Finché il caffè è caldo
by Toshikazu Kawaguchi
(*)(*)(*)(*)( )(1,176)
Un tavolino, un caffè, una scelta. Basta solo questo per essere felici.

ECCO LE 5 REGOLE DA SEGUIRE:
1. Sei in una caffetteria speciale. C’è un unico tavolino e aspetta solo te.
2. Siediti e attendi che il caffè ti venga servito.
3. Tieniti pronto a rivivere un momento importante della tua vita.
4. Mentre lo fai ricordati di gustare il caffè a piccoli sorsi.
5. Non dimenticarti la regola fondamentale: non lasciare per alcuna ragione che il caffè si raffreddi.

In Giappone c’è una caffetteria speciale. È aperta da più di cento anni e, su di essa, circolano mille leggende. Si narra che dopo esserci entrati non si sia più gli stessi. Si narra che bevendo il caffè sia possibile rivivere il momento della propria vita in cui si è fatta la scelta sbagliata, si è detta l’unica parola che era meglio non pronunciare, si è lasciata andare via la persona che non bisognava perdere. Si narra che con un semplice gesto tutto possa cambiare. Ma c’è una regola da rispettare, una regola fondamentale: bisogna assolutamente finire il caffè prima che si sia raffreddato. Non tutti hanno il coraggio di entrare nella caffetteria, ma qualcuno decide di sfidare il destino e scoprire che cosa può accadere. Qualcuno si siede su una sedia con davanti una tazza fumante. Fumiko, che non è riuscita a trattenere accanto a sé il ragazzo che amava. Kotake, che insieme ai ricordi di suo marito crede di aver perso anche sé stessa. Hirai, che non è mai stata sincera fino in fondo con la sorella. Infine Kei, che cerca di raccogliere tutta la forza che ha dentro per essere una buona madre. Ognuna di loro ha un rimpianto. Ognuna di loro sente riaffiorare un ricordo doloroso. Ma tutti scoprono che il passato non è importante, perché non si può cambiare. Quello che conta è il presente che abbiamo tra le mani. Quando si può ancora decidere ogni cosa e farla nel modo giusto. La vita, come il caffè, va gustata sorso dopo sorso, cogliendone ogni attimo.

All Reviews

152
bubbybubby wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
ClaverxClaverx wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
Da leggere al momento giusto...
Se mai ce ne fosse bisogno, questo libro mi ha confermato che c'è un momento giusto per fare ogni cosa... o meglio momenti più giusti di altri: per guardare un film, per fare un viaggio, per incontrare le persone e appunto per leggere un libro.

Di sicuro contano la vita e le esperienze vissute, quello che si sta passando, ma tant'è che per me questa lettura ci voleva... proprio ora... come una pausa nella vita troppo frettolosa.

Sgombriamo subito il campo : non è adatto a chi cerca azione o capolavori epici, nè tantomeno fantascienza (anche se si viaggia nel tempo).
Il libro di per sé non è un capolavoro di lettura: semplice nella storia, che si svolge interamente in un piccolo Caffè giapponese, con pochi personaggi, che però danno vita a quattro storie personali diverse, li per li come ce ne sono tante, ma che ad una lettura più attenta hanno il potere di scaraventarti nelle situazioni simili della tua vita...
...e allora diventi a poco a poco un avventore di quel piccolo e strano locale, e vuoi conoscere in fretta il procedere delle storie e l'impatto emotivo aumenta a dismisura, fino a tracimare in occhi lucidi e lacrime...
... e allora alla fine vorresti anche tu sederti su quella unica sedia, pur consapevole di quelle infinite regole, per ritornare nel passato anche se solo il tempo che "il caffè non si raffreddi", anche se sai bene che non "cambierebbe il presente"...
... per rivedere il sorriso di una persona cara che non c'è più... per dire ad altre quello che non sei mai riuscito a dire... o per rivivere momenti della tua vita, che solo dopo hai compreso quanto fossero importanti e unici, solo dopo purtroppo...

È una delicata pausa che mi ha fatto riflettere su tante cose della mia vita... e vi auguro che succeda anche voi