deviazioni, un istituto avvolto dal segreto più assoluto e gestito da una setta di scienziati mistici in cui, dietro la facciata di una filantropica clinica psichiatrica, si cela un laboratorio dove vengono condotti esperimenti disumani e terrificanti. È lì che si recheranno i due, lì scopriranno le verità che cercano e da lì proveranno a fermare i crolli e a riportare il mondo in equilibrio.

All Reviews

51
Jessica VisentinJessica Visentin wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
Spoiler Alert
Parecchia confusione (anche un po’ di più)
Il primo libro l’ho divorato. Il secondo anche. Il terzo mi ha fatto venire qualche dubbio. Il quarto solo una grande confusione.
Nella copertina del libro si consiglia la lettura per chi ha amato Harry Potter “per la ricchezza e l’articolazione del suo magico mondo”. Devono chiedere scusa alla Rowling per aver affiancato questa saga a quella di Harry. Mi auguro che lo abbiano già fatto.
Personaggi che appaiono e scompaiono senza senso, messi solamente per riempire le pagine. Che fine fanno Lazarus? I genealogisti? Perché Ofelia, tutta la sua famiglia, gli Spiriti di Famiglia, Octavio, ecc. finiscono su Rovescio e poi tornano su Dritto perché giustamente l’Altro viene rimesso nello specchio, MA Lazarus e i Genealogisti che finiscono su Rovescio tramite il Corno dell’Abbondanza poi spariscono nel nulla?!
E di domande ce ne sarebbero ancora.
Per non parlare che non si capisce proprio cosa siano questi echi.
Quello che si capisce bene è che Ofelia è bassa, goffa e spettinata, Thorn alza le sopracciglia e sblocca la gamba di metallo (che poi non spiegano perché usa sempre il disinfettante e indossa un’armatura…la gamba ok l’aveva rotta, ma il resto??), Berenilde è bionda e bellissima, la zia Roseline ha i denti cavallini e Ambroise ha braccia e gambe invertite, ecc ecc.
Ho trovato pesantissima la continua ripetizione di domande che si fa la protagonista (sempre le stesse).
Inoltre ho seriamente pensato che la scrittrice abbia delle perversioni: questa Ofelia se ne fa subire di tutti i colori e il suo fantastico marito, che tanto dice di amarla e di volerla proteggere, lascia che lei subisca di tutto.
Nel finale Ofelia torna nel Dritto senza dita, perché per la “contropartita” deve perdere un potere familiare. Perché decide di perdere proprio il potere della lettura e non quello degli artigli che tanto quando le sarebbero serviti non ha mai saputo usarli???? E soprattutto: aveva già perso il potere di attraversare gli specchi, perché alla fine ci riesce di nuovo???
Mi dispiace molto che l’idea iniziale era davvero molto bella, ero molto incuriosita dai poteri poteri familiari, dall’esistenza delle anche e degli Spiriti di Famiglia…il terzo libro inizia addirittura con una mappa delle arche che illustra anche la loro posizione e i nomi degli Spiriti di Famiglia. Faceva pensare che si sarebbe approfondito qualcosa, no? Invece oltre ad Anima, il Polo, Babel e qualche accenno a Terra d’Arco, IL NULLA.
La Dabos si è inventata 21 nomi di arche e relativi Spiriti di Famiglia per far ruotare 2000 pagine su 3 e mezzo.
Almeno ci risparmiavamo l’elenco di tutte le Arche con gli spiriti nel bel mezzo della trama.
BatvaliBatvali wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
PrimixPrimix wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
Spoiler Alert
NO

Il voto è non solo per il libro, ma riassuntivo dell'intera saga.


Troppe cose buttate lì senza motivo, di cui non si parlerà mai più: il misterioso potere di Vittoria, e il suo personaggio in generale, a cosa sono serviti? Ofelia non può avere figli e si tormenta ogni volta che avrebbe l'occasione per parlarne con Thorn, e poi finisce tutto in una bolla di sapone?


Troppe cose, e troppi personaggi, inseriti per il preciso scopo di far andare avanti la trama, e poi riposti su una mensola a prendere polvere una volta usati: su tutti Archibald, che proprio al momento opportuno scopre di essere in grado di aprire passaggi tra le arche (toh, proprio quello di cui avevamo bisogno!), di cui a un certo punto scopriamo una malattia degenerativa di cui avremo notizie in sì e no due righe di romanzo.


