Fiore di roccia
by Ilaria Tuti
(*)(*)(*)(*)(*)(551)
Con Fiore di roccia Ilaria Tuti celebra il coraggio e la resilienza delle donne, la capacità di abnegazione di contadine umili ma forti nel desiderio di pace e pronte a sacrificarsi per aiutare i militari al fronte durante la Prima guerra mondiale. La Storia si è dimenticata delle Portatrici per mol... More

All Reviews

100
MamussiMamussi wrote a review
03
(*)(*)(*)(*)(*)
La Storia spesso nasconde tra le pieghe dei grandi eventi, fatti sconosciuti e personaggi invisibili che hanno contribuito però in maniera considerevole a tesserne la trama.
Questo libro, ambientato sui monti della Carnia durante la Prima Guerra Mondiale, ci parla delle portatrici, le coraggiose donne che rifornirono i soldati nelle trincee lungo il fronte dei combattimenti, trasportando nelle loro gerle viveri, armi, munizioni, posta e quant'altro servisse, inerpicandosi lungo erti sentieri in faticose risalite, sotto i dardi del sole o nel gelo e nella neve, nella costante minaccia dei cecchini austriaci.
Donne semplici ma determinate e dotate di straordinaria forza morale; dure e tenaci, ma nello stesso tempo delicate e fragili, proprio come le stelle alpine: i fiori di roccia delle loro montagne.
Da questa impresa epica trascurata dalla Storia, l'autrice trae spunto per far agire i suoi personaggi, di fantasia ma riferibili a persone reali, rendendoli indimenticabili.
La sua scrittura, di sorprendente potenza evocativa, coinvolge i sensi (vista, udito, olfatto) restituendoci immagini nitide, intense e perfette di quel teatro di guerra in tutto il suo orrore e dolore, mostrando quanto sia un'inutile strage sempre e comunque.
E' una lettura che non si lascia abbandonare neanche per poco; una lunga poesia che smuove qualcosa dentro, emoziona e commuove.

Una volta di più provo rabbia verso un re che instilla un senso di colpa suicida nei figli che dovrebbe proteggere.

Guardo questa madre, che spende il tempo prezioso che le rimane nel tentativo di salvarci, invece di stare con i suoi bambini, e vedo, finalmente, Dio.
Dio è qui ed è donna.