Harry Potter and the Philosopher's Stone
by J. K. Rowling
(*)(*)(*)(*)(*)(36,549)
Harry Potter has never even heard of Hogwarts when the letters start dropping on the doormat at number four, Privet Drive. Addressed in green ink on yellowish parchment with a purple seal, they are swiftly confiscated by his grisly aunt and uncle. Then, on Harry's eleventh birthday, a great beetle-eyed giant of a man called Rubeus Hagrid bursts in with some astonishing news: Harry Potter is a wizard, and he has a place at Hogwarts School of Witchcraft and Wizardry. An incredible adventure is about to begin! These new editions of the classic and internationally bestselling, multi-award-winning series feature instantly pick-up-able new jackets by Jonny Duddle, with huge child appeal, to bring Harry Potter to the next generation of readers.

Giordano Bruno's Review

Giordano BrunoGiordano Bruno wrote a review
02
(*)(*)(*)( )( )
Finalmente letto in inglese!

Da qualche tempo mi ero ripromesso di (ri)leggere la saga di Harry Potter in inglese, dopo, ovviamente, averla letta in italiano (cosa che ho fatto ormai da anni). Terminata quindi la lettura della lunga "A series of unfortunate events" di Lemony Snicket, mi sono potuto dedicare almeno a questo primo volume potteriano. Mi tocca ammetterlo: è davvero una bella lettura e in lingua ci guadagna sicuramente: per prima cosa si evita il pasticcio della traduzione dei nomi. Niente Paciok, niente Baston, né Piton e nemmeno Silente, o il miscuglio di nomi originali e non della traduzione italiana "rivista corretta" della seconda edizione. La sensazione è molto più "british" e meno hollywoodiana (qui la colpa però è dei film, per quanto alcuni siano veramente ben fatti). Non mi stupisce il successo planetario che ha avuto: le idee non mancano e l'autrice è riuscita a dar loro una certa coerenza, pur mescolando elementi provenienti un po' da tutte le parti. Ad ogni modo è scritto bene, in un inglese forse non elementare, ma nemmeno complicato. L'unica difficoltà è riuscire a decifrare la parlata del buon Hagrid!

Ora proseguirò, con calma, con la lettura della "Camera dei segreti".