Assolutamente voto ZERO alla costruzione dei rapporti interpersonali. Un po' soffrono del problema citato prima, i personaggi una volta data la loro spintarella alla trama diventano soprammobili con cui si interagisce poco o nulla. Ma anche tra i personaggi principali le cose non vanno meglio. Il rapporto tra Ofelia e Thorn è una delle cose peggio caratterizzate della saga: un amore profondissimo nato dallo scambio di una decina di parole, scambio in cui lui l'ha pure sempre trattata male. Un rapporto che sfiora il malato a mio parere, con Thorn che dice di voler proteggere Ofelia come se fosse una bambina e la tratta come una pezza da piedi nove volte su dieci, ma alla decima lei si sente dire una parolina dolce e allora va tutto benissimo, lui è l'amore della sua vita, anche se deve essere sempre attenta a come si comporta in sua presenza, alle cose che dice e a come le dice. Ma tutto a posto??


Infine, la trama vera e propria. Che poteva anche essere interessante, ma è stata portata avanti talmente male da farmi perdere ogni interesse, salvo forse riprendersi un pochino nella seconda metà di questo ultimo libro, in cui la curiosità di scoprire cosa sta succedendo davvero in questo marasma poco sensato di sottotrame inconcluse e inutili fa quasi dimenticare la pessima scrittura intorno. Quasi.

ClaudiaClaudia wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )

Il quarto e ultimo capitolo della saga è stato una vera delusione.

Il mondo resta affascinante, molto d’atmosfera, pieno di personaggi bislacchi e “fuori dalle righe” ma manca del tutto la novità perché ci si muove ancora sugli stessi binari, non ho visto una grande maturazione stilistica e la gestione del mistero sul quale è imperniata tutta la saga lascia un po’ a desiderare.

Diciamolo pure: la chiusura del cerchio non è delle più riuscite. Molte cose non vengono ben spiegate, o non vengono spiegate a fondo.

Tutto il gruppo Gaela-Renard-Archibald viene praticamente dimenticato e ripescato qua e là ma in modo molto superficiale. Assumono più il ruolo di comparsate che di personaggi comprimari. Il Cavaliere compare a caso, in un flash, e poi risparisce. Che scopo ha il personaggio di Vittoria?

La risoluzione del mistero, che ci portiamo dietro da tre libri, viene liquidata in 200 pagine, attraverso spiegoni interminabili e, a mio avviso, poco convincenti e un po’ confusionari. Resta molto l’amaro in bocca perché le fila vengono tirate male, le micro trame si chiudono peggio e le grandi domande trovano risposte ma non si capisce bene il come e il perché. Le azioni di Ophelia vanno avanti per epifania cosa che, visto il personaggio, ci sta ma che personalmente trovo un po’ abusata. Per tre quarti del libro non ci sono risposte e tutto si risolve un po’ così, in modo frettoloso. Non nego che in molti momenti sono stata divorata dalla noia; tutta la parte dedicata all’Osservatorio delle Deviazioni è tediosa all’inverosimile.

Gli Spiriti di Famiglia vengono totalmente dimenticati assieme ai loro libri e a tutte le domande sul come e sul perché Dio abbia mai pensato di crearli. Ad un certo punto vengono relegati sullo sfondo, vengono spiegate due cose i croce ma le vere domande vengono bellamente dimenticate.

Sostanzialmente la Dabos risolve i macro problemi creandone altri. Perché il Corno dell’Abbondanza funziona male e la Cristallizzazione no? Eulalia voleva sconfiggere la guerra ma come ha fatto a trasportare interi continenti nel Rovescio? Cosa centrano in tutto gli Spiriti di Famiglia? La malattia di Archibald? Cosa sono sti benedetti echi?

Non compare nessuna nuova arca e anche questo è stato un vero peccato. Quanto è fatta male Terra d’Arco?

Il finalissimo, proprio le ultime due pagine, mi hanno fatto veramente orrore. Finale aperto? Tragico? Possibile happy ending? Boh, per me è un finale che non sa né di carne né di pesce.

Belli, invece, il focus su Thorn e sulle sue fragilità e il lavoro di squadra tra Thorn e Ophelia. 

MaripcMaripc wrote a review
00
(*)( )( )( )( )
PierpaolaPierpaola wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
FernandaFernanda wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )