Gli eroi della guerra di Troia
by Giorgio Ieranò
(*)(*)(*)(*)( )(32)

All Reviews

7
TBS • The Book SeekerTBS • The Book Seeker wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Silvia DevitofrancescoSilvia Devitofrancesco wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
La città di Troia è realmente esistita? Cosa ne è stato dei suoi abitanti? Davvero la guerra è stata scatenata da un adulterio? Giorgio Ieranò prova a dare risposta a queste domande attraverso la presentazione di quei personaggi che della guerra sarebbero stati i principali protagonisti, entrati ormai nell’immaginario collettivo. Chi sono davvero Ettore, Achille, Elena, Ulisse ed Enea? Quale ruolo ricoprirono?

“Tempo fa chi avesse sostenuto che la guerra di Troia era un fatto storico sarebbe stato preso per matto. Lo sapevano tutti che era una leggenda, una grande favola, un meraviglioso racconto d’amore e di guerra, un teatro di prodigi e di avventure, un’epopea di passioni e di dolori.”

Le vicende legate alla guerra di Troia hanno sempre esercitato su di me un certo fascino, sin da quando in prima media durante l’ora di Epica, ne ho sentito parlare per la prima volta.

Alle guerra di Troia e ai suoi eroi sono stati dedicati moltissimi libri, tuttavia questo volume reca un grande elemento di originalità: l’autore cerca di andare oltre Omero e quindi d’indagare nel panorama storico – culturale successivo.

I personaggi vengono presentati a tutto tondo attraverso i racconti mitologici, le descrizioni di vizi e virtù e soprattutto servendosi del confronto con altre tradizioni letterarie. Ed è così che talora il medesimo personaggio assume una valenza positiva o negativa a seconda del momento storico o dell’opera letteraria nella quale lo si inserisce.

L’autore abilmente dimostra che l’eredità di Omero viene accolta non solo nelle epoche successive, si pensi alle tragedie di Eschilo o di Euripide, ma anche in civiltà totalmente diverse da quella greca arcaica, si pensi alle opere di autori latini, primo tra tutti Virgilio. Questo continuo confronto permette di constatare quanto il diverso modo di vivere tenda a influenzare anche la letteratura.

L’autore si serve di una prosa semplice e lineare; non mancano esempi tratti dal nostro panorama sociale contemporaneo che permettono di rendere l’opera alla portata di tutti. La narrazione procede in maniera fluida e affascinante, tanto che sembra quasi di essere accanto agli eroi.

Ampio è il coinvolgimento emotivo da parte del lettore, il quale pur avendo studiato Omero e i suoi poemi sui libri di scuola, s’incuriosisce, cerca egli stesso di proporre nuovi confronti e si lascia trasportare dal fascino senza tempo che la guerra di Troia continua a evocare.

Una lettura piacevole e interessante, capace di suscitare domande e curiosità (a questo proposito,in chiusura dell’opera, l’autore fornisce un ampio apparato di approfondimento bibliografico) oltre che un invito a leggere criticamente i grandi poemi epici.

Un saggio che sembra quasi essere un romanzo, un ottimo ed efficace mezzo per fare concretamente Letteratura.
PupottinaPupottina wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Gli eroi della guerra di Troia
Un'opera superlativa per chi non sa resistere al fascino della mitologia. Grazie allo stile, piacevole, sintetico, semplice, immediato e ben strutturato, è un saggio adatto a tutti. Si legge che è un piacere e lo si trova interessante e scorrevole in ogni pagina, anche nonostante vada a riprendere argomenti già trattati a scuola, ma che mai hanno smesso di appassionare i lettori di ogni età.
Ed è così che la bella Elena, Achille, Ulisse e gli altri tornano a parlare di sé e diventano più reali che mai, soprattutto dopo che Johann Joachim Winckelmann ha individuato le rovine della città di Troia e con essa il favoloso tesoro di Priamo.
Quanto ancora hanno da dirci gli antichi poemi omerici? Chi erano davvero gli eroi e le eroine della guerra di Troia? Quali sono le storie più autentiche e segrete delle figure cantate nell’Iliade e nell’Odissea?
Il libro "Gli Eroi della guerra di Troia" racconta in modo nuovo i protagonisti della grande epopea omerica che tutti abbiamo studiato a scuola e che non ha smesso mai di affascinarci. Grazie all'autorevole Giorgio Ieranò, docente di Letteratura greca all’Università di Trento, arriviamo a scoprire anche quello che Omero non dice, scavando nella miniera di leggende, spesso frammentarie ed enigmatiche, che gli antichi ci hanno lasciato. Ieranò è riuscito a parlare di loro con attualità e con uno stile coinvolgente e leggero, ma al tempo stesso competente e attendibile, essendo a tutti gli effetti uno specialista della materia.
Un'ottima lettura che consiglio a chi vuole avvicinarsi ai miti, a chi non è ancora sazio delle conoscenze apprese al liceo o a chi vuole semplicemente rispolverare, nella memoria, le storie di eroi ed eroine che l'hanno sempre appassionato.