Follia
by Patrick McGrath
(*)(*)(*)(*)(*)(8,559)
Inghilterra, 1959.
Dall'interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre, con apparente distacco, il caso clinico più perturbante che abbia incontrato nella sua carriera – la passione letale fra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra dell'ospedale, e Edgar Stark, un artista detenuto per un uxoricidio particolarmente efferato. È una vicenda cupa e tormentosa, che fin dalle prime righe esercita su di noi una malìa talmente forte da risultare quasi incomprensibile – finché lentamente non ne affiorano le ragioni nascoste. «Emersi da una lettura che probabilmente avrà avuto poche interruzioni – senza ricorrere a sensazionalismi plateali, McGrath è un maestro nel­l'arte di non mollare la presa – ci si potrà domandare semmai in che categoria collocare questo libro avvincente... Libro in ogni caso di atmosfere e di inquietudini sotterranee, tali da creare un disagio che a molti non dispiacerà. Ricordate la Gwendolin di Oscar Wilde? “Che tensione intollerabile” osservava quella saggia giovinetta. E continuava: “Speriamo che duri».

All Notes

9
BoxofcloudsBoxofclouds added a note
00
Sì legge tutto d’un fiato. Follia amore genio e sregolatezza si fondono in un unicum.
BoxofcloudsBoxofclouds added a note
00
Sì legge tutto d’un fiato. Follia amore genio e sregolatezza si fondono in un unicum.
FengariFengari added a note
00
Venduto
FengariFengari added a note
00
Venduto
ChiaraChiara added a note
01
image
veritá...
ChiaraChiara added a note
01
image
veritá...
YleYle added a note
00
"Già, l'amore" dissi. "Parliamo di questo sentimento che non riuscivi a dominare. Come lo descriveresti?". Qui Stella fece un'altra pausa. Poi, con voce stanca, riprese: "Se non lo sai non posso spiegartelo".
"Allora non si può definire? Non se ne può parlare? É una cosa che nasce, che non si può ignorare, che distrugge la vita delle persone. Ma non possiamo dire nient'altro. Esiste, e basta".
"Queste sono parole, Peter". mormorò Stella.
YleYle added a note
00
"Già, l'amore" dissi. "Parliamo di questo sentimento che non riuscivi a dominare. Come lo descriveresti?". Qui Stella fece un'altra pausa. Poi, con voce stanca, riprese: "Se non lo sai non posso spiegartelo".
"Allora non si può definire? Non se ne può parlare? É una cosa che nasce, che non si può ignorare,
riccardoriccardo added a note
00
sdnnckopdjq
riccardoriccardo added a note
00
sdnnckopdjq
LadyoceanoLadyoceano added a note
00
image
LadyoceanoLadyoceano added a note
00
image
KatiaKatia added a note
00
KatiaKatia added a note
00
00
823.9
MCG 17049
Letteratura Inglese
00
823.9
MCG 17049
Letteratura Inglese
CrisalideaCrisalidea added a note
00
"Stella mi disse di aver capito in quel momento che in ciascuno di noi c'è come l'anelito a gridare al mondo la verità, a qualsiasi costo. O a distruggersi."
CrisalideaCrisalidea added a note
00
"Stella mi disse di aver capito in quel momento che in ciascuno di noi c'è come l'anelito a gridare al mondo la verità, a qualsiasi costo. O a distruggersi